Lun25102021

Last update09:26:58 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner2 nuovo madel

  banner giardini 900 2  

 

banner verna rifatto 

                banner-meraviglie-pulito-studio2

orto-ritrovato-banner2

Back Sei qui: Home Notizie Politica Grande viabilità, l'altro ieri la ditta voleva “sfondare” il muro ma un contrordine l’ha fermata

Grande viabilità, l'altro ieri la ditta voleva “sfondare” il muro ma un contrordine l’ha fermata

Condividi

grande-viabilita-29-9-2021

 

di Gianni Nicastro

Lunedì scorso, intorno alle 9:00, la ditta appaltatrice della grande viabilità si è presentata sul cantiere con i mezzi meccanici intenzionata ad abbattere il muro contro cui, da un paio d’anni, si è schiantata la strada a quattro corsie del primo lotto della grande viabilità. La pala meccanica, però, non è scesa dal camion e l’appaltatore, a un certo punto, è andato via. Sul cantiere c’erano le maestranze della stessa ditta appaltatrice e uno dei progettisti dell’opera pubblica il cui primo progetto è stato approvato nel lontano 1998.

E’ strano che la ditta se ne sia andata senza fare niente. L'altro ieri mattina non c’era nessuno a contrastare lo sfondamento, la ditta avrebbe potuto operare tranquillamente. Perché, allora, dal comune è arrivato il contrordine, cioè la ritirata?
Forse perché c’era Rutiglianoonline, che avrebbe filmato tutto; oppure, molto più verosimilmente, non è successo nulla a causa della formale diffida dal proseguire nell’abbattimento recapitata al comune dall’avvocato del proprietario dell’area nella stessa mattinata di lunedì scorso. Il comune, comunque, è intenzionato a tornare alla carica la settimana prossima, e lo farebbe addirittura con l’ausilio della forza pubblica. Non sappiamo se sarà così, ma questo ci hanno riferito sul posto lunedì mattina.  grande-viabilita-29-9-2021-2

Nel caso l'altro giorno la ditta avesse portato a termine lo sfondamento del muro, cosa sarebbe successo al pozzo artesiano che, con la sua acqua ad uso irriguo e domestico, alimenta l’abitazione dei proprietari e la loro azienda agricola? E la fossa Imhoff che fine avrebbe fatto? Una volta aperto, immagino che la ditta avrebbe cominciato a demolire il pozzo, la fossa Imhoff, il muro di cinta, ad espiantare gli alberi, a sbancare e livellare il terreno. Senza pozzo e fossa Imhoff l’agibilità di quella casa che fine avrebbe fatto o farebbe?

Il comune: pozzo "abusivo"
Sul pozzo artesiano c’è una confusione che lascia alquanto perplessi. Il comune sostiene che quel pozzo sia abusivo, lo ha messo nero su bianco in una risposta scritta a informazioni da me formalmente chieste il 7 giugno scorso attraverso l’accesso civico agli atti. “L’area pertinenziale del Sig. Petruzzi -ha risposto l’ufficio tecnico-, divenuta comunale in base al perfezionamento del procedimento espropriativo, nelle forme di legge, contiene un pozzo artesiano abusivo, una fossa Imhoff, e un capanno abusivo, poi condonato, oltre a pezzi di muro e alberi ornamentali”.

La cronistoria che fa l’ufficio tecnico riferisce di un pozzo sottoposto a sanzioni e ordinanza di demolizione (2002) mai opposta dal grande-viabilita-29-9-2021-1proprietario “così da potersi affermare -scrive ancora l’estensore comunale della risposta-  che l’abuso (cioè il pozzo, n.d.r.) e l’area che lo contiene sia divenuta ‘di diritto’ di proprietà dal comune sin dal 2002”. Sembrerebbe, dunque, che non solo l’area espropriata sia di proprietà del comune, ma anche il pozzo artesiano. Una risposta che mi ha lasciato di stucco anche alla luce di quello che si legge nella determina dell’ufficio urbanistica di “liquidazione dell’indennità di esproprio…”, la n. 836 del 19 luglio 2018: “Preso atto che l’indennità provvisoria di esproprio si riferisce alla sola area interessata dalla viabilità, in quanto la ricostruzione della recinzione e del pozzo artesiano, su di essa insistenti, sono stati posti a carico della impresa appaltatrice, come specificato nel progetto esecutivo approvato”.

Dunque, a luglio 2018 l’ufficio tecnico, in un atto amministrativo, scrive che la recinzione e il pozzo saranno ricostruiti dalla ditta appaltatrice, e anche a suo carico (a suo carico presumo significhi a sue spese), perché così, addirittura, è specificato nel progetto esecutivo che, se non ricordo male, è stato approvato dalla giunta comunale a dicembre del 2014. La questione che mi disorienta è che il comune, a luglio del 2021, in quella risposta, mi dice che il pozzo è abusivo dopo averne messo la sua ricostruzione a carico della ditta sin dal progetto esecutivo (2014) e dopo aver ribadito la stessa cosa in una determina nel 2018. A giugno del 2019 lo stesso comune di Rutigliano recapita una nota ai proprietari dell’area con la quale invita ad indicare l’ubicazione precisa dove ricostruire pozzo e fossa Imhoff “a cura dell’impresa appaltatrice dell’opera pubblica, ovvero la loro inclusione nelle opere da indennizzare”.grande-viabilita-29-9-2021-3

Insomma, è dal 2018, forse anche dal 2014, che il comune deve ricostruire o indennizzare quelle due opere a sevizio della privata abitazione dei proprietari dell’area espropriata, non lo ha ancora fatto ma si presenta l’altro ieri mattina con le ruspe per “sfondare” il muro e demolire tutto quello che si trova sulla stessa area espropriata. Il disorientamento qui sta nel fatto che il comune voglia ricostruire, o indennizzare, un pozzo da lui stesso ritenuto abusivo. Come è possibile?

Il pozzo è veramente abusivo?
Forse quel pozzo abusivo proprio non è. Sono venuto ieri a conoscenza di un documento della regione Puglia -assessorato ai lavori pubblici ufficio del Genio Civile di Bari- datato 28 settembre 2001 con tanto di numero di protocollo. Su questo documento si legge che il dirigente dell’ufficio del Genio Civile di Bari "autorizza" il sig. Petruzzi "a procedere alla ricerca di acque sotterranee in territorio di Rutigliano alla contrada Pezze Le Rose…”. Che cos’è questo documento? A me, francamente, dà l’idea di una autorizzazione alla realizzazione del pozzo artesiano in questione, un’autorizzazione che fa seguito alla “conformità degli atti e degli elaborati grafici allegati all’istanza” e al “referto di pubblicazione, senza opposizioni, all’Albo Pretorio del Comune di Rutigliano del 6/9/2001”.

Quindi, al comune dovrebbe risultare sin da settembre del 2001 che quel proprietario sia stato autorizzato alla ricerca di acque sotterranee dalla regione Puglia. Il Petruzzi costruisce il pozzo e viene autorizzato dalla Provincia di Bari all’estrazione e utilizzazione di acque sotterranee. E’ del 28 settembre 2017, infatti, l’ultima concessione all’emungimento rilasciata dalla Città metropolitana di Bari ancora in corso di validità (scade nel 2023).

Se questi documenti non sono autorizzazione alla costruzione del pozzo e successive concessioni all’emungimento, cosa sono? E se questi documenti legittimano la presenza e l’utilizzo di quel pozzo, perché il comune di Rutigliano, ancora oggi, continua a dire e a scrivere che quel pozzo è “abusivo”?

Ora, non so come andrà a finire questa vicenda; se la settimana prossima l’amministrazione comunale davvero manderà le ruspe insieme alla forza pubblica a sfondare quel muro. Certo è che, da qualsiasi lato la si analizzi, questa vicenda suscita grandi, forti, perplessità su come sia stata gestita sul piano tecnico, amministrativo, e anche politico, dal ’98 a lunedì scorso.

 

 

Commenti  

 
+4 #14 legalitè 2021-10-04 17:07
Citazione TNT:
l'unica cosa abusiva e' questa amministrazione.

Abusante direi,, visto che ciò che deve fare con coraggio e legalità non lo fa, * meditate gente e pure tu Gianni, ti si è rotto il microfono?????
Citazione
 
 
+13 #13 leggi bene 2021-10-02 08:01
adesso non faranno niente per sbloccare la situazione..... ... il muro verrà abbattuto durante la campagna elettorale alle prossime elezioni.....al trimenti cosa potranno dire di aver fatto.......... o dover fare........... ???? ci sarà una grande manifestazione con sindaco grande , sindaco piccolo, assessorissimo/ a.......e tutti gli ultras al seguito.....
Citazione
 
 
+19 #12 beppino 2021-10-01 17:03
se tutto va male, mancano solo due anni. sta finendo questo incubo.
Citazione
 
 
+15 #11 racioppo 2021-09-30 21:15
Ridicoli...tutt i..ma proprio tutti..per quanto tempo ancora a Rutigliano dobbiamo assistere a questi scempi ed orrendi spettacoli?
La soluzione ci sarebbe, ed è semplice...per chi è capace di amministrare però..
Citazione
 
 
+21 #10 peppino u russ 2021-09-30 19:51
farà la stessa fine della Limitone.... manca poco!
Commissario!!!! fai presto per favore!!!
Citazione
 
 
+12 #9 Papocchio 2021-09-30 16:45
Citazione ullein:
Citazione Papocchio:
Storicamente, tutte le Amministrazioni che sono entrate così in rotta di collisione con Rutiglianoonline hanno fatto una brutta fine.
Storicamente!!!


strano tra "comunisti" ci si intende

Cambia nome: la persona a cui hai usurpato il nomignolo è evidentemente più intelligente di te!
Citazione
 
 
-12 #8 ullein 2021-09-30 13:22
Citazione Papocchio:
Storicamente, tutte le Amministrazioni che sono entrate così in rotta di collisione con Rutiglianoonline hanno fatto una brutta fine.
Storicamente!!!


strano tra "comunisti" ci si intende
Citazione
 
 
+14 #7 Foscolo 2021-09-30 13:20
Onestamente del sindaco mi importa poco, ormai ha perso la fiducia di tutti i cittadini, ma lei da giornalista imparziale dovrebbe informarsi sui fatti magari chiedendo al tecnico del sig. petruzzi e al sui "avvocato" magari loro sapranno qualcosa di più ;)
Citazione
 
 
+18 #6 De profundis 2021-09-30 10:51
Ciao, Sindaco!
Citazione
 
 
+14 #5 Papocchio 2021-09-30 09:25
Storicamente, tutte le Amministrazioni che sono entrate così in rotta di collisione con Rutiglianoonlin e hanno fatto una brutta fine.
Storicamente!!!
Citazione
 
 
+19 #4 Gianni Nicastro 2021-09-29 20:54
Citazione Pirandello:
Perché la testata in questione non specifica che il sig. Petruzzi non ha accettato mai nessun compromesso? Fate un altra intervista strappalacrime...

Io non so se il sig. Petruzzi non abbia mai accettato compromessi. Non capisco come faccia lei a saperlo. Magari ci dica qui chi è lei, così capiamo.
Comunque, a titolo di cronaca, il giorno stesso in cui ho pubblicato la videointervista a Petruzzi ho chiesto al sindaco di essere intervistato da Rutiglianoonlin e sullo stesso problema, per cogliere il punto di vista dell'amministra zione comunale. Il 7 giugno scorso il sindaco mi ha scritto che non era "disponibile". L'ho incontrato in piazza alla fine di una cerimonia, ero lì con la videocamera, ce l'avevo davanti e ho cominciato ad intervistarlo sulla grande viabilità. Lui ha rifiutato di farsi intervistare e lo ha fatto più volte perchè io, ovviamente, ho insistito. Lui no, mi sfiggiva e alla fine è andato via.
Il sindaco avrebbe potuto cogliere l'occasione e dire come stanno i fatti dal punto di vista amministrativo, non può non conoscerli, è il sindaco... In sostanza ha rifutato di essere intervistato da me sulla grande viabilità così come ha sempre rifiutato gli inviti, da me più volte fatti, a una intervista politico-ammini strativa cheista già a un anno dalle elezioni, e continuamente e successivamente richiesta senza risposta.
Citazione
 
 
-3 #3 Pirandello 2021-09-29 20:23
Perché la testata in questione non specifica che il sig. Petruzzi non ha accettato mai nessun compromesso? Fate un altra intervista strappalacrime. ..
Citazione
 
 
+17 #2 TNT 2021-09-29 19:46
l'unica cosa abusiva e' questa amministrazione .
Citazione
 
 
+12 #1 Irena Buzarewicz 2021-09-29 13:51
La verità è che non c'è stanno a capï un c..., ma da mo! (Sem. Cit.)
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna