Ven03042020

Last update05:18:05 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel nuovo

  banner garofoli energia  

 

 

Back Sei qui: Home Notizie Politica Fischietti, Rutigliano-Nove e viceversa. Videointervista all’artista Diego Poloniato

Fischietti, Rutigliano-Nove e viceversa. Videointervista all’artista Diego Poloniato

Condividi

poloniato-videointervista


La prima impressione è che quest’anno la Fiera del Fischietto in terracotta stia andando bene; tre giorni di bel tempo come non se ne ricordano da un pezzo. Sarà il bel tempo o, come ci piace pensare, che la fiera ancora continua a suscitare grande interesse, anche stasera, domenica 19 gennaio, i visitatori presenti in piazza e nel centro storico sono tanti.

Ieri sera abbiamo incontrato, sotto lo stand della sua bancarella, l’artigiano, nonché artista, di Nove Diego Poloniato, storico partecipante al Concorso Nazionale del Fischietto in Terracotta Città di Rutigliano, del quale ha vinto diverse edizioni come primo classificato. Con Poloniato abbiamo parlato di fischietti di Rutigliano e di Nove, della differente tecnica con cui sono lavorati, abbiamo parlato del concorso nazionale, di come farlo girare per l’Italia e di come possa addirittura evolvere in concorso internazionale con la partecipazione dei fischietti di altri paesi, anche molto lontani e diversi per cultura e storia.

Spetta all’amministrazione di Rutigliano, al suo sindaco, lavorare in tal senso, far fare uno straordinario salto di qualità al fischietto in terracotta di Rutigliano, alla sua fiera e al suo concorso. Da venerdì scorso c’è uno strumento in più che si può utilizzare per promuovere questo salto di qualità, è il “patto di amicizia e di collaborazione con le città di Cutrofiano (Lecce), Nove (Vicenza) e Matera” che è stato sottoscritto il 17 gennaio.

Un patto “in virtù delle comuni radici culturali ed economiche fondate sulla lavorazione della ceramica tradizionale artistica”, che avvii “iniziative finalizzate ad una maggiore conoscenza e diffusione delle antiche tradizioni popolari e dei beni culturali dei rispettivi territori, fornendo la base per una collaborazione e promozione reciproca”.

Si cominci subito a lavorare in tal senso partendo da Rutigliano, dai suoi fischietti e dal suo concorso facendosi contaminare dai cuchi, dai cucù e da tutta la terracotta e la ceramica fischiante da Nord a Sud, da Est ad Ovest dell’Italia e del mondo. Stiamo sognando? Può anche darsi, ma un concorso internazionale dei fischietti c’è già stato in Italia, ora non c’è più; ne parla Poloniato nella videointervista qui sotto pubblicata. Rutigliano può farsi sfuggire questa occasione, questa opportunità? E’ meglio di no, potrebbero coglierla altri.

Intanto, l’intervista a Diego Poloniato con una breve panoramica sui tre giorni della fiera del fischietto.

Buona visione

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna