Lun26102020

Last update08:51:32 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  


banner2 nuovo madel

  banner giardini 900 2  





banner-the-london-school-of-english

banner verna rifatto     
Back Sei qui: Home Notizie Politica Sindaco e presidente hanno chiesto più volte scusa per il pasticcio sugli atti della TARI

Sindaco e presidente hanno chiesto più volte scusa per il pasticcio sugli atti della TARI

Condividi

cons tari-2020

 

di Gianni Nicastro

Non è mai successo che in consiglio comunale un sindaco e un presidente del consiglio abbiano insistentemente chiesto scusa a tutti per il ritardo con cui sono stati allestiti gli atti di un punto in discussione. Atti, tra l’altro, relativi a un provvedimento ritenuto da tutti, maggioranza e opposizione, importante ed approvabile nell’interesse dei cittadini. E’ successo nell’ultimo consiglio comunale, quello del 30 settembre scorso. La disarmante superficialità e imperizia dell’amministrazione, insieme al mutismo della maggioranza, hanno dato al consigliere comunale Roberto Romagno, già sindaco di Rutigliano, la possibilità di assurgere a coscienzioso, responsabile e competente oppositore con tutte le défaillance dei suoi dieci anni di amministrazione.

Romagno ha colto in castagna sindaco, presidente del consiglio e maggioranza, sul punto del Piano finanziario e delle tariffe TARI i cui tempi dell’istruttoria degli atti pongono seri dubbi di legittimità in relazione a quanto imposto dal regolamento del consiglio comunale e delle commissioni consiliari. «Mi consenta di dire -ha detto, con tono grave, l’ex sindaco rivolto all’attuale sindaco- che oggi il consiglio comunale sta celebrando una delle peggiori scene mai interpretate in questo consesso». Romagno ha snocciolato le ragioni di queste sue affermazioni. «Lei ha sempre parlato di partecipazione, confronto, condivisione, mi deve permettere di dire che tutto questo, in questa occasione non c’è stato, né tanto meno c’è stata data la possibilità di esprimere il nostro pensiero» sul provvedimento e le tariffe TARI in discussione. Ma, la cosa più grave, sempre secondo Romagno, è che «probabilmente questa volta si è giocato un po’ troppo con l’intelligenza e la dignità dei consiglieri comunali, tutti, di opposizione e di cons tari-2020-1maggioranza».

Le accuse sono state chiare. Una conferenza dei capigruppo, che ha messo all’ordine del giorno il punto sulla TARI, andata deserta -ha detto Romagno- e priva degli atti necessari; la 1ª commissione consiliare convocata il 28 settembre, due giorni prima la celebrazione del consiglio comunale e non tre, come precisamente statuisce il regolamento; non solo. Non si è capito da chi sia stata convocata, dal momento che il suo presidente, il consigliere Diego Difino, ha riferito in aula che non è stato lui a convocarla. Il parere dei revisori dei conti che è arrivato alle 12:00 dello stesso giorno del consiglio comunale fissato per le ore 17:00, quando, insieme a tutti gli altri pareri di regolarità tecnica e contabile, doveva essere messo a disposizione dei consiglieri almeno due giorni prima del consiglio.

«Io mi scuso -ha detto il sindaco - preliminarmente con tutti i consiglieri se ci sono stati dei ritardi, ma per la situazione di estrema urgenza che ci portava ad approvare queste tariffe, e un piano finanziario che richiedeva la validazione di AGER che prima non c’era (e adesso è obbligatoria), considerata l’urgenza, abbiamo cercato di inviare quanto prima tutti i dati ai consiglieri. E mi scuso, mi scuso davvero con tutti se ci sono stati dei ritardi considerato che la validazione di AGER è giunta in data 29-09-2020».

Insomma l’AGER ha inviato la validazione del PEF (piano economico finanziario) della TARI il giorno prima del consiglio comunale che ne doveva approvare le tariffe. Il sindaco, però, non ha detto quando lui, in qualità di assessore, o chi per lui, ha inviato il PEF all’AGER per quella validazione; non ha riferito i tempi di attivazione dell’amministrazione su un provvedimento di cui tutti sapevano l’inderogabile scadenza approvativa del 30 settembre. La fretta e “l’estrema urgenza” da cosa sono dipese? Su questo né il sindaco, né il presidente del consiglio e neanche la maggioranza (muta), hanno dato spiegazioni. La spiegazione è venuta, ancora, da Roberto Romagno, eccola: «Mi è stato riferito verbalmente che tutto dipendeva dalle difficoltà che si stavano avendo dalla validazione dell’AGER, e cons tari-2020-4anche su questo devo dissentire perché ci è stato trasmesso una comunicazione con la quale l’AGER comunica di aver ricevuto in data 28 settembre, quindi solo due giorni fa, la documentazione per la validazione». Svelato, dunque, l’arcano:  l’estrema urgenza era dovuta al fatto che la documentazione all’AGER è stata inviata solo due giorni prima della celebrazione del consiglio comunale, e l’amministrazione Valenzano è stata pure fortunata che il commissario Grandaliano quella documentazione gliel’ha validata in un solo giorno. Davvero non si è capito tutto questo ritardo nella preparazione degli atti di un provvedimento così importante come la TARI.

Eppure si sapeva da tempo (dicembre 2017) che all’ARERA (l’Autorità di regolazione per l’energia, le reti e l’ambiente) erano state attribuite “le funzioni di regolazione in materia di predisposizione ed aggiornamento del metodo tariffario per la determinazione” di tutti i costi del servizio integrato dei rifiuti e della sua gestione. Eppure il Metodo tariffario per il servizio di gestione dei rifiuti (MTR), di cui si è parlato tanto in consiglio quella sera, è stato adottato dall’ARERA ad ottobre del 2019, contestualmente alla definizione della documentazione necessaria (PEF, dichiarazione del gestore sulla veridicità dei dati…). Altri provvedimenti di ARERA sono di giugno 2020, i chiarimenti ed approfondimenti dell’ANCI, in merito, sono del successivo mese di luglio. Insomma, si sapeva mesi prima su come ci si doveva muovere per non ripresentare le stesse tariffe dell’anno scorso e attribuire il 25% di risparmio sulla TARI 2020 alle attività commerciali più colpite dal lockdown della prima fase dell’epidemia. Si sapeva, ma l’amministrazione ha, comunque, fatto le cose con “estrema urgenza”, commettendo una serie di errori a cascata per i quali ha in continuazione chiesto scusa quella sera.

Ma la parte più politicamente dolente, per l’amministrazione, l’ha allestita non un consigliere di opposizione, ma uno di maggioranza, il consigliere Diego Difino, che è pure presidente di una delle più importanti commissioni consiliari, la 1ª, quella relativa al bilancio, sulla cui convocazione del 28 Difino ha fortemente polemizzato con il presidente Milillo. Il consigliere ha sollevato una questione che, da sola, basterebbe ad inficiare l’approvazione dell’atto nel caso di un ricorso, di sicuro materia per un esposto al Prefetto.

cons tari-2020-2«Parlo da presidente della 1ª commissione» ha attaccato Difino nel suo intervento. Come da regolamento, spiega il consigliere della lista “Associazione, Libertà e Progresso”, «il presidente convoca e presiede la commissione. Dice bene il dottor Romagno: commissione convocata il 28 settembre: ma chi l’ha convocata la commissione, io?!», ha gridato. Poi si è rivolto al dipendente comunale verbalizzatore della stessa commissione: «Mi dica, il dott. Diego Difino, presidente della 1ª commissione, l’ha chiamata per convocare la commissione? E’ venuto al comune per convocare la prima commissione, sì o no?! E se la risposta è no, nome e cognome della persona che in nome e per conto mio il 28 settembre ha convocato la commissione». Insomma, il fatto denunciato da Difino in consiglio è grave: si è tenuta una commissione che lui, da presidente, non ha convocato ed era l’unico che, per regolamento, avrebbe potuto farlo.

A questo punto il presidente del consiglio ha cercato di metterci una pezza, ha detto di aver chiamato Difino dopo la conferenza dei capigruppo del 25 settembre al quale ha chiesto di convocare la commissione che presiede. Difino, ha riferito il presidente, gli avrebbe detto «Vai Alessandro, o martedì o mercoledì, l’importante che alle 12:30…». Qui Difino lo ha interrotto fuori microfono: «In data 25 settembre, stiamo parlando del 28 settembre!».
Milillo -a quel punto- ha provato ad argomentare che il dipendente comunale non era in servizio, quindi, le PEC di convocazione non sono partite; poi ci sono stati il sabato e la domenica, quindi, il dipende «l’ha fatto il lunedì, ma per mera questione di urgenza» ha aggiunto lo stesso Milillo. «Lei non è il presidente della 1ª commissione», ha gridato fuori microfono Difino, «non è tenuto a convocare la commissione senza autorizzazione».
Insomma, un battibecco tra i due presidenti su una convocazione che, stando alla ricostruzione di Milillo, avrebbe fatto il dipendente comunale perché ha assistito alla telefonata del 25 settembre nella quale Difino avrebbe dato la disponibilità a convocare la commissione. Insomma, un pasticcio; un rimpallo di responsabilità su chi e come abbia convocato quella commissione. Una situazione da cui è venuto fuori tutto l’attrito che c’è fra Diego Difino, il suo movimento, e l’amministrazione comunale; senza quell’attrito le “anomalie” sarebbero passate inosservate da un consigliere di maggioranza.

Uno spettacolo paradossale, quindi, che si è svolto tutto dentro la maggioranza, con Difino che negava di aver convocato la commissione e Milillo che cercava di riparare scaricando, sostanzialmente, la responsabilità della convocazione sul dipendente comunale che, va detto, di sua inizia non avrebbe potuto, solo perché aveva ascoltato una telefonata, convocare la commissione senza l’input di una figura politico-istituzionale. E da quello che si è sentito, sembra di capire che l’input a convocare la commissione sia partito dallo stesso presidente del consiglio pur non avendone titolo. cons tari-2020-3
Una situazione imbarazzante dalla quale Milillo ne è uscito chiedendo la sospensione di qualche minuto del consiglio comunale, sospensione passata con nove voti a favore rispetto a una maggioranza presente di dieci consiglieri, cinque voti contro e un astenuto.

«La sospensione è stata proficua» ha detto il presidente Milillo al rientro in consiglio e anche qui, giù con le scuse: «Prima di iniziare volevo innanzitutto chiedere scusa se abbiamo soprasseduto sul coinvolgimento dei consiglieri di opposizione. Dovevamo farlo in modo diverso, dovevamo essere un po’ più espliciti, più chiari in modo tale da rendere questa discussione più proficua. Chiedo scusa al presidente della 1ª commissione per non aver comunicato questo cambio di data rispetto alla richiesta di convocazione della prima commissione. Chiedo scusa a tutti i consiglieri comunali se questo provvedimento è arrivato in consiglio comunale con qualche criticità che è stata sollevata dai consiglieri comunali».  «La discussione unanime da parte di maggioranza e opposizione -ha aggiunto Milillo- ci porta a superare questo momento di tensione che si è creata. Rinnovo le mie scuse all’intero consiglio comunale, ai consiglieri di opposizione, al presidente della prima commissione. Vi ringrazio per la vostra disponibilità».

Anche il sindaco ha richiesto scusa ed ha ringraziato maggioranza e opposizione per l’acquietamento degli animi nell’interesse della collettività. Insomma, tutto è bene quello che finisce bene ma… continua ad esserci uno strascico di inquietudine politica. Messa ai voti, la TARI con le nuove tariffe è passata con nove voti a favore su dieci consiglieri di maggioranza presenti e sei voti di astensione su cinque consiglieri di opposizione presenti. Su un punto così importante il consigliere di maggioranza Diego Difino si è, dunque, astenuto e non perché non fosse d’accordo con il provvedimento, ma per il metodo con cui è stato preparato l’atto.

Non è la prima volta che Difino si astiene, nel consiglio del 30 lo ha fatto anche su altri punti all’ordine del giorno. In un altro consiglio ha anche votato contro un punto in discussione, un fatto anomalo per un consigliere di maggioranza, indice di una certa scollatura politica tra lui e l’amministrazione comunale. Se a questo si aggiunge il fatto che non ha approvato il primo bilancio di previsione dell’amministrazione Valenzano, perché assente a quel consiglio comunale, l’atteggiamento critico di Difino si appalesa ancora di più. Una assenza, quella sul bilancio, dal significato tutto politico. Sarebbe interessante scandagliare l’origine di questo atteggiamento critico, oppositivo, nei confronti della “sua” amministrazione. Un fatto è certo, questo atteggiamento non può durare tutti i cinque anni, arriverà prima o poi ad un punto che potrebbe essere di ricucitura, ma anche di rottura. Nel secondo caso per Giuseppe Valenzano le cose potrebbero mettersi male perché Difino dispone di due voti in consiglio, venuti meno i quali, la maggioranza ha a malapena il numero legale per resistere ai consigli comunali.

 

 

 

 

 

Commenti  

 
+7 # EXM5S 2020-10-08 11:15
Fortemente deluso da Palmino, mi aspettavo una reazione in consiglio..inve ce zitto zitto... si astiene e strizza l'occhio alla maggioranza! non sara in cerca di poltrone? spero di no altrimenti tanta tanta delusione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+5 # Cambianento 2 2020-10-08 15:04
L avvocato...non conosce le leggi??? La poltrona, si si si... cambio posto forse,da opposizione passerà a maggioranza..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+31 # Indignati 2020-10-05 01:22
Sindaco parla di giostrine distrutte, vomito, fontane rotte, ed è pure incazzato. Siamo noi ad essere incazzati, * l attivita' nella villetta adiacente non si capisce più niente, fiumi di alcolici dalla mattina alla sera, e la frequentano sempre gli stessi personaggi, che sanno solo bere, ed alla faccia del Covid e degli assembramenti . E lei non sta prendendo alcun provvedimento. Faccia mia culpa quando accadono queste cose.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-16 # Di Tacco e di Punta 2020-10-07 14:57
In questo paese sapete solo criticare e andare a dormire presto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+8 # Applausi 2020-10-05 22:57
Fate gli esposti ai carabinieri e mettete le firme.
Tutti noi scriviamo fiumi di parole in anonimo ma se ci chiedono di esporci si cambia idea o si tollera.
Parlo in generale non del singolo caso.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+17 # Nunzio 2020-10-05 09:22
Quando si capirà che quel locale È UN PROBLEMA, sarà troppo tardi. Anch'io sono stanco *
I ragazzi lì, si rovinano!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+25 # racioppo 2020-10-04 15:42
se son Rose fioriranno, recita un antico adagio.
è già passato più di un anno dalla insediamento di questa amministRazione , e ad oggi tutto è come prima.
forse peggio di prima.
perché si può anche essere impreparati o incompetenti, ma essere sfacciati e presuntuosi porta a risultati a dir poco disastrosi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+30 # Virna Aloisio Bonino 2020-10-04 11:27
Credo che Nicastro abbia ben riassunto quanto avvenuto nell'ultimo consiglio: un solo aspetto ritengo abbia dimenticato : e se al posto dei "giovani e competenti" ci fosse stato Palmino e il M5S ? Si puo' bipassare il regolamento comunale per una finalita' politico-ammini strativa "buona e giusta" per la cittadinanza ? A parti invertite, con Palmino o Poli, oggi vedremmo il Pd e Valenzano a gridare all'incompetenz a ed alla mancanza di rispetto delle formalita' democratiche imposte dallo Statuto comunale. Intelligenti pauca.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+18 # Cambianento 2 2020-10-04 22:19
Forse il cambiamento è questo...ma la gente non vuole vedere.. la pazienza credo che stia x terminare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+15 # cittadino 2020-10-04 11:03
Il problema non è la tariffa che scende ma l'incremento di tutte le componenti dei servizi vari che rendono praticamente vana anche una buona volontà comunale. Se non si eseguono a livello nazionale misure serie e organiche di decremento delle tasse anche un bambino capirebbe che siamo in direttiva di arrivo della catasfrofe sociale ed economica e anche qualcosa di peggio che si crea con le diseguaglianze sociali sempre più vive .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+25 # V. G. 2020-10-04 10:19
Questa volta sono rimasto in silenzio...all' altro consiglio comunale avevo urlato dando dell'incompeten te a Palmino, dicendo che avvelena il clima politico, questa volta troppe figure di m... e da bravo scolaretto sono stato in silenzio. Se dicevo anch'io qualcosa, si capiva davvero chi sono gli incompetenti..P er svelenire però un clima politico così teso, oggi facciamo la sagra dell'uva, nella speranza che non ci prenda un COVID...e poi facciamo tanti post su FB per far vedere che stiamo cambiando...Io sono contento!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-29 # Rutiglianese 2020-10-03 18:28
FATTO STA CHE LE TARIFFE TARI SONO STATE RIDOTTE NONOSTANTE LE RISORSE SCARSE.
CHISSÀ DA QUANTO TEMPO NON SUCCEDEVA.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+30 # ex primo 2020-10-03 17:53
praticamente dobbiamo dire grazie all'opposizione , se (rinunciando all eventuale soluzione di sporgere denuncia alla procura per un atto illegittimo) abbiamo le nuove tariffe della TARI.se ci fossimo affidati interamente alla maggioranza oggi saremmo chissà dove e in che pasticcio
troppo dilettanti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+29 # gabbiano 2020-10-03 17:29
L'amministrazio ne dei poppanti continua a fare ridere... Ma dico io i 4 che hanno più esperienza è possibile che toppano in questa maniera? Considerato il mutismo di palmino vi conviene tesserarlo... prima che facciate la fine della limitone.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+12 # Uno qualunque 2020-10-03 17:29
Signor sindaco ,lei è una persona per bene e preparata, un po' meno esperta ( non le faccio una colpa). Un sindaco ,un amministratore ,a volte, è costretto a prendere decisioni ,per il bene della città, contro la propria volontà e contro il mero fattore numerico che determina la maggioranza . In pratica: prenda coraggio e METTA FUORI DALLA MAGGIORANZA chi dovrebbe occupare un ruolo per il bene della citta e non personale.
Sono certo che , pur con tante difficoltà, lavorerà meglio.
Un saluto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+29 # tnt 2020-10-03 17:25
vi state lamentando di questo problema? Andate nell'albo pretorio e andate a trovare l'ordinanza n° 62 del 25/09/2020, su richiesta della prefettura ( comunicazione PEC) si emanava l'allerta meteo per il giorno 26/09 , il sindaco ordinava la chiusura di alcune parti, pubblicando solo il 29/09 ovvero quattro giorni dopo l'allerta della prefettura, la presente ordinanza non e mai stata messa in atto perche' resa efficace solo dopo 4 giorni. gravissimo visto che ce' di mezzo la pubblica incolumita' e per fortuna non e successo nulla. Andate a casa, siate uomini
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-12 # peppino 2020-10-03 16:53
Va bene tutto...ma vedere e sentire Romagno

dare lezioni su regolamenti ,democrazia

partecipazione , rispetto delle regole e

delle istituzioni, fa ridere e sembra proprio

una barzelletta !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+23 # Cambianento 2 2020-10-03 21:41
Certo che non si è mai vista in 10 anni una situazione così grave...mai è successo questo...e chissà quanti bandi si sono lasciati perdere xche loro seguono solo ciò che gli viene detto dal primo cittadino della grande città.. il resto non sanno nemmeno come farle...perfavo re,incompetenti ,andate a casa...e poi vedremo l'entità della diminuzione.. e chi pagherà di più non è stato detto ancora?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+32 # Vincenzo Pedone 2020-10-03 18:33
Citazione peppino:
Va bene tutto...ma vedere e sentire Romagno

dare lezioni su regolamenti ,democrazia

partecipazione , rispetto delle regole e

delle istituzioni, fa ridere e sembra proprio

una barzelletta !

Caro peppino, non voglio difendere Romagno perchè non lo conosco personalmente, ma ha detto la verità che purtroppo fa male sentirla per chi e di parte, detto ciò facessero mea culpa Valenzano, milillo,e tutta la maggioranza per lo scempio consumatosi..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+14 # antonio fortunato 2020-10-03 15:11
Premesso che in altro comune ho ricevuto, e pagato, la TARI sin da luglio e, quindi, mal comprendo le asserite difficoltà di validazione delle tariffe Ma .. non vorrei mal ricordare, i ritardi e la dichiarata "superficialità " nella predisposizione di taluni atti amministrativi sia un dato comune di questa e di precedenti amministrazioni . ... Pare quasi che gli amministratori comunali ( presenti e passati) abbiano una qualche difficoltà a gestire, indirizzare e controllare la macchina amministrativa del comune. ... Non sarebbe, forse, il caso di avviare - nel rispetto dei ruoli - una rotazione negli incarichi dei responsabili amministrativi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+24 # Cambianento 2020-10-03 14:26
Incompetenti,or gogliosi,presun tuosi,dittatori ...jon chiedilo aiuto e predicano la condivisione... si giusto,condivis ione con qualcuno che sta dietro le loro quinte!!andate a casa su forza...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+21 # Mazinga 2020-10-03 13:49
Complimenti al consigliere difino....perch e ha differenza di altri lei ci mette passione e non è un burattino che alza solo la mano....se questa amministrazione non è capace......si rivesta di umiltà è tolta il disturbo.....a buon intenditore poche parole......
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+28 # Peppino u russ 2020-10-03 13:47
Dilettanti allo sbaraglio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+30 # stravagante 2020-10-03 13:22
Un consiglio comunale fuori dal" comune" a quello che abbiamo assistito è la cosa più assurda è stato vedere il rimbalzarsi delle responsabilità da uno all'altro.. questo vuol dire non assumersi in prima persona il patatrac di cui si è resa responsabile L'amministrazio ne...a questo punto bisogna dare atto che il fumo venduto in campagna elettorale sta dando tutti i suoi effetti..ed ha pagare saremo noi poveri cittadini....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+31 # Cittadino 2020-10-03 12:27
Amministrati da bambini
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+38 # votoAntonio 2020-10-03 11:24
Quello a cui abbiamo assistito è stato di una gravità assoluta, un atto di tale importanza gestito in maniera superficiale; non si può affidare la gestione della cosa pubblica a gente impreparata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+17 # Vito1 2020-10-03 11:10
Perché qualcuno dice che le nuove tariffe andranno contro le attività che non hanno subito il lockdown?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+33 # leggi bene 2020-10-03 11:05
l'urgenza che deriva dall'incompeten za .... questa è la verità....... non c'è una programmazione. .... ma ancora di più non c'è la preparazione ... si fa tutto con approsimazione. ... fermatevi un attimo, riordinate le idee ( se le avete) e ricominciate .... questa amministrazione per non ammettere di aver sbagliato continua nella sua corsa travolgendo tutto e tutti ..... un bagno di umiltà non guasta... tutti possiamo sbagliare.....a mmettere di aver sbagliato e cambiare rotta non è da perdenti......
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna