Sab21092019

Last update04:07:49 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel nuovo

   banner corretto musical break  

       banner-2019sagra-uva


banner settembre 2019     

 

Back Sei qui: Home Notizie Politica Cantiere su Piazza Manzoni, altri quattro mesi per completare l’opera

Cantiere su Piazza Manzoni, altri quattro mesi per completare l’opera

Condividi

piazza-manzoni-proroga-tempi


di Gianni Nicastro

Quello della riqualificazione di Piazza Manzoni è un cantiere che sta facendo discutere, e anche arrabbiare, i cittadini, in modo particolare residenti e commercianti della zona. Per quanto importante e necessaria sia quella riqualificazione, i disagi che sta creando alla viabilità, alla domanda di parcheggio e alle attività commerciali, non sono pochi. E’ vero, quando si realizza un’opera pubblica in pieno centro urbano si deve mettere in conto una serie di problemi e anche di disagi. Per questo, un cantiere del genere, avrebbe dovuto durare il meno possibile.

Invece, dopo oltre cinque mesi dalla consegna dei lavori, avvenuta il 28 gennaio 2019, siamo di fronte alla proroga dei termini della loro ultimazione. Il 2 luglio scorso, infatti, l’ufficio lavori pubblici del comune ha deciso “la proroga di giorni 120”. Il motivo della proroga dei lavori è “la presenza di interferenze”, che sono state portate alla conoscenza dell’ufficio tecnico con una nota inviata -il 20 giugno scorso- dalla ditta appaltatrice AEMME S.r.l.  “Nella fattispecie”, si legge nella determina di proroga, le ipiazza-manzoni-proroga-tempi-3nterferenze di cui la ditta scrive sono tre.

La gru “in prossimità dell'incrocio tra Via Petrarca e Piazza Manzoni”, la quale “occupa una porzione di area di cantiere che inficia l'esecuzione delle lavorazioni sia in quella zona che nelle aree limitrofe”; “la cabina ENEL in cemento” che “risulta ancora attiva” e “il cui spostamento è previsto a cura della stessa ENEL”; infine, “nel tragitto che va dalla cabina ENEL (ancora attiva) alla nuova cabina insistono cavidotti ENEL che non permette di eseguire gli scavi nelle zone prospicienti”.
Insomma, al di là della gru, sembrerebbe che l’ostacolo maggiore alla prosecuzione dei lavori su Piazza Manzoni sia proprio la cabina Enel. Tutti sapevano dell’esistenza di questo “ostacolo” ma, nonostante ciò, il comune ha fatto partire lo stesso i lavori prima che il problema fosse risolto.
In realtà, la soluzione -perlomeno quella formale- si è avuta giovedì scorso, 4 luglio, con la sottoscrizione del contratto di concessione della cabina nuova all’Enel; questo significa che il trasferimento delle attrezzature, dalla vecchia cabina interrata a quella nuova in superficie, può avvenire. Quando? Non lo sappiamo, dipende dall’Enel; ma questo è un periodo particolare, si approssimano agostpiazza-manzoni-proroga-tempi-4o e le ferie, non solo per l’Enel, anche per la ditta appaltatrice.

Rispetto a questa vicenda faccio notare una cosa. L’iter della  gara d’appalto, e dell’esecuzione dei lavori in Piazza Manzoni, è stato più veloce dell’iter, e dell’esecuzione (non ancora avvenuta), dello spostamento della cabina Enel. Questo ha determinato l’importante allungamento dei tempi. La decisione di spostare la cabina e l’approvazione del progetto esecutivo per la riqualificazione di Piazza Manzoni sono state deliberate lo stesso giorno, il 22 settembre 2017. Solo che, l’iter di esecuzione del progetto di realizzazione della piazza, è andato avanti molto più spedito di quello dello spostamento della cabina.

A marzo del 2018 sono cominciati i lavori di installazione della nuova cabina elettrica esterna, lavori che si sono conclusi poco più di un mese dopo. Si può dire che a maggio del 2018 la nuova cabina era pronta per ricevere tutte le attrezzature della vecchia cabina interrata, ma la delibera di approvazione dell’alienazione della cabina nuova al gestore della rete elettrica viene portata in consiglio comunale, e approvata, l’11 aprile 2019, circa un anno dopo; la firma del contratto di cessione, come scritto più su, è avvenuta appena sei giorni fa, più di cinque mesi dopo la consegna dei lavori di riqualificazione della piazza alla ditta appaltatrice.

Insomma, se il comune avesse risolto il problema della cabina prima di far partire il cantiere della piazza, o avesse aspettato la soluzione del problema e poi avviato il cantiere, forse la ditta avrebbe rispettato la data contrattuale della fine dei lavori, che era fissata per il 27 giugno scorso; avrebbe risparmiato alla città quattro mesi di disagi in più. Ora i cittadini, e i commercianti della zona, devono sperare che i lavori si concludano tra centoventi giorni, cioè ad ottobre prossimo se tutta va bene.


piazza-manzoni-proroga-tempi-2

 

 

Commenti  

 
0 # Piripippi 2019-07-15 23:53
Il vecchio che si rinnova
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-2 # picchio 2019-07-12 01:04
Ma chi ha deciso di mettere quegli orribili alberi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-5 # Gaetano 2019-07-11 21:54
Il bello è nonostante i loro errori (orrori) fanno anche le multe a chi parcheggia momentaneamente l'auto per mettere la spesa nel bagagliaio. Per di più a persona anziana. Spero che vogliano porre rimedio *.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+9 # Cacacacacacac 2019-07-10 14:31
Tutta scena. Lo sappiamo che ormai è tutto deciso! Vogliono solo farsi credere!!poveri ni....avete fatto voi il cavallo dei vecchi..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+13 # DELEGATO 2019-07-10 10:15
Basta chiedere aiuto e consiglio a qualcuno al COMSTAT, se sta li, qualcosa ne capirà! o no?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+22 # Virna Aloisio Bonino 2019-07-10 08:30
Buongiorno Rutiglianoonlin e, ma della giunta del "cambiamento" si sa nulla ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+16 # Gianni Nicastro 2019-07-10 08:40
Come voi, sto anch'io aspettando il decreto di nomina della giunta.
C'è una lista che vuole due assessori, ma il sindaco gliene vuole dare uno. Questa stessa lista, di fronte al diniego sui due, ha ripiegato sulla presidenza del cosiglio, mettendo in crisi il consigliere di un'altra lista che ha puntato -sin dall'inizio- allo scranno più alto del consiglio comunale. Poi c'è la questione dell'assessore al bilancio che il sindaco vuole sia un tecnico di sua fiducia, solo che il nome a cui ha pensato viene dall'"oltretomb a" politica di Rutigliano e, questo, sta mandano in fibrlillazione una parte della maggioranza. Insomma, ci sono delle gatte da pelare, evidentemente Giuseppe Valenzano ancora non le ha pelate tutte.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-2 # Informa 2019-07-12 07:38
Mi scusi,ma è il prefetto che decide ,nomina e annuncia la giunta? Così che si sentono in giro!! Mi potrebbe spiegare perfavore come avviene?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+23 # rutiglianese 2019-07-10 11:18
Questo meritano i rutiglianesi, purtroppo dietro Giuseppe Valenzano ci sono parecchi della vecchia guardia morbosamente attaccati alla poltrona
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna