Mar18052021

Last update09:02:13 AM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner2 nuovo madel

  banner giardini 900 2  

 

banner verna rifatto 

                banner meraviglie pulito
Back Sei qui: Home Notizie Attualità Piazza Manzoni riqualificata, videointervista al progettista arch. Giuseppe Dilorenzo

Piazza Manzoni riqualificata, videointervista al progettista arch. Giuseppe Dilorenzo

Condividi

dilorenzo-piazza-manzoni-video


Sabato scorso siamo stati dentro il cantiere di Piazza Manzoni con il progettista, arch. Giuseppe Dilorenzo. A pochi giorni dalla fine dei lavori abbiamo voluto ripercorrere le questioni relative al progetto, ai materiali e alla controversa presenza del bagno proprio al centro della piazza.

L’opera è costata, complessivamente, 560.000 euro, dei quali 392.000 euro è il costo dei lavori al netto del ribasso che la AEMME S.r.l. di Polignano a Mare ha fatto in sede di gara. La piazza, dunque, è completata e a breve sarà consegnata alla fruibilità dei cittadini.

Si possono avere opinioni diverse su quello che è stato fatto e come è stato fatto; riteniamo, però, che il risultato finale sia comunque un salto di qualità rispetto a prima, all’ex mercato coperto che da anni non svolgeva più la funzione per cui era stato progettato e costruito e, tra l’altro, versava in condizioni di degrado estetico e strutturale.

Come al solito non aggiungiamo altro, è tutto nel servizio video che qui sotto vi proponiamo.

Buona visione

 

 

 

 

 

Commenti  

 
+5 # NY 2020-06-19 17:52
Caro Direttore, la stimo tanto come giornalista ma mi sembra che le domande fatte al progettista erano maliziose tanto da voler diciamo costringere lo stesso a dire che la la colpa del progetto e realizzazione se cosi vogliamo dire sia della ex amministrazione di ciò che sta nascendo in quel luogo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-1 # Gianni Nicastro 2020-06-19 18:48
Caro "NY",
innanzitutto la ringrazio per la stima. Mi pare che il progettista nell'intervista si sia preso gran parte delle responsabilità su quello che è stato fatto.
Io penso che, di ogni opera pubblica, l'amministrazio ne comunale sotto la quale nasce porti la responsabilità complessiva, nel bene e nel male.
Nell'introduzio ne dico che Piazza Manzoni ha fatto decisamente un salto di qualità rispetto a prima, e questo mi sembra sia un riconoscimento circa la passata amministrazione . Poi, secondo me, si poteva fare meglio, si potevano coniugare diverse priorità (la necessità di parcheggi, di uno spazio urbano dedicato alle famiglie, agli eventi musicali... insomma, un'area polifunzionale) . L'altra cosa che si sarebbe potuto fare è una bella asfaltata nell'attesa di un progetto di riqualificazion e che contemplasse una piazza, anche tipo quella realizzata, ma con due piani di parcheggio interrato. Tenere questo progetto in standby fino all'opportunità di un finanziamento adeguato che potesse arrivare dal governo, dalla regione o dall'Europa. A volte, per le cose buone o fatte bene, bisogna saper aspettare. Ma l'amministrazio ne di allora aveva altre priorità, altre prospettive.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Gianni Nicastro 2020-06-19 16:00
Citazione Cormorano11:
Ma in fase di progettazione la cabina elettrica era presente o assente? ...

Solo a titolo di cronaca.
Il progettista potrà avere altro tipo di responsabilità, non certo quella della cabina elettrica che ha ritardato di parecchio la fine dei lavori. La responsabilità è dell'amministra zione comunale di allora che ha consegnato i lavori, a gennaio scorso, senza prima spostare la cabina dell'Enel. Sulla cabina e sui tempi dei due progetti puoi vedere l'articolo al link:
http://www.rutiglianoonline.it/notizie/politica/11195-cantiere-su-piazza-manzoni,-altri-quattro-mesi-per-completare-l%E2%80%99opera.html

La gru era già lì da qualche mese prima che cominciassero i lavori della piazza. Anche qui, le respomsabilità sono amministrative: aver consentito che l'impresa edile che sta costruendo montasse la gru sull'area del futuro cantiere della piazza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Cormorano11 2020-06-19 14:32
Ma in fase di progettazione la cabina elettrica era presente o assente? :-*
Non prevedere lo spostamento di questo manufatto fa capire con quanta superficialità si è progettato l'intervento.
Irresponsabili come sempre, per non parlare poi della scusa della grú in sosta per un mese a causare il ritardo di 1 anno
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Papocchio 2020-06-19 12:30
...già che passa di lì il ramo di fogna, abbiamo messo la latrina.
Non c'è che dire, come criteri di progettazione, niente male!!!
*
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna