Gio13082020

Last update06:34:28 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner2 nuovo madel

  banner giardini 900 2  

 

 

banner verna rifatto     
Back Sei qui: Home Notizie Politica A Noicattaro il sindaco ordina di indossare mascherine, sciarpe o foulard

A Noicattaro il sindaco ordina di indossare mascherine, sciarpe o foulard

Condividi

mascherina-obbligo-noicattaro


di Gianni Nicastro

I nojani devono indossare la mascherina o, in mancanza, qualsiasi altra cosa che copra bocca e naso, quando vanno a fare la spesa, nei luoghi chiusi e frequentati da altre persone. L’imposizione Raimondo Innamorato l’ha codificata in una ordinanza pubblicata ieri.

Il sindaco ha, dunque, ordinato che “dalle ore 24:00 di domenica 5 aprile 2020 alle ore 00:00 di martedì 14 aprile 2020, e comunque fino alla scadenza di eventuale proroga del DPCM, a tutta la cittadinanza di indossare mascherine o altri sistemi di protezione della bocca e del naso (quali sciarpe, foulard e simili qualora non sia possibile reperirle), allorquando gli stessi cittadini accedono, negli orari di apertura, agli esercizi commerciali, farmacie, uffici pubblici, uffici postali, banche, e in ogni altro luogo chiuso in cui è previsto l’accesso generalizzato di persone, in modo da limitare la contaminazione dell’ambiente. Tale obbligo è imposto anche agli avventori che sostano lungo gli spazi esterni antistanti i predetti luoghi, al fine di eseguire la coda per l’accesso contingentato agli stessi”. E avverte “che la violazione delle disposizioni contenute nella presente ordinanza, salvo che il fatto non costituisca reato, è sanzionato ai sensi dell’art.4, comma 1, D.L n. 19/2020”, cioè con una multa da 400 a 3.000 euro.

«Nei prossimi giorni Noicáttaro sarà "BLINDATA"!» ha scritto ieri sul suo profilo facebook Raimondo Innamorato, aggiungendo che «non saranno consentite le gite "fuori porta", i pranzi tra amici e parenti e gli spostamenti immotivati. Abbiamo già programmato il piano di intervento inerente le giornate di Pasqua e Pasquetta, nelle quali le attività di controllo saranno intensificate. Bloccheremo anche le strade vicinali che conducono a poderi e a torrette di campagna consentendo il passaggio esclusivamente a chi dimostra di lavorare nella filiera agricola». Infine, minaccioso, ha concluso così: «Non credo convenga trasgredire le norme imposte pertanto...». I cittadini di Noicattaro sono, dunque, avvisati e, come si dice, uomo avvisato mezzo salvato.

«Siamo l'unico comune in Puglia ad aver provveduto a questa direttiva» ha postato sulla sua pagina facebook Andrea Lucatorto, comandante della Polizia Locale di Noicattaro, in riferimento all'ordinanza in questione.mascherina-obbligo-noicattaro-1

Insomma, l'impressione è che Innamorato stia trattando Noicattaro come fosse uno dei comuni in stretta quarantena della prima zona rossa della Lombardia. Eppure, nella diretta di sabato scorso ha, in qualche modo, sminuito i casi Covid a Noicattaro, dicendo che «abbiamo semplicemente sei casi positivi che afferiscono al paese Noicattaro». Per semplici sei casi, quindi, Innamorato “blinda” la sua città come nessun’altro sindaco ha fatto in Puglia.

Intendiamoci, che i cittadini indossino la mascherina quando sono nei supermercati e nei luoghi chiusi frequentati da altre persone, è buono, è una buona pratica che, però, protegge il prossimo più che sé stessi. La mascherina chirurgica blocca il droplets, le micro goccioline che emettiamo quando parliamo e, soprattutto, quando starnutiamo, ma non proteggono dal virus chi la indossa.

Sul piano squisitamente tecnico-giuridico, un sindaco, in relazione all’emergenza Sars-Cov-2, può imporre ai suoi cittadini quello che neanche il governo, con i suoi decreti, ha imposto a tutti gli italiani? “A seguito dell'adozione delle misure statali di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 non possono essere adottate e, ove adottate sono inefficaci, le ordinanze sindacali contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l'emergenza predetta in contrasto con le misure statali”, è quanto statuisce al comma 1 l’art. 35 del decreto legge 2 marzo 2020 n. 9.
Il Ministero della Sanità e l’ISS raccomandano l’uso dei DPI (dispositivi di protezione individuali) agli operatori sanitari e le mascherine chirurgiche alle persone contagiate, con sintomi influenzali o che sospettano di aver contratto il virus; sconsigliano l’uso delle mascherine a tutte le altre persone. Le uniche raccomandazioni per tutte le persone sono la distanza sociale di almeno un metro e il frequente lavaggio delle mani, anche con l’utilizzo degli igienizzanti.

L’ordinanza di Noicattaro pone un’altra questione, legata alla insistente penuria di mascherine su tutto il territorio nazionale; in una simile situazione, un sindaco può obbligarne l’utilizzo?

Il presidente della regione Toscana Enrico Rossi qualche giorno fa ha emanato la stessa ordinanza -così come hanno fatto la Lombardia e il Veneto- ma, per attivarla, sta attendendo che arrivi una fornitura di milioni di mascherine per consegnarne tre pezzi a persona in tutta la regione. Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente nazionale dell’ANCI, ha dichiarato oggi all’ANSA che «ci sono le linee guida nazionali che non obbligano a utilizzare la mascherina. Se nella propria autonomia una Regione o un Comune decide di obbligare a usarla, è opportuno che tutti i cittadini vengano dotati di mascherina, per chi non se lo può permettere ma anche per chi se lo può permettere ma non ha la possibilità di acquistarle, perché non ce ne sono». Decaro ha detto anche di non sapere se sciarpe e foulard siano scientificamente capaci di trattenere il droplet, quindi mettano al sicuro il prossimo dall’eventuale contagio.

Insomma, a Noicattaro, data l’introvabilità delle mascherine, tutti -o gran parte dei cittadini- rischiano di andare in giro con sciarpe, foulard o cose simili sulla bocca e sul naso a fronte dell'incertezza scientifica circa la loro efficacia a fermare le goccioline e l’aerosol che tutti emettiamo.

 

 

Commenti  

 
0 # Diego 2020-04-08 19:43
Quando non si hanno più argomentazioni ci si spinge sempre oltre a cercar l’impossibile affinché si parli o si discuta del nulla.
Signor Nicastro non abbia paura di parlar del suo paese a tal punto da tirar fuori dal cilindro notizie sul paese di Noicattaro.
Pensi a migliorare ed informare la gente del suo paese se ne ha le capacità. Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # skifato 2020-04-08 15:02
Non capisco perchè un giornale rigghianese pubblica fatti e vicende del comune di Noicattaro! Mi fate solo ridere, per non dire piangere
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-3 # golfo 2020-04-08 19:15
Per lo stesso motivo per il quale un wawino viene a commentare su un giornale rigghianese.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Gianni Nicastro 2020-04-07 12:46
Citazione Gori:
Ma perché non pubblica tutti i commenti?

Perchè lei spara cavolate e vuole anche farlo in anonimo. Io glielo sconsiglio, ma se proprio le vuole sparare le cavolate, lo faccia dal suo profilo facebook, presumo che ne abbia uno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-1 # Gori 2020-04-07 18:51
Che bravo giornalaio che è sign Nicastro. Si vada a rivedere la costituzione, art 21. Libertà di pensiero. La mia era una lecita osservazione non offensiva, ma si vede che lei è di parte e ha perso il valore fondamentale per essere un giornalista. Essere imparziali. Saluti a lei e al suo giornale carta straccia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Gori 2020-04-07 12:41
Ma perché non pubblica tutti i commenti?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Deluso 2020-04-07 10:51
Magari avessimo a Noicattaro un sindaco come quello di Rutigliano, il nostro sa solo fare lo sceriffo, non comunica le cose in maniera chiara e completa ed ogni diretta sembra la celebrazione del suo ego per quanto sono inutilmente lunghe!
Vedi su quest'ultimo provvedimento di cui si parla sul quale si è espresso bene decaro, presidente anci, sulla sua utilità, con le mascherine che quando si trovano sono a prezzi esorbitanti, e il comune che ne dà solo una a famiglia e pure chirurgiche che dura 3-4 ore!! Cugini rutiglianesi voi state molto molto meglio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Carson 2020-04-07 09:03
Non bisogna criticare un Sindaco se non sappiamo che situazione si è creata in un paese. Può darsi che ora a Noicattaro i numeri dei contagiati stia aumentando, dopotutto lo stesso governo italiano come il presidente della regione lombarda hanno fatto lo stesso errore.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-5 # Cittadino 2020-04-07 07:50
Questo è il sindaco che durante il periodo elettorale ricordò ai cittadini di Rutigliano che avevano voglia di cambiamento che stavano facendo una cosa insensata.... Ora stiamo guardando con ammirazione al sindaco di Noicattaro perché quello di Rutigliano non lo ascoltano più neanche i ragazzi che l'anno voluto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-3 # maurizio 2020-04-06 21:34
governa la lega a noicattaro?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # tex 2020-04-06 20:19
Abbiamo bisogno di questi tipi di Sceriffo?
Oppure ha da nascondere qualcosa che solo lui sa? Partecipazione, condivisione, trasparenza, dialogo con i cittadini...che fine hanno fatto? Tutte stelle cadenti !!!!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna