Ven19072024

Last update04:12:48 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

              banner store H24 2023
                                                        
 

 

 

 

Back Sei qui: Home Notizie Attualità SFIDUCIATO, L'ASS. IAFFALDANO COME IL MINISTRO BONDI

SFIDUCIATO, L'ASS. IAFFALDANO COME IL MINISTRO BONDI

Condividi

Si è aperto un fronte caldo tra minoranza consiliare e giunta. Gli otto consiglieri di opposizione hanno chiesto le dimissioni dell’assessore Carmine Iaffaldano, delegato all’Urbanistica e ai Lavori Pubblici. Il motivo della richiesta è la perdita, per il comune di Rutigliano, di circa quattro milioni di euro di finanziamento a fondo perduto, un finanziamento regionale a cui si poteva accedere attraverso la presentazione di progetti per le opere di urbanizzazione primaria e secondaria delle aree Pip (Piano di insediamenti produttivi).

Rutigliano l’anno scorso ha partecipato a questo concorso/selezione con un progetto da realizzare nel Pip di via Adelfia. Un intervento di 5 milioni di euro complessivi di cui 4 avrebbe dovuto metterceli la regione, 1 sarebbe venuto da privati (CONSURB) e comune. A maggio scorso la regione boccia l’83,5 % di questo progetto, quindi del finanziamento, concedendo soltanto 770.000 euro che, comunque, non arriveranno perché il nostro comune si è posizionato al 18° posto in una graduatoria che finanzia solo fino al 16°.

L’amministrazione Romagno qualche mese fa si è rivolta al TAR con un ricorso contro tutti gli atti della “selezione pubblica” che ha escluso Rutigliano dal finanziamento regionale. Il 15 dicembre scorso i giudici amministrativi si sono espressi sulla “domanda cautelare” contenuta nel ricorso respingendola perché “il progetto presentato dal comune ricorrente non appare allo stato ammissibile a finanziamento”.
Questi in breve i passaggi fondamentale della vicenda.

Ora, l’opposizione accusa l’assessore Iaffaldano di “grande approssimazione, superficialità ed incompetenza” con le quali ha gestito “la pratica e la partecipazione al bando di infrastrutturazione PIP”. Considera “gravissimo”, il “danno che ha arrecato al tessuto produttivo del nostro paese il mancato finanziamento di opere essenziali per lo sviluppo delle imprese nella zona PIP di via Adelfia”. L’opposizione, dunque, invita Iaffaldano “a dimettersi dal proprio incarico assessorile” e, nel caso questo non dovesse succedere, chiede al sindaco “di revocare immediatamente la nomina di assessore e ogni delega conferitagli”.

«Non so come faccia l’opposizione a parlare di grande approssimazione» ci ha detto Carmine Iaffaldano, da noi interpellato sulla richiesta di dimissioni. «Loro -ha continuato l’assessore- in consiglio comunale non hanno votato contro il provvedimento, né hanno mai fatto considerazioni sulla autenticità e sul buon lavoro fatto col progetto. Scendo dalle nuvole, in quel consiglio comunale non hanno mai espresso un punto di vista tale che facesse pensare che il progetto non fosse buono».

«La cosa assurda -ha aggiunto- è che la regione Puglia ci ha dato la possibilità di fare le infrastrutture (strade…), e ci ha negato la possibilità di fare l’asilo nido, il centro servizi polifunzionale che sarebbe stato bellissimo». I consiglieri di minoranza «se la devono prendere con Nichi Vendola non con me», ha rincarato l’assessore.

A Iaffaldano abbiamo infine chiesto se non fosse preoccupato per questa specie di mozione di sfiducia. «Senta, non è che non mi preoccupa» è stata la risposta. «Io sono un delegato del sindaco; il sindaco è colui che mi ha dato la fiducia in tal senso, come hanno fatto i cittadini di Rutigliano i quali, voglio ricordare, mi hanno eletto in consiglio comunale, questa è la cosa principale». «Poi vedremo -ha chiosato- se ci sono delle responsabilità, ma le dico che non ci sono responsabilità».

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna