Gio18082022

Last update03:13:59 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

   

 

Back Sei qui: Home Notizie Politica Coronavirus. Chi rientra in Puglia dalle zone a rischio lo comunichi alle autorità sanitarie

Coronavirus. Chi rientra in Puglia dalle zone a rischio lo comunichi alle autorità sanitarie

Condividi

emiliano-coronavirus


Pubblichiamo qui sotto l'ordinanza del presidente della regione Puglia Michele Emiliano che recepisce il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri messo a punto ieri -e pubblicato oggi- sulle misure di contenimento della diffusione del coronavirus.

L'ordinanza del presidente Emiliano obbliga tutti coloro che rientreranno, o che da ieri fossero rientrati, nei comuni pugliesi di residenza a comunicare "tale circostanza al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta o all'operatore di sanità pubblica del servizio di sanità pubblica territorialmente competente".
Qui in fondo trovate il link da cui scaricare il DPCM dell'8 marzo 2020 sulle ulteriori misure di contenimento dell'infezione da Covid-19.


 

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

OGGETTO: Misure per il contrasto e il contenimento sul territorio regionale del diffondersi del virus COVID-19 ai sensi dell'art.32 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE
VISTO l'art. 32 della Costituzione;
VISTO lo Statuto della Regione Puglia;

VISTA la Legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica in particolare, l'art. 32. Che dispone "…sono emesse dal presidente della giunta regionale e dal sindaco ordinanze di carattere contingibile ed urgente, con efficacia estesa rispettivamente alla regione o a parte del suo territorio comprendente più comuni";

VISTA la delibera del Consiglio dei Ministri del 31/01/2020 con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza  sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

VISTO il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19» e in particolare l'articolo 3;

VISTA l'Ordinanza del Presidente della Regione Puglia N. 175 dell'8 marzo 2020 ore 2,31;

CONSIDERATO che il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sottoscritto in data 8 marzo  2020 reca un testo emendato rispetto a quello diffuso in data 7 marzo 2020 prima della sua sottoscrizione;

CONSIDERATO che il citato DPCM dell'8 maro 2020 allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 nella regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell'Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e  Venezia, all'art.1  dispone di  "evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori di cui al presente articolo, nonché all'interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza", con decorrenza dall'8 marzo 2020;

CONSIDERATO che, richiamate integralmente le motivazioni di cui alla citata ordinanza  N. 175 dell'8 marzo 2020 alle ore 2,31 è tuttavia necessario rettificarla;

CONSIDERATO che è necessario assumere immediatamente ogni misura di contrasto e di contenimento sul territorio regionale del diffondersi del virus COVID-19 ai sensi dell'art.32 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità, a parziale rettifica della ordinanza N. 175 dell'8 marzo 2020 alle ore 2,31,

emana la seguente

                                                  ORDINANZA         

Tutti gli individui che hanno fatto ingresso in Puglia con decorrenza dalla data del 7/03/2020,  provenienti  dalla Lombardia e dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell'Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e  Venezia,  per rientrare e soggiornare nel proprio domicilio, abitazione o residenza, hanno l'obbligo:

-       di comunicare tale circostanza al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta o all'operatore di sanità pubblica del servizio di sanità pubblica territorialmente competente;

-       di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni;

-       di osservare il divieto di spostamenti e viaggi;

-       di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza;

-       in caso di comparsa di sintomi, di avvertire immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta o l'operatore di sanità pubblica territorialmente competente per ogni conseguente determinazione.

La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente ordinanza, comporterà le conseguenze sanzionatorie come per legge (art. 650 c.p., se il fatto non costituisce più grave reato).

I Prefetti territorialmente competenti assicurano l'esecuzione delle misure disposte con la seguente ordinanza.

La presente ordinanza è pubblicata sul sito istituzionale della Regione.

La presente ordinanza è trasmessa ai Sindaci, ai Prefetti.

Avverso la presente Ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla pubblicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi.

Il presente provvedimento, immediatamente esecutivo,  sarà pubblicato sul BURP nonché inserito nella Raccolta Ufficiale dei Decreti e delle Ordinanze del Presidente della Giunta Regionale".

Clicca sull'immagine qui sotto per ingrandire o scaricare il DPCM

coronavirus-DPCM 8-3-2020-1

 

 

 

Commenti  

 
0 # Checco 2020-03-09 12:58
Ma nessuno ci spiega come si fa la quarantena a domicilio e chi deve sorvegliarla.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Ciro 2020-03-09 12:22
Gli autotrasportato ri non sono stati bloccati, basta avere il permesso
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Ciro 2020-03-08 16:56
Come al solito,prima fanno scappare i buoi e poi fanno le porte. Perché non lo sapevano che era già più di una settimana che lavoratori e studenti stavano scappando al Sud.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # peppino u matt 2020-03-08 15:56
io che faccio L'autotrasporta tore e sono in Lombardia 2/3 volte a settimana come mi devo comportare? ad ogni rientro a casa devo denunciare il mio rientro al medico, devo rimanere 14 giorni in isolamento fiduciario? in pratica devo fare solo 2 trasposti al mese… e le rate del muto di casa, del leasing del camion, le bollette e il campare alla mia famiglia chi lo paga???
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-1 # Papocchio 2020-03-09 13:19
Senti a me, è meglio che ti stai là e, ogni tanto, mandi una cartolina!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna