Dom20012019

Last update04:10:35 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  
banner madel nuovo  banner grande frat sett  


banner my dill s        banner fast2

 

Back Sei qui: Home Notizie Cronaca Scuola materna Capurso. Maltrattavano i bambini, arrestate quattro maestre. Video

Scuola materna Capurso. Maltrattavano i bambini, arrestate quattro maestre. Video

Condividi

maltrattamenti-asilo-capurso


Comando Provinciale Carabinieri Bari

Capurso (BA).  Maltrattavano bambini a loro affidati, mortificandoli con offese e “castigandoli” con punizioni esemplari

I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito un ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Bari ufficio G.I.P.. In manette quattro maestre, M.L, cinquantadue anni, originaria della provincia di Lecce, M.L sessantatreenne, B.N. quarantasettenne, V.A quarantanovenne, originarie della provincia di Bari, della Scuola Materna “Montessori” di Capurso, le quali sono state ritenute responsabili di gravi maltrattamenti a carico dei propri alunni, tutti bambini di tre anni.

I Carabinieri della locale Stazione, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bari,  a seguito di accurata e specifica attività di indagine, accertavano e verificavano che le quattro maestre, sia autonomamente che talora in concorso, nell’anno scolastico 2017/2018, rendevano dolorose e mortificanti le relazioni con i bambini, a loro affidati per cura ed educazione, assumendo comportamenti vessatori e violenti nei loro confronti.

In particolare i Carabinieri verificavano che le maestre, in maniera sistematica, per esercitare la loro funzione di insegnante, assumevano  nei confronti dei bambini comportamenti violenti,  spintonandoli, strattonandoli, a volte, trascinandoli fino a farli cadere e/o urtare ed, in alcuni casi, percuotendoli con schiaffi alle braccia e sul volto.

Ai piccoli, veniva imposto di rimanere con il capo riverso sul banco, in posizione sottomessa ed, in caso di rifiuto, costretti con forza a tenere tale posizione.

Altre “punizioni” consistevano  nell’imporre ai bambini a rimanere in un angolo della classe con il volto rivolto verso il muro, a volte, con le mani dietro la schiena, per periodo prolungati.

Le maestre minacciavano i bambini, intimorendoli che: “sarebbero stati legati con la corda – che avrebbero avuto le botte – che sarebbe stato portato in caserma dai Carabinieri dove un cane gli avrebbe dato un morso”, oltre a mortificarli  platealmente, ed offendendoli con frasi: ”monelli, cattivi, scostumati, maleducati, monellaccio di strada, rimbambiti, pappamolli”.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna