Ven17112017

Last update05:32:29 PM

banner conad 2016 grafica guarnieri banner banner bernardino
banner franco larizza  banner fast2  
 
Back Sei qui: Home Notizie Politica Accoglienza, non convince la risposta dell'assessore ai servizi sociali

Accoglienza, non convince la risposta dell'assessore ai servizi sociali

Condividi

immigrati-rut 5 stelle-assessore


Gentilissimo Assessore Tagarelli,

in riferimento a quanto da Lei comunicato in risposta alla nostra richiesta di informazioni circa i provvedimenti intrapresi o che l’Amministrazione Comunale intende intraprendere sulla presa in carico della situazione "richiedenti asilo", la scrivente Associazione si  trova a segnalare diverse perplessità:

- La prima nasce dalla necessità di capire a quali tipi di "procedimenti" fa riferimento nella sua nota, quando riporta che “negli ultimi procedimenti, non sono pervenute manifestazioni di interesse da parte di enti gestori" considerato che negli ultimi mesi diversi Comuni hanno attivato progetti SPRAR tramite bandi pubblici che hanno avuto esito positivo (vedi Bari con ben due progetti, Adelfia, Bitonto, Sannicandro di Bari). Inoltre, non risulta che il Comune di Rutigliano abbia attivato alcun bando o procedura nell’ottica della realizzazione di un progetto di accoglienza, pertanto ci si chiede come si possa avere certezza che nessuna cooperativa sarebbe o sarebbe stata interessata a tale progetto.risposta-allassessore-tagarelli-su-sprar-2

- La seconda perplessità riguarda invece quanto da Lei asserito circa "la difficoltà del terzo settore nel reperire strutture adatte e nel gestirle dal punto di vista economico". Anche in questo caso, ci si chiede se sia stata effettivamente sondata la disponibilità di eventuali strutture sul nostro territorio, considerato che l’art.20 c.1 del Decreto del 10 Agosto 2016, prevede la possibilità di avvalersi di strutture residenziali e di civili abitazioni. A tal proposito le ricordiamo che, in caso di mancata progettazione da parte dei Comuni, il Prefetto, in situazione di estrema urgenza (come quella che stiamo vivendo), può predisporre la realizzazione di centri di accoglienza, ricorrendo a procedure di affidamento diretto (art.11 decreto legislativo n.142/2015), anche in strutture private. Per quanto riguarda la gestione economica, i progetti SPRAR potrebbero essere finanziati anche fino al 95% del costo complessivo del progetto.

- Inoltre, con riferimento alla possibilità da Lei prospettata di attuare una soluzione d’ambito con i Comuni di Mola di Bari e Noicattaro, le ricordiamo che l’art.7 c.1 del Decreto del 10 Agosto 2016 dispone che “La capacità recettiva in ciascuna struttura di accoglienza non può, di norma, superare i sessanta posti e, in ogni caso, deve evitare eccessive concentrazioni”. A questo si aggiunga che la clausola di salvaguardia si applica nella misura in cui il numero di posti SPRAR soddisfi la quota di posti assegnata (a ciascun Comune) dal Piano Nazionale di ripartizione richiedenti asilo e rifugiati. Considerando che le quote assegnate ai tre Comuni dell’Ambito superano complessivamente le 250 unità, risulterebbe quindi comunque necessario ricercare più di una struttura in modo tale da soddisfare la norma citata ed allo stesso tempo usufruire della clausola di salvaguardia.

- In ultimo, la scrivente Associazione, inoltre, sarebbe interessata a conoscere  quali criticità comporti  la  “situazione palpabile ma non rilevabile in tema di integrazione di migranti (in maggioranza albanesi)”, sottoposta all’attenzione del Prefetto nell’incontro da lei citato. E soprattutto, se così fosse, quali azioni questa Amministrazione può dire di aver intrapreso per la presa in carico di questa situazione e la risoluzione delle criticità.

La realtà del migrante richiedente asilo, tutelato dall’articolo 10 della Costituzione Italiana, ha poco a che fare con il riferimento ai migranti di natura economica.

Così come già rappresentato nella missiva precedente, la nostra Associazione chiede a questa Amministrazione un atto di civiltà e umanità nel considerare i bisogni e le necessità che i migranti portano con sé. Riteniamo che sia importante gestire questo fenomeno e non subirlo, sottostando alle decisioni ed alle scelte prese da altri Enti: è quanto mai necessaria una progettualità seria nella presa in carico di questa problematica per garantire una crescita armonica della collettività rutiglianese nel progetto di integrazione dei migranti che dovranno essere assegnati al nostro Comune.

A tal proposito, le ricordiamo che il Comune di Noicattaro ha già attivato un percorso di partecipazione e di coinvolgimento dei cittadini per informare sulle possibili soluzioni e sugli scenari che possono delinearsi sulla base delle scelte di ciascun Comune.

Certi della Sua sensibilità al problema e nella speranza che riesca a coinvolgere l’intera Amministrazione in un percorso di coinvolgimento dei cittadini, Le porgiamo cordiali saluti.

Rutigliano, 8 Novembre 2017
Associazione Rutigliano 5 Stelle

Clicca sull'immagine qui sotto per
ingrandire la risposta dell'ass. Tagarelli
immigrati-rut 5 stelle-assessore-1

Commenti  

 
+1 # aladino 2017-11-12 21:10
pensate agli italiani che ogni giorno muoiono di fame.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # rutigliano 2017-11-12 19:05
Non ho ancora capito la politica M5S in tema di immigrazione.
Siate più chiari ed univoci.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # cittadino 2017-11-11 18:52
Richiedenti asilo,immigrati ,bisognosi di altri 35 paesi(no guerra),italian i senza fissa dimora, italiani allo sbando, italiani affamati di giustizia negata che dormono in AUTO eccetera. Ma signori stiamo creando il substrato di una nazione che prima o poi andrà
allo sbando. Prego accogliere il canguro australiano o il leone africano o anche il puma americano. Quando abbattiamo un orso in trentino perchè danneggia secondo gli scienziati l'ecosistema allora di conseguenza dobbiamo iniziare una riflessione ma SERIA di vera accoglienza di chi HA DIRITTO perchè dobbiamo pensare (al contrario di noi ) anche al loro futuro o pensiamo piu realisticamente al loro futuro sfruttamento legale e NON.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna