Dom19082018

Last update11:55:31 AM

banner conad 2016    banner arborea corretto  
banner madel nuovo  fal banner 456x52

 

 

 

 

 

banner comune estate 2018

 

Back Sei qui: Home Notizie Politica Elezioni politiche 2018, quattro rutiglianesi a vari livelli candidati

Elezioni politiche 2018, quattro rutiglianesi a vari livelli candidati

Condividi

simboli-elez 2018


L’altro ieri sono state depositate le liste elettorali di tutti i partiti che si contenderanno i seggi alla Camera e al Senato il prossimo 4 marzo. Questa volta Rutigliano sforna quattro candidati, un numero di candidati rutiglianesi che non ha precedenti nella storia politica locale. Si tratta di Nuccio Altieri, Francesca Galizia, Franco Delliturri e Donatella Lamparelli. Da venerdì scorso, fino a ieri, sembrava che ci fosse un altro candidato da Rutigliano nel listino proporzionale al Senato, il neosegretario del locale PD Vito Gallo, ma si è trattato di un errore riportato nella lista dallo stesso PD nazionale. Il candidato del PD nel listino proporzionale al Senato (collegio Puglia 2) in realtà è Giuseppe De Silvio.

Dunque, candidati rutiglianesi e relativi collegi.

Nuccio Altieri (Lega Salvini Premier), candidato alla Camera per il centrodestra nel collegio uninominale  n. 6 (Monopoli) che comprende Rutigliano insieme ad altri tredici comuni: Conversano, Polignano a Mare, Mola di Bari, Castellana Grotte, Adelfia, Casamassima, Alberobello, Locorotondo, Gioia del Colle, Monopoli, Cellamare,
Noci e Putignano.

Francesca Galizia candidata alla Camera per il M5S nel collegio uninominale n. 3 (Molfetta), che comprende Corato, Molfetta, Giovinazzo, Terlizzi, Bisceglie e Ruvo di Puglia.

Franco Delliturri, candidato alla Camera nel collegio proporzionale Puglia 3, al secondo posto, nella lista “Insieme” coalizzata con il PD.

Donatella Lamparelli, candidata al Senato nel collegio proporzionale Puglia 3 (BAT e FG) nella lista “Noi con l’Italia” al terzo posto.

Alla Camera, nel collegio uninominale n. 6, oltre al già citato Nuccio Altieri, i candidati sono:
Marilù Napolitano per centrosinistra (PD, Insieme, +Europa, Civica Popolare)
Emanuele Scagliusi per il M5S
Annamaria Candela per Liberi e Uguali
Pietro C. Ippolito per Casapound

Al Senato, si contenderanno il collegio uninominale n. 4:
Dario Stefàno per il centrosinistra (PD, Insieme, +Europa, Civica Popolare)
Tommaso Scatigna per il centrodestra (FI, Lega Salvini Premier, Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia)
Pasqua l’Abbate per il M5S
Pier Luigi Sozzi per Liberi e Uguali
Maria Teresa Colucci pere Casapoun

 

 

Commenti  

 
# tommy 2018-02-07 13:45
caro gianni stavo facendo un riflessione sull'attuale stato di votazione.
Il presidente del seggio elettorale lo manderanno a fare un mese di corso;
Gli scrutatori che vengono scelti per estrazione dalle liste elettorali (cosi dicono) anche loro devono partecipare ad un corso.
Se non è cosi allora ne vedremo delle belle.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maiunagioia 2018-02-04 10:47
E' difficile non ripensare ai lunghi anni di battaglie condotte dal Carroccio nei confronti del Mezzogiorno. Nonostante ciò, la Lega quatta quatta si è insediata in Puglia e a Rutigliano. Franco Delliturri, mettendoci la faccia, sarà il candidato che cercherà di "eludere" il cavallo di Troia affinchè non sfondi la porta di Rutigliano. Per la Galizia e la Lamparelli, la candidatura alle elezioni 2018 è già di per se un riconoscimento. Nella politica è normale prestarsi ad avere dei ruoli Evidentemente i partiti e la logica che ne consegue avranno pensato di candidarle in quei luoghi. L'attenzione, sicuramente, sarà concentrata sul risultato locale. Ricordiamoci che, nel 2019 Rutigliano è chiamata al voto per eleggere il futuro Sindaco.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# deluso 2018-02-03 11:02
Senza "paracadute" ci si può far male. Schierandosi con una forza politica che ha sempre deriso e criticato il Sud, molti pur rispettando la scelta, non hanno condiviso e apprezzato.
Un bel punto di domanda è: come l'intera Amministrazione si comporterà in questa tornata elettorale? Gli occhi saranno puntati principalmente su Direzione Italia, sosterrà l'ex Fittiano? La legge elettorale, non garantisce la volontà dell'elettore, Infatti votando un partito si contribuisce ad eleggere personaggi di altri partiti in cui non ci si riconosce, e se ove mai in altre coalizioni si trovano personaggi più responsabili coerenti e degni votandoli si contribuisce a votare una coalizione che non rappresenta il nostro credo politico. Povero elettore che coraggio avrà andando a votare!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# siamoseri 2018-02-02 16:11
Se vincessero alcuni partiti politici innanzitutto a Rutigliano, sarà la dimostrazione che il problema non sono i politici, ma noi che li che votiamo.La coerenza e'la miglior carta d'identita'.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# W la dc 2018-02-02 15:17
ma cosa c'entra la Galizia con Rutigliano se è candidata a Molfetta?? Ahhhhh forse è per questo motivo che non l'abbiamo mai vista in questi anni fra i grillini locali, era troppo impegnata a Molfetta!
ci piacerebbe capire quando ha avuto la folgorazione per le stelle e cosa ha fatto tutti questi anni per il territorio mah!
Tutti vogliono giocare alla lotteria nella loro vita
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# falco grillaio 2018-02-06 10:29
sarebbe più interessante conoscere chi si cela dietro il tuo nickname.....co dardo ;)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# W il pci 2018-02-03 09:13
Citazione W la dc:
ma cosa c'entra la Galizia con Rutigliano se è candidata a Molfetta??

Anche la Lamparelli, pur essendo di Rutigliano, è candidata a Foggia. L'articolo punta solo ad evidenziare i candidati rutiglianesi di questa tornata elettorale, indipendentemen te dove gli stessi siano candidati.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ????? 2018-02-02 11:07
Questa legge elettorale è un sistema che ha tolto la possibilità di scelta all'elettore. Ipotizziamo; se decidiamo di votare solo il candidato, ma non vogliamo assolutamente votare uno dei partiti che lo appoggia perchè non ci rappresenta, non lo possiamo fare perchè automaticamente il nostro voto si spalmerà proporzionalmen te su tutti i partiti che lo appoggiano. Al contrario se vogliamo votare il partito ma non il candidato perchè non lo possiamo vedere e non ci piace, anche in questa opzione di scelta, votando il partito voteremo anche il candidato. La riflessione espressa da Rosatellum non fa una grinza. Alla coalizione di Centro Destra è stata data una bella gatta da pelare. Meditate gente. Dopo ill 4 marzo ogni dubbio sarà dissipato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rousseau 2018-02-02 10:53
Gianni, credi che si aprirà un confronto "democratico" nel PD per la candidatura di Delliturri , un ex candidato del CENTRODESTRA alle regionali pugliesi 2015 (ci sono simpatiche foto nel comitato, con il leghista Trifone e il sindaco Romagno...) in "Insieme" ? :-*
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rosatellum 2018-02-02 07:41
Cioe' noi vedremo anche che i fittiani voteranno anche chi ha tradito Fitto per assicurarsi un posto alla camera passando con Salvini che vuole molto bene al sud? Se e' cosi ed e' cosi io propongo di chiamare la legge " Fungellum"! E poi si lamentano che i giovani non vanno a votare !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Backman 2018-02-01 15:35
Gianni, una domanda: Ma Altieri è candidato solo nel collegio uninominale?
In nessun collegio proporzionale?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gianni Nicastro 2018-02-01 16:34
Che io sappia no, è senza "paracadute".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gianni Nicastro 2018-02-01 12:49
Citazione Rousseau:
Gianni tu che sei un esperto di di questa legge porcata, mi toglieresti un dubbio ? Ma se io metto la X solo su Delliturri, poi il mio voto per l'uninominale CAMERA va al PD, giusto ?

Va automaticamente a Marilù Napolitano, candidata uninominale del PD. Quindi, il voto solo a una delle liste di quella coalizione contribuisce ad eleggere la candidata del PD nel collegio. La croce solo sul nome dell'uninominal e esprime un voto che va al candidato uninominale, ma, quello stesso voto, viene anche ripartito, in modo proporzionale, alle quattro liste collegate.
Questa legge, oltre ad essere la "porcata2", per questo meccanismo, è potenzialmente capace di produrre un risultato elettoralmente perverso. Questo: nel caso di una ripartizione di voti a livello di collegio (come credo sia), e nel caso gli elettori di un collegio dovessero apporre la croce solo sul candidato dell'uninominal e e neanche una sui partiti ad esso collegati, e il candidato uninominale dovesse prendere 1000 voti, questi -nel caso specifico- sarebbero ripartiti in quel collegio in modo equo, cioè 250 voti a testa. Il PD -per esempio- prenderebbe gli stessi voti della liste +Europe della Bonino che conta quasi nulla in termini elettorali. Un caso assurdo, certo, ma teoricamente possibile anche a livello nazionale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rousseau 2018-02-01 16:53
Grazie per la risposta, ora vado a spiegarlo ai "giovani democratici" e all'ex segretario del PD meno L Tarulli... :lol:
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rousseau 2018-02-01 16:50
"Alla luce di come si sta evolvendo il quadro politico elettorale a Rutigliano abbiamo voluto risentire uno dei protagonisti delle vicende politiche locali, Franco Delliturri. La sua opinione, dunque, sull’accordo NCD-PD (che lui ha sempre definito “inciucio” sin dall’inizio e qui lo ribadisce), sulla scomparsa del centrosinistra, sulle trattative con le civiche (Arcobaleno) e, la cosa più importante, sulla collocazione attuale del MAR. Con chi sta Franco Delliturri? Sta con Roberto Romagno e la sua coalizione, una scelta di campo definitiva." :D :D :D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# elezioni 2018-02-01 12:48
Vedremo quanto prendera' in termini di consenso l'esponente della Lega NORD a Rutigliano. Ai Rutiglianesi, lavoratori del SUD, la gomma per cancellare non basta! Delliturri ci riprova, evidentemente per togliersi qualche sassolino fastidioso dalla scarpa. La candidatura della consigliera Lamparelli, in tutta onestà, non mi scandalizza e disturba più di tanto. Il Rosatellum non prevede preferenze, è capogruppo di Direzione Italia, non c'è opportunismo ma coerenza (visti i sondaggi del suo partito) e dato fondamentale non è candidata nel collegio che comprende Rutigliano.
Contrariamente, lo scenario politico sarebbe stato differente! Al Movimento 5 Stelle confliuranno i voti degli anti leghisti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rousseau 2018-02-01 11:08
Gianni tu che sei un esperto di di questa legge porcata, mi toglieresti un dubbio ? Ma se io metto la X solo su Delliturri, poi il mio voto per l'uninominale CAMERA va al PD, giusto ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Backman 2018-02-01 10:56
DOMANDA: Ma Altieri è candidato solo nel collegio uninominale?
In nessun collegio proporzionale?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# obbiettivo 2018-02-01 09:05
L'astuta volpe Franco Delliturri è l'unico e solo disturbatore per contrastare e rubare i voti all'ex onorevole Altieri in quanto entrambi concorrono alla Camera e nello stesso collegio. Sarà una sfida interessante. Rutigliano non credo sia pronta ad avere un rappresentante "leghista"! La Galizia perfetta sconosciuta così come vuole il protocollo del M5S. L'unico elemento di dinamicità è la Lamparelli. Bisogna però essere obbiettivi. La grinta e la passione guerriera non le mancano e lo dimostra nei ruoli che ricopre, ma la candidatura al Senato è un'impegno politico troppo grande!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Anoymouse 2018-01-31 18:12
Mie personali considerazioni, per quanto riguarda Altieri non conviene sprecare una sola parola, per la Galizia, non conosco ma dopo varie informazioni apprese candidata all'uninominale sembra una miracolata e unta dal tocco di " Di Maio" ed è tutto dire, Franco Delliturri sempre alla ricerca del salto di qualità ma credo che rimarrà deluso anche questa volta, la Lamparelli personalmente è deludente questa scelta, la vera politica si fa sul territorio, nel proprio comune e vista la sua vena "guerriera" avrei preferito che continuasse per Rutigliano ma purtroppo farsi coinvolgere da certi giochi di potere pur di contrastare e rubare voti a Trifone ti portano a doverti chinare agli ordini del "capo".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alessio 2018-01-31 22:29
Penso che la signora Lamparelli dovrebbe continuare a fare la segretaria della commissione SS Crocifisso,la politica e’ un altra
cosa....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Anoymouse 2018-01-31 20:49
Sarebbero gradite dimissioni da parte dei consiglieri giusto per coerenza e rispetto nei confronti dei cittadini
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nonno Ciccio 2018-01-31 16:38
Bella robb
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna