Mer17012018

Last update08:03:04 PM


autolavaggio banner studio 

 
banner conad 2016 grafica guarnieri banner banner bernardino
Back Sei qui: Home Notizie Politica Col pelo si perde anche il vizio? Generalmente no

Col pelo si perde anche il vizio? Generalmente no

Condividi

segretar lega-vercelli-razzista


di Gianni Nicastro

In un momento in cui la Lega Nord è intenta a rifarsi il look, a perdere il “vizio” dell’antimeridionalismo e del razzismo, ecco che arriva uno dei suoi esponenti a ricordarne le origini, culturali e ideologiche. Ha fatto scalpore nei giorni scorsi, sui giornali di tutta Italia, carta stampata e web, la frase razzista “Marocchino di m…”, un insulto indirizzato all’operatore della Croce Rossa vercellese dal segretario della Lega Nord del comune di Vercelli.

Come si legge nelle cronache dei giorni scorsi, il giovane marocchino, paramedico autista del 118, si era recato su chiamata a casa di Giampiero Borzoni, segretario in questione, per soccorrere il di lui padre colto da malore.  “…quando si è presentato a casa del padre del segretario della Lega, infatti, si è sentito apostrofare dal figlio: "Marocchino di m… lascia stare la barella", e altre offese. «Voleva dirmi come fare perché lui è infermiere», ha spiegato l'autista ai carabinieri, che per evitare altri problemi è dovuto rimanere sulla porta di casa: nell’alloggio è potuto entrare solo il collega che ha portato a termine il soccorso”, si legge su repubblica.it di Torino.

“Secondo quanto denunciato dal giovane soccorritore
-si legge ancora nell’articolo di Carlo Rocci-, Borzoni avrebbe continuato la sua "performance" anche più tardi, alsegretar lega-vercelli-razzista-1 pronto soccorso. "Ha minacciato di farmi licenziare". Per questo alla fine il ragazzo ha deciso di presentare una denuncia. Dopo la quale Borzoni ora si scusa: "Avevo mio padre grave - dice - chiedo scusa per aver perso le staffe nella concitazione del momento. Sono frasi dette senza alcun intento razzista. Non c'è razzismo né nell'attività politica della Lega, né a livello personale: prova ne è che la sezione di Vercelli ha tesserati anche di provenienza nordafricana con cui siamo amici".

Dunque, frasi dette così, giusto per, nulla di discriminatorio e razzista. Insomma, a chi non è capitato di apostrofare “Marocchino di m…” un operatore sanitario nordafricano! Suvvia, capita a tutti, soprattutto quando si perdono le “staffe”.

Al di là dell’ironia, quello che è successo è grave, perché il rigurgito razzista è venuto a un segretario comunale di un partito che aspira a governare l’Italia e perché di prese di distanza da quegli insulti e da quell’atteggiamento non ne abbiamo riscontrate da nessuna parte o, perlomeno, a noi non risulta che Salvini premier, o qualsiasi altro esponente di caratura nazionale della Lega, abbia detto una parola sull’accaduto.

Forse l’unica presa di posizione è stata quella del segretario provinciale, Paolo Tiramani, che ha sostituito Borzoni alla segreteria della Lega di Vercelli. Riportiamo qui le dichiarazioni del neo segretario comunale che si leggono in un articolo pubblicato ieri su notiziaoggi.it: «Assumo l’interim della segreteria cittadina di Vercelli - conferma in un comunicato Tiramani -. Borzoni si è scusato, è stato un fatto privato. Come Lega ci battiamo contro il razzismo che purtroppo avviene sempre molto più spesso verso gli italiani ma non fa altrettanto notizia; riteniamo che le frasi attribuite alla persona di Gianpiero Borzoni siano state proferite in un momento di particolare stress, anche se non sono assolutamente giustificabili; abbiamo poi visto lo stesso Borzoni scusarsi con il soccorritore in modo chiaro e inequivocabile pubblicamente attraverso un comunicato stampa». «Nonostante le scuse di Borzoni - prosegue Tiramani - e’ in atto un vergognoso tentativo di strumentalizzazione di un fatto avvenuto in una casa privata, al di fuori di ogni terreno di attività politica, da parte di chi ormai ha fatto capire che intende la politica più come un “mercato delle vacche”».

Ora, anche qui la distanza marcata sulla vicenda non è netta, non è definitiva, tende alla contestualizzazione degli insulti: “un momento di particolare stress”, “è stato un fatto privato”, “avvenuto in una casa privata”.

In riferimento alle "frasi" ci permettiamo di far notare a Tiramani che non può dire “non sono assolutamente giustificabili” e allo stesso tempo giustificarle con la loro contestualizzazione, è contraddittorio. Poi, le cose dette in “privato”, in “casa privata” o sotto “stress”, generalmente sono quelle più vere, indicative del modo di pensare delle persone. Le prese di distanza dai comportamenti razzisti o sono chiare, decise, nette, senza se e senza ma, o non sono.



Commenti  

 
+4 # pensionato 2018-01-09 12:11
Salvini re dell'incoerenza e dell'inaffidabi lità! Vuole eliminare la legge Fornero ma si è alleato con Berlusconi e la Meloni che la legge Fornero hanno votato! Uguale a Renzino dice una cosa ma ne fa un'altra! Nonostante Capitan Ruspa, abbia fatto togliere il suffisso “Nord” dal simbolo per ottenere consensi al Sud e a Rutigliano, :eek: secondo me rimarrà sicuramente e sempre radicato e LEGA(to) al suo territorio. Una domanda sorge spontanea: ma quello che sta promettendo oggi agli italiani perchè non l'ha fatto quando stava al Governo? L'opportunità di cambiare il paese l'ha avuta! In campagna elettorale si promettono tante cose alcune persino assurde sta a noi scegliere da che parte e con chi stare. Lui fa il suo lavoro i veri colpevoli sono quella massa di creduloni Rutiglianesi che gli stanno andando dietro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+13 # papocchio 2018-01-05 08:30
Qualche giornale ha pubblicato le tariffe per essere candidati dal Centro-Destra.
30.000 per Forza Italia
20.000 per la Lega
5.000 con la Meloni.
Forse non ha abbastanza soldi per stare con Berlusconi!
Vista così, fa già più tenerezza :D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+7 # salviamoci 2018-01-04 13:53
Alla prossima occasione in cui qui si voterà forse sperano di avere un candidato sindaco della Lega!!! Roba da far accapponare i capell! Non c'era il sindaco ma era presente il consigliere Simone. Un'assenza esemplare per il primo, una presenza incomprensibile per il secondo! Una verifica politica al sindaco la consiglierei vivamente. Come si dice non c'è due senza tre. :lol:
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+39 # riflettiamo 2018-01-04 08:18
La fiducia il voto degli elettori si devono guadagnare più con le idee e con i comportamenti, e non con le abilità di comunicazione che distorcono la realtà. A Rutigliano, si è inaugurata la sede della Lega Nord. Ritengo che oltre ad essere un disastro politico e anche permettetemi una offesa alla città visto che per anni il Sud è stato pesantemente ingiuriato ed infangato. Evidentemente passando con il movimento Leghiano, è più facile "candidarsi" in quanto sono ancora pochi gli aderenti al movimento in Puglia,altro che difendere ed occuparsi del territorio. Interessante è, capire la presenza di alcuni consiglieri comunali di Rutigliano che hanno presenziato all'evento. Una caduta di stile ma anche, e ci sta tutto, una riflessione politica da parte dell'intera maggioranza.
Poi si dice che la gente si allontana dalla politica. Apriamo gli occhi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+44 # franco 2018-01-03 14:17
Caro sig. Nicastro,

sarebbe interessante una intervista al nuovo segretario cittadino per capire come la pensa in merito ad immigrazone, ius soli, Roman Ladrona, medici del sud per i leghisti giustamente sottopagati...s arebbe davvero interessante. Grazie in anticipo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+44 # Backman 2018-01-03 12:34
Carletto ha ragione, ma la democrazia viene prima di tutto! A carletto e a noi tutti, vorrei proporre la lettura di un racconto, di Sir Arthur Conan Doyle, padre di Sherlock Holmes. Il titolo del racconto è "La lega dei capelli rossi". In breve, un signore dai capelli rossi, di chiara origine irlandese, viene scelto tra tanti per "ricopiare l'enciclopedia britannica". Il compenso non era nemmeno male...ma il fondatore di questa lega, che era inglese, avrebbe mai potuto avere interessi veri e sinceri verso un irlandese? Leggete il racconto e alla fine vedrete che è meglio diffidare della LEGA. Quelli di Rutigliano probabilmente già conoscano il racconto...sono letterati alla crusca....al mais...all'orzo ai funghi e all'uva!
Tanti auguri sinceri di un felice 2018 a Voi tutti!
Con la serena consapevolezza che non cambierà nulla.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+44 # carletto 2018-01-03 05:00
Signor Nicastro giustappunto è mai possibile che dobbiamo sorbirci i fantomatici "comunicati della Lega" d'ora innanzi fino a Marzo prossimo? * Spero di non leggere più su questa testata articoli e articoletti sulla Lega Nord. Ci mancava solo questa. E ad ogni modo Buon Anno a tutti i lettori.
Grazie mille per aver compreso!!!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+39 # Giustina 2018-01-03 13:12
Sono d'accordo con Carletto. In un comunicato si danno appunto comunicazioni, quindi semmai andava fatto prima dell'evento. Ma secondo me quello piu' che un comunicato sembrava vera propaganda elettorale. E' facile scrivere di se stessi parole come 'grande successo', 'strapiena', 'tradizionale', 'avremo due cifre' eccetera prima ancora delle elezioni. Voglio proprio vedere in quali collegi si candideranno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+33 # Uniqualunque 2018-01-02 19:55
Ecco !Appunto!... e a Rutigliano abbiamo “La Lega” e pure un segretario cittadino....
Meditate gente , meditate !!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna