Dom25022024

Last update11:16:00 AM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

                            banner store H24 2023  

 

Back Sei qui: Home Notizie Attualità Imprenditori agricoli, sit-in di protesta davanti alla sede della Regione Puglia

Imprenditori agricoli, sit-in di protesta davanti alla sede della Regione Puglia

Condividi

cia-copagri-presidio-bari

 

Venerdì 19 maggio, comunicato stampa congiunto

A Bari da tutta la Puglia: il 22 maggio
sit-in agricoltori davanti alla Regione

Pullman organizzati da tutta l’area metropolitana di Bari, poi dalla BAT, e da Lecce, Taranto, Brindisi Sui Consorzi commissariati la protesta sul Lungomare Nazario Sauro dalle ore 14 di lunedì
Protestano CIA e Copagri, sotto accusa la gestione dei Consorzi commissariati di tutto il territorio
Riforma subito, piano di interventi, diversa gestione idrico-irrigua, riorganizzazione degli uffici

BARI - Arriveranno agricoltori da tutta l’area metropolitana di Bari, poi dalla BAT, e da Lecce, Taranto, Brindisi. Lunedì 22 maggio, dalle ore 14, gli imprenditori agricoli, i dirigenti regionali e le delegazioni territoriali di CIA Agricoltori Italiani Puglia e Copagri Puglia terranno un sit-in di protesta davanti alla sede della Regione Puglia, sul Lungomare Nazario Sauro.

“Sulla disastrosa situazione dei Consorzi di Bonifica commissariati (Arneo, Stornara e Tara, Terre d’Apulia e Ugento Li Foggi) porteremo la nostra protesta e le nostre proposte”, annunciano Gennaro Sicolo, presidente di CIA Puglia, e Michele Palermo, presidente di Copagri Puglia.

“Avevamo chiesto a tutte le altre organizzazioni di fare un’unica manifestazione unitaria, per mettere insieme tutto il mondo agricolo, ma Coldiretti e Confagricoltura hanno preferito fare da sole. Prima o poi occorrerà comprendere che, su questioni come queste, bisogna essere uniti, nell’interesse esclusivo del mondo agricolo pugliese”.
IL DOCUMENTO. Al presidente Emiliano e agli assessori Piemontese (Bilancio) e Pentassuglia (Agricoltura), consegneranno un documento molto chiaro che esprime 4 “NO” e tre “SI”: “no al Tributo 630 e alle cartelle pazze, si invece al saldo e stralcio delle cartelle; no all’aumento delle tariffe irrigue dei Consorzi e delle tariffe Arif (fatte peraltro senza alcun preavviso), si a un immediato avvio della stagione irrigua”. Fondamentali, inoltre, sono il “NO” al prosieguo della gestione commissariale e un SI deciso e ultimativo su una riforma immediata dei Consorzi di Bonifica. Una riforma che, specificano le due organizzazioni, NON deve contemplare la creazione di un Consorzio Unico: troppo differenti sono condizioni e necessità specifiche, territoriali e colturali, delle diverse aree della Puglia. Con il Consorzio Unico, il rischio è quello di non riuscire a modulare interventi e servizi nel modo più adeguato per sostenere lo sviluppo dell’agricoltura.

RIFORMA SUBITO. “La riforma dei Consorzi si è fermata agli annunci. Stessa cosa per i piani di classifica, per i quali serve una condivisione seria e concreta. Noi siamo a favore di un azzeramento totale della gestione commissariale e la costituzione di una nuova governance orientata sulle istanze dei diversi territori, obiettivo che riteniamo difficile centrare con la costituzione di un consorzio unico. Sarebbe opportuno ipotizzare la costituzione di almeno due nuovi organismi”.

LE PROPOSTE. Chiudere la gestione commissariale per riuscire, finalmente, a compiere una serie di azioni non più derogabili: programmare un piano di lavori pluriennali dei Consorzi, con l’utilizzo di fondi comunitari, nazionali e regionali che consentano interventi strutturali; affidare ai Consorzi di Bonifica la piena e prioritaria gestione della risorsa idrica, privilegiando la funzione irrigua di questi enti come avviene nella stragrande maggioranza delle Regioni italiane, favorendo l’ammodernamento degli impianti e delle reti di distribuzione di acqua di derivazione superficiale e da falda; sostenere l’attività svolta dal Commissario Straordinario di definizione, in via transattiva,
della debitoria nei confronti di amministrazioni pubbliche; favorire l’esodo incentivato del personale a tempo indeterminato finalizzato al potenziamento delle Aree Tecniche, con l’obiettivo di promuovere una forte e rinnovata spinta progettuale in grado di intercettare le risorse disponibili nell’ambito della pianificazione europea, nazionale e regionale.

CIA-COPAGRI

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna