Ven19072024

Last update04:12:48 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

              banner store H24 2023
                                                        
 

 

 

 

Back Sei qui: Home Notizie Cronaca Suoli cimiteriali, il TAR dà torto al comune e ragione alla Purgatorio e alla SS. Crocifisso

Suoli cimiteriali, il TAR dà torto al comune e ragione alla Purgatorio e alla SS. Crocifisso

Condividi

sentenza-tar-purgat crocifisso

 

di Gianni Nicastro

Una sconfitta clamorosa e su tutti i fronti quella subita dall’amministrazione comunale al TAR Puglia su ricorso delle due associazioni, Purgatorio e SS. Crocifisso, già assegnatarie -attraverso un bando pubblico- di due suoli cimiteriali per la costruzione di cappelle per loculi. Il comune, ad agosto 2023 ha aggiudicato i due suoli alle due associazioni. A marzo del 2024 lo stesso comune ha disposto la decadenza dell’aggiudicazione perché le due associazioni non avevano pagato il suolo entro la data stabilita. Questo è, sostanzialmente, il motivo della decadenza dell’aggiudicazione. Nell’udienza del 4 giugno scorso i giudici del TAR hanno ascoltato le parti e si sono riservati di emettere una sentenza breve, sentenza che è stata pubblicata oggi 27 giugno.

“(…) il ricorso è fondato nel merito e, pertanto, deve essere accolto”, premettono i giudici nella parte della sentenza che, sostanzialmente, accoglie tutte le censure mosse nel ricorso delle due associazioni. «Nelle gare pubbliche -vi si legge- la revoca da parte della stazione appaltante dell'aggiudicazione definitiva può sempre intervenire, ma deve essere accompagnata da ragioni “convincenti” sull'interesse della Pubblica amministrazione (…) e, soprattutto, deve essere corredata da un'applicazione corretta delle norme in materia e dei principi generali dell'ordinamento giuridico».

Il provvedimento impugnato, cioè l’atto di revoca dell’aggiudicazione, «è privo di qualsiasi motivazione riguardo all’interesse pubblico “in concreto” tutelato, essendo basato esclusivamente sul mero decorso del termine concesso motu proprio dal Comune resistente». Tra l’altro non c’erano controinteressati in quanto, alla gara, hanno partecipato solo le due associazioni aggiudicatarie.

Altre censure sono state mosse dai giudici all’operato del comune: nessuna, preliminare, diffida ad adempiere al pagamento del costo del suolo, nessuna comunicazione dell’avvio del procedimento. “Neanche -scrivono i giudici nella sentenza- tale passaggio procedimentale è stato rispettato, rendendo in tal modo, a più forte ragione, l’operato dell’Amministrazione comunale resistente passibile di censura sul piano della legittimità degli atti in concreto adottati”. “Ne consegue -concludono- l’accoglimento del ricorso e l’annullamento degli atti e provvedimenti con il medesimo impugnati…” “P.Q.M. il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia, Sede di Bari, Sezione II, definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo accoglie, per l’effetto annullando i provvedimenti impugnati.
Condanna il Comune di Rutigliano al pagamento delle spese di lite in favore dell’Associazione ricorrente, che liquida in € 1.500,00 (euro millecinquecento,00), oltre accessori come per legge”.

Insomma, non solo i giudici hanno dato ragione su tutto ai ricorrenti, hanno anche “censurato” l’amministrazione comunale sulla “legittimità” degli atti concretamente adottati, quindi, sulla revoca dell’aggiudicazione dei due suoli imponendole pure il pagamento delle spese legali alla controparte.

Non si capisce come sia stato possibile che un provvedimento così impattante su diritti acquisiti attraverso una gara, una “evidenza pubblica”, sia stato assunto in modo così, a dir poco, superficiale.
Certo, l’amministrazione comunale può ricorrere in appello sperando che il Consiglio di Stato riformi questa sentenza; sarà difficile, date le motivazioni della decisione, ma non impossibile.

 

Commenti  

 
+8 # Pasquale 2024-06-29 23:04
Dello Spirito Santo incompetente per il cimitero? Siamo messi male
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+11 # Gianni Nicastro 2024-06-28 19:49
Citazione putin:
Chi era, all'epoca dei fatti, l'Assessore al Cimitero di questo provvedimento ?

La revoca a tutte e due le associazioni è di marzo 2024, l'assessore ai servizi cimiteriali era Dello Spirito Santo. E, comunque, i due provvedimenti -censurati dal TAR- portano la firma del dirigente dell'ufficio preposto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+7 # putin 2024-06-28 16:55
Chi era, all'epoca dei fatti, l'Assessore al Cimitero di questo provvedimento ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+13 # Pdioti 2024-06-28 14:46
Tranquilli tanto non pagano loro.... Preparatevi a pagare più tasse
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+14 # ex dx 2024-06-28 13:32
Ancora Grazie, MATTEO,NUCCIO e MICHELE, I CITTADINI RINGRAZIANO
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # Vito 2024-06-28 17:54
Nè Matteo, nè altri potevano salvarci da certe dinamiche. Era già tutto previsto.
.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+8 # ex dx 2024-07-01 11:49
Ti sbagli,i primi due si sono salvati a Bari e l'altro qui come Amico del sindaco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-9 # Celafaremo 2024-06-28 12:47
Aspettiamo l'ultimo grado prima di sentenziare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+13 # Vecchio stile 2024-06-28 12:26
Che schifo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+11 # andate a lavorare 2024-06-28 11:59
ed io pago, teniamoceli 5 anni a questi incompetenti. non è cosa loro amministrare. pvr a nu
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+12 # Zeus 2024-06-28 10:03
Ufficio * e assessore poco preparati, in materia, manco si può morire in pace!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+14 # Frank 2024-06-28 09:33
Questa è Rutigliano che cresce?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-6 # cittadino 2024-06-28 07:05
Evitiamo monumenti ,tombe ,pietre,pensiam o a un futuristico forno crematorio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+9 # paesano 2024-06-28 15:49
ma già adesso, fanno la camera ardente al cimitero
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+17 # Sinistri 2024-06-27 23:22
Incapaci....e li avete pure rivotati...tene teveli stretti stretti per andare alla rovina
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna