Mer06072022

Last update05:13:54 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

   

 

banner verna rifatto 

                banner-meraviglie-pulito-studio2
Back Sei qui: Home Notizie Politica Consiglio comunale, la maggioranza ha fatto il “13” tre volte

Consiglio comunale, la maggioranza ha fatto il “13” tre volte

Condividi

art consiglio-comunale-6-4-2021

 

di Gianni Nicastro

I consigli comunali spesso sono noiosi già visti dal vivo, in videoconferenza la noia decuplica ed è letale quando si tratta di una seduta di cinque ore. Ci sono stati poco più di una ventina di spettatori collegati al consiglio comunale del 6 aprile scorso, ma è difficile credere che siano rimasti davanti al computer fino alla fine. Io sono tra quelli che si è affacciato e che non ha resistito più di dieci minuti.

L'ho, però, scandagliato in differita quel consiglio comunale, con una certa profondità, sollecitato dai commenti dei lettori di Rutiglianoonline postati sotto l’articolo che ne ha annunciato la convocazione e i relativi dieci punti all’ordine del giorno. Commenti polemici più con l’opposizione che con la maggioranza, critici, in modo particolare, con due consiglieri, di opposizione, ai quali si contesta l’essere in qualche modo “entrati” in  maggioranza.

«La discussione in Consiglio Comunale di mozioni, interpellanze ed interrogazioni è diventata occasione di scambio di ringraziamenti e complimenti. La maggioranza vota a favore quanto propone il consigliere d'opposizione e viceversa. (…) Una qualche opposizione nel Consiglio Comunale c'è, ma è sempre un’opposizione “zoppa” debole e poco incisiva. L'ultimo Consiglio Comunale ci fornisce una rappresentazione eloquente», si legge, appunto, in uno dei commenti.cons com 6-4-2021 2

Il consigliere di opposizione a cui si riferisce il lettore è Beppe Palmino, candidato sindaco nel 2019 del M5S e suo rappresentante in consiglio comunale. Palmino, però, è stato in buona compagnia nell’atteggiamento politicamente benevolo nei confronti dell’amministrazione Valenzano. Anche l’altro ex candidato sindaco della Lega, Carmine Iaffaldano, non ha lesinato voti favorevoli, anzi. I due ex candidati sindaco hanno votato con la maggioranza tre provvedimenti: il Piano triennale delle opere pubbliche 2021-2023, il regolamento per il “canone unico patrimoniale”, cioè l’affitto per l’utilizzo di spazi pubblici da parte delle agenzie pubblicitarie, e un altro regolamento, simile al primo. Su questi tre punti, in consiglio c’è stata una maggioranza di 13 consiglieri. Il resto dell’opposizione, cioè Donatella Lamparelli, Giuseppe Poli e Roberto Romagno, hanno votato contro il Piano triennale perché le opere pubbliche più importanti sono finanziate con milioni di euro di mutui, quindi, a debito. Sugli altri due punti, gli stessi tre consiglieri di opposizione, si sono astenuti.

Dei tre punti, è chiaro, il più importante è il Piano delle opere pubbliche, quello che, secondo il consigliere di maggioranza Francesco Paolo Valenzano, delinea la «visione» dell’amministrazione in carica «su quello che potrebbe essere il nostro comune». Insomma, sul punto dalla valenza politica più decisa, e rivendicata, i voti favorevoli sono stati 13, 11 scontati, due arrivati dall’opposizione.
cons com 6-4-2021 3
Che io ricordi, non si è mai visto in consiglio comunale che punti di ordinaria amministrazione siano stati approvati a così larga maggioranza, coinvolgendo direttamente i due terzi dell’opposizione. E’ una cosa positiva? Può anche darsi. Dipende, forse, dal tipo di adesione: pedissequa, critica, acritica o costruttiva e critica allo stesso tempo. Dipende anche dal tipo di contropartita, politica ovviamente, che possa esserci dietro a una siffatta adesione ai provvedimenti della maggioranza. Contropartite che, in questo momento, mi risulta difficile scorgere perché l’amministrazione Valenzano sta tranquillamente dormendo su sette cuscini con una maggioranza fedele e compatta. Una maggioranza blindata che, pure, riesce a pescare voti dall’opposizione. Meglio di così…

Piano opere pubbliche a debito
Certo è facile impressionare con cinque opere pubbliche, che rappresentano finanziariamente un terzo di 15.432.000 euro, totale triennale del Piano delle opere pubbliche approvato il 6 aprile scorso. Se si esclude, però, la parte del Piano finanziata con l’apporto di capitali privati per attività edilizie dirette e indirette (8.000.000 di euro), le opere pubbliche a debito sommano il 74% del peso finanziario dello stesso Piano triennale 2021-2023. Si tratta dell’area mercatale (1.200.000 euro), dell’asilo nido (1.000.000 di euro), della villa comunale (II lotto 500.000 euro), della scuola materna di via Pitagora (adeguamento sismico 1.650.000 euro) e della grande viabilità (II lotto 1.150.000 euro). Opere pubbliche importanti, certo, le cui realizzcons com 6-4-2021 5azioni vengono a costare complessivamente 5.500.000 euro da reperire, appunto, con mutui della Cassa Depositi e Prestiti. Se l’amministrazione comunale dovesse davvero realizzare queste cinque opere pubbliche nei tre anni di vigenza del Piano, indebiterebbe il comune per decine, decine e decine di anni.

A debito si possono pianificare tutte le opere pubbliche che si vogliono, anche dieci, quindici nel triennio, non c’è nessun problema se non la capacità di contrarre mutui ed estinguerli nelle decine di anni a venire senza comprimere la spesa corrente e quella per i servizi forniti alla cittadinanza. Questa è stata la sostanza della critica che è venuta dai tre consiglieri di “Pensa a Rutigliano”.  

In risposta alla critica, in modo particolare del consigliere Roberto Romagno, l’assessore Antonella Berardi ha precisato che, per esempio, l’asilo nido ora è a debito, ma potrebbe essere finanziato partecipando a dei bandi, così come si possono trovare finanziamenti sulle altre opere pubbliche. Sì, ma è la stessa assessora che ha detto che l’amministrazione ha quattro progetti per circa 3.000.000 di euro da candidare a finanziamenti -compartecipati dal comune- e che sono fuori dal Piano triennale delle opere pubbliche approvato in quel consiglio. Si tratta della riqualificazione della piscina comunale (970.000 euro con 270.000 euro di cofinanziamento), del centro comunale di raccolta dei rifiuti differenziati (450.000 euro cofinanziato con 100.000 euro), dei servizi di quartiere (spazi attrezzati, parco giochi, aree a sport, area sgambamento cani su via F. Giampaolo, 1.090.000 euro), dello spazio multifunzionale su via Madonna delle Grazie. Insomcons com 6-4-2021 1ma, realizzare questi progetti e sottrarre al mutuo anche solo l’asilo nido, significa una pioggia di 4.000.000 di euro di finanziamenti su Rutigliano entro l’anno prossimo o entro i prossimi tre anni. Credo sia un tantino difficile, ma può succedere, ad essere inguaribili ottimisti.

Altre due cose, sulla grande viabilità e sulla futura area mercatale individuata. Prima, però concludo sui punti discussi e approvati.
Nel consiglio del 6 aprile ci sono stati anche punti approvati all’unanimità, come la domanda di permesso a costruire di una azienda insediata da anni nel PIP di via Conversano che vuole espandersi con la costruzione di un nuovo capannone. Quasi all’unanimità (Poli si è astenuto) è stata approvata anche la mozione presentata dal consigliere Palmino che chiede un regolamento sull’efficienza dei ripristini degli scavi stradali e sulle responsabilità delle ditte appaltatrici. Appresso si è discussa l’interpellanza, sempre del consigliere Palmino, sulla campagna di sensibilizzazione “Passo prima io”. Si tratta di una sorta di pass che si vorrebbe dare ai caregiver, a chi si occupa di persone gravemente disabili, per non aspettare la fila ai negozi, agli sportelli... Qui l’assessora al ramo si è detta disponibile e il consigliere visibilmente soddisfatto della risposta.
All’unanimità è stata approvata anche la mozione del consigliere F. P. Valenzano sulla cittadinanza onoraria all’egiziano Patrick Zaky; lodevole iniziativa.

Grande viabilità
Il Piano triennale in questione prevede per il 2023 la realizzazione del II lotto della Grande viabilità il cui I lotto (via Due Pozzi-via Paradiso), come è noto, è fermo da più di un anno. Mi sarei aspettato che, nella sua relazione, l’assessora Berardi illustrasse lo stato dell’arte, informasse sul perché quell’opera pubblica si sia “schiantata” contro un muro.
cons com 6-4-2021-5
Quei lavori sono stati dal comune consegnati alla ditta appaltatrice a maggio 2019, la loro ultimazione era prevista a febbraio 2020, la prima richiesta di proroga di ultimazione degli stessi lavori è stata fatta dalla ditta a gennaio 2020 a causa della “presenza di interferenze”, cioè la strada che va a sbattere contro quel muro. Da allora, “a causa del perdurare della presenza di interferenze”, ci sono state altre due proroghe di ultimazione dei lavori, l’ultima -di 120 giorni- a febbraio scorso; una proroga, dunque, che scade a giugno prossimo.

Ora, dopo tutta questa storia, fatta anche di contenziosi amministrativi, civili e accordi tra le parti, l’assessore in consiglio comunale se ne è uscita a questa maniera: «I lavori del primo lotto proseguono e… ci troveremo a dover ovviamente appaltare il secondo lotto» punto.  Tutto qui? Sì, per l’assessora sì, e anche per l’opposizione che non ha proferito parola e neanche chiesto spiegazioni su una vicenda di grande interesse per i cittadini.
Una opposizione muta, una assessora prolissa nell’illustrazione del libro dei sogni -anche con effetti speciali in PowerPoint-, fulminea nel riferire su un’opera pubblica importantissima ferma da oltre un anno e dai contorni tecnici e politico-amministrativi tutti da scandagliare sul piano dell’analisi.

Area mercatale su area "problematica"
La perplessità sull'area individuata è grande. Sulla destinazione nessun problema, si tratta di un’opera davvero utile per la città: un’area omogenea sulla quale spostare il mercato settimanale in modo da liberare la viabilità nella parte centrale del paese. Sul lato destro di via Dante, tra via Paisiello e il Todis, ci sono due aree, una privata, l’altra acquisibile alla proprietà del comune perché è uno standard frutto di una lottizzazione di un’area più grande presentata tempo addietro dal suo proprietario. E, come si sa, le aree a standard vengono cedute al comune gratuitamente dopo, però, la stipula di una convenzione col proprietario lottizzante.
cons com 6-4-2021-4
Nonostante l’amministrazione comunale sia nelle condizioni di sfruttare uno standard con quelle caratteristiche, per l’area mercatale ha, invece, individuato un’altra area, quella immediatamente prima, sulla quale sorgono i vecchi campetti di calcetto, ora in disuso e degrado. L’area scelta non è uno standard, andrebbe espropriata e pagata al privato proprietario il quale, mi risulta, circa una decina di anni fa, ha presentato la richiesta di un permesso a costruire per la realizzazione di una RSA. Se questo privato ha ancora intenzione di dar seguito alla sua richiesta di permesso a costruire, richiesta ad oggi inevasa dal comune, alla sua intenzione di realizzare una struttura socio-sanitaria, potrebbe profilarsi all’orizzonte un altro, importante, contenzioso amministrativo. Che fine farebbe l’area mercatale di fronte a un simile contenzioso è difficile dirlo; quello che, nel caso, è certo è l’allungamento del tempo di realizzazione o, addirittura, l'impossibilità di realizzare lì l'area mercatale.

A complicare ancora di più la vicenda c’è anche la strada che il progetto prevede di realizzare tra le due aree in questione, una strada che si collegherà a via Paolo Borsellino, che attualmente non ha sbocco. Anche l’area sulla quale è stata realizzata via Borsellino è portatrice di una problematica irrisolta che si trascina da anni. Il problema è che su quell’area insiste un decreto di occupazione d’urgenza mai convertito in esproprio, un’area sulla quale i proprietari pare continuino ancora a pagare l’IMU nonostante sia diventata “pubblica” e sia l’unica via di accesso al quartiere di case in cooperative realizzate oltre vent’anni fa.

Non si capisce per quale motivo l’amministrazione Valenzano abbia fatto una simile scelta, si sia infilata in una situazione così problematica e carica di potenziali contenziosi, invece di riprendere l’iter della convenzione che farebbe acquisire al patrimonio pubblico l’area a standard già disponibile.

Non mi risulta, per quello che ho sentito, che l’assessora Berardi abbia accennato ai motivi per cui si è scelto di realizzare quell’opera pubblica su un’area così potenzialmente problematica e non su una già urbanisticamente e gratuitamente disponibile. Una slide in più di PowerPoint su questa vicenda sarebbe stata apprezzata, anche senza particolari effetti speciali.

 

 

Commenti  

 
+1 #13 Gigi 2021-05-01 09:06
L'unico che si salva è Diego Difino
Citazione
 
 
+7 #12 * Domenica 2021-04-21 08:47
Tutto tutto, niente niente!
Citazione
 
 
+10 #11 arrivato 2021-04-20 13:38
Complimenti Direttore per l'articolo impeccabile, mi permetto di dire anche che questa amministrazione ancora una volta sta vendendo tanto fumo a cominciare dall'assessore BERARDI e finendo a VALENZANO. *
Citazione
 
 
+6 #10 Deluso 2021-04-20 01:33
Quando il voto che hai dato ti si ritorce contro...
Citazione
 
 
+13 #9 Non 1 intelligente 2021-04-19 20:07
Questi 5 anni di amministrazione servono * a far crescere il proprio curriculum. Poi se sono cose che servono realmente alla cittadinanza, lo vedremo in seguito. Comunque non capisco perchè non ripristinare la piscina (di cui forse paghiamo ancora il mutuo) in via adelfia invece di riempire il paese di parchetti che dopo l’inaugurazione saranno abbandonati alla bontà della cittadinanza. Che dire, si vede che non hanno raziocinio nel progettare. L’importante è far vedere che fanno, sen poi si fa male, ce ne accorgeremo tra troppo tempo, abbastanza per non poter porre rimedio. Speriamo che non sia così.
Citazione
 
 
+12 #8 deluso65 2021-04-19 17:45
Mi sono voluto "frustare", andandomi a vedere la registrazione del consiglio comunale del 6 aprile. In effetti è una cosa che non farò più, sia per il tempo che impegna sia e soprattutto per la noia degli interventi!!!! La maggior parte del tempo del Consiglio è "sprecata" nei batti e ribatti su chi ne ha "combinate" di più (io direi di meno peggio), tra la vecchia e l'attuale amministrazione . Alla nuova amministrazione mi sento solo di fare un piccolo disappunto sul fatto che per qualsiasi opera programmata si usa sempre e solo il condizionale: si dovrebbe, si potrebbe!!!! E' davvero facile fare politica così; "del futur non vè certezza". Così non si va da nessuna parte.....
Citazione
 
 
+8 #7 amicodibeppe 2021-04-19 16:08
deluso, deluso, deluso!!!
Citazione
 
 
+5 #6 Irritato 2021-04-19 13:45
Sono d'accordo con la sua analisi Direttore. aggiungo ulteriormente che oramai Palmino e Iaffaldano non fanno più testo * con questa amministrazione (PD) che continua imperterrita a fare ciò che vuole e mettendo in risalto sui social ciò che conviene * Sappiate che la gente non ha la benda agli occhi *.
Citazione
 
 
+9 #5 addebito 2021-04-19 09:28
PIU MUTUI,MENO SERVIZI

MANTENERE LO STANDARD DEI SERVIZI, VUOL DIRE PIU TASSE

GRAZIE VALENZANO, PALMINO E IAFFALDANO
Citazione
 
 
+15 #4 Silenzio 2021-04-18 22:21
* ..basta con la stessa storiella del passato, fate il vostro lavoro altrimenti vi lascio dinuovo..ormai iaffaldano sembra ormai un fantasma, * il caro dottore,mi ha deluso..faceva prima a candidarsi direttamrnte con la sx...dopo aver voltato le spalle alla precedente amministrazione !! Dormite tutti,sogni sereni,per poter fare un librone di sogni!! DELUSIONE
Citazione
 
 
+12 #3 cittadino 2021-04-18 22:04
Sarebbe opportuno che l'Amministrazio ne Comunale spieghi perchè, come hai ben sottolineato tu, non procede ad accelerare l' acquisizione DEFINITIVA e GRATUITA dello standard del suolo sito in Via Dante frutto di una lottizzazione di un’area più grande presentata tempo addietro dai suoi proprietari. E, come si sa, le aree a standard vengono cedute al comune gratuitamente dopo, Perchè non si accelera questo iter con grande risparmio per le casse comunali ?
Citazione
 
 
+11 #2 Vito1 2021-04-18 21:15
Ma quanto sport si pratica a Rutigliano?
Ho perso il conto di palazzetti, campetti, zone attezzate.
Oltretutto solo di continua manutenzione e vigilanza costeranno un patrimonio infinito oltre i debiti che graveranno su Rutigliano per decenni.
Citazione
 
 
+16 #1 A Debito 2021-04-18 19:29
Piano triennale delle opere pubbliche amministrazioni Valenzano= indebitamentio per decenni di tutti i cittadini Rutiglianesi.
Posso farlo anche io il sindaco se è così semplice la cosa.
Ma in che mani siamo finiti.
Ci abbiamo messo anni per risollevarci dai vecchi mutui e loro ci riportano indietro pur di fare vedere che,forse, faranno qualcosa.
Pura improvvisazione e dilettantismo.
Su Iaffaldano e Palmiano no comment, *
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna