Ven15122017

Last update10:53:01 AM


autolavaggio banner studio 
   
banner conad 2016 grafica guarnieri banner banner bernardino
 banner babbo natale shoppine 2017
banner tesori del forno  banner pagliarulo   banner la cicogna
banner cas dalba  banner la coccinella  banner giocollection
banner perniola alimenti  banner mertoli iaffaldano verna banner  nuovo
banner-castiglione  banner mediaphone  banner pascalone
Back Sei qui: Home Notizie Politica Fratelli d'Italia su DDL regionale Omofobia, no alla promozione della teoria del gender

Fratelli d'Italia su DDL regionale Omofobia, no alla promozione della teoria del gender

Condividi

conf stam fratelli-italia-omofobia


RESOCONTO CONFERENZA STAMPA FRATELLI D'ITALIA PUGLIA
INIZIATIVE A FRONTE DEL DDL OMOFOBIA

logo-fratelli-d italia
Fratelli d’Italia Puglia, a fronte del DDL Omofobia varato dal presidente della Regione Michele Emiliano, ha presentato oggi in conferenza stampa la mozione con cui chiede alla Giunta regionale l’impegno affinché si astenga dal sostenere -in qualsivoglia modo e forma- le iniziative tese a promuovere la teoria del gender e la diffusione nel territorio pugliese di tesi volte a disconoscere ogni differenza biologica tra maschi e femmine; si attivi affinché nelle scuole di ogni livello e grado nella regione Puglia non venga introdotta la teoria del gender e venga rispettato il ruolo della famiglia nell’educazione all’affettività e alla sessualità; che istituisca uno “Sportello Famiglia” rivolto a famiglie con minori che si trovino in situazioni di difficoltà legate alla crescita e allo sviluppo dell’identità.

 “Siamo contro ogni forma di intolleranza e di discriminazione e proprio per questo il DDL Emiliano non ci convince; la Puglia non è una regione omofoba ed i pugliesi hanno dimostrato con i fatti di avere apertura mentale e predisposizione all’inclusività. Non serve quindi un’iniziativa unidirezionale ma una serie di interventi contro tutte le discriminazioni. Il sospetto più che fondato è che il DDL celi la volontà di un provvedimento-bandiera da sventolare in campagna elettorale a quelle parti estreme e ideologizzate della sinistra che spingono per la diffusione della teoria gender nei luoghi di aggregazione giovanile, a cominciare dalle scuole. Su questo daremo battaglia anche presentando un pacchetto emendamenti”, ha dichiarato il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Puglia Erio Congedo.conf stam fratelli-italia-omofobia-1

“Il tema dell’omofobia in Puglia, per fortuna, è assente: questa regione ha eletto per ben due volte un presidente dichiaratamente omosessuale e questo non ha costituito alcuno scandalo; oggi piuttosto esiste un altro tema: la “famigliafobia”, ossia un odio nei confronti della famiglia naturale, costituita da papà, mamma e figli. Noi vogliamo ricondurre a questi concetti semplici l’agenda politica italiana, pugliese e barese. Riteniamo che in questo momento non ci siano campagne a supporto della natalità, come accade in altri Paesi europei (vedasi la Francia): asili nido a prezzi contenuti o addirittura gratuiti, incentivi economici, IVA al 4% per i prodotti per la prima infanzia e tutta una serie di delibere che si potrebbero fare in tal senso. Oggi ci si occupa dell’omofobia, tema che per quanto ci riguarda è abbondantemente superato”, Marcello Gemmato, segretario regionale di Fratelli d’Italia Puglia.


“Siamo qui oggi con le associazioni che vogliono difendere la Famiglia: ‘Sì alla Famiglia’ con la dott.ssa Giovanna Dellino, ‘Forum Associazioni Familiari’ con la dott.ssa Elena Albanese, ‘Manif pour Tous’ con la dott.ssa Manuela Antonacci e 'Comunità di Gesù' con Antonio Calisi. Non siamo contro qualcosa bensì a favore della Famiglia. Chiediamo al sindaco Decaro e al presidente Emiliano di sostenere la Famiglia naturale che rappresenta i nostri valori”,  Filippo Melchiorre, consigliere comunale e coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Bari.

La dirigenza di Fratelli d’Italia ha indossato il simbolo arancione in vista del 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Fratelli d'Italia

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna