Gio21022019

Last update10:31:35 AM

banner conad 2016    banner arborea corretto  
banner madel nuovo                  banner fast2  



Back Sei qui: Home Notizie Politica Uno spettro si aggira per... Rutigliano

Uno spettro si aggira per... Rutigliano

Condividi

spettro-m5s


di Gianni Nicastro


Tranquilli, non è “lo spettro del comunismo” che, secondo due filosofi rivoluzionari che amo molto, si aggirava in Europa nel 1848. No, lo spettro che sta spaventando tutto il quadro politico-elettorale a Rutigliano, da Direzione Italia-Moderati a Vittorio Berardi, dal PD alla Lega, si chiama Rutigliano 5 Stelle e relativo candidato sindaco che a breve saranno, ufficialmente, il M5S nella città dell’uva da tavola e dei fischietti in terracotta.

Lo spettro, per maggioranza e opposizione, vecchi e pseudo-nuovi politici, è quel movimento che sta provando a fare politica, soprattutto in questi ultimi giorni, in un paese dove l’unico interesse di partiti, personaggi politici e liste civiche, è quello di flutturare a destra e a manca col pallottoliere elettorale.

L’inqualificabile fine che sta facendo il Palacultura, la fine, altrettanto inqualificabile, che ha fatto la gara d’appalto del palazzetto dello sport; l’intollerabile fallimento e degrado di un’altra opera pubblica sportiva mai entrata in funzione, l’impianto da tennis di via Favale. Il playground di P.zza Salvo D’Acquisto, fatto male, ristrutturato e mai più entrato in funzione. Per non parlare della piscina comunale, di come l’ha ereditata Romagno1 e di come l’ha lasciata deperire Romagno2. Sono già cinque opere pubbliche -delle quali una abortita sul nascere- che da sole squalificano chi ha governato negli ultimi vent’anni, ma anche chi, nello stesso arco temporale, non è stato capace di fare una opposizione della quale si abbia un ricordo. Tutta questa classe politica sta facendo “ammuina”, si incontra e si inciucia in continuazione.

Due sono le cose chiare e ferme fino ad ora, sul piano politico ed elettorale a Rutigliano: la lista di Rutigliano 5 Stelle con il candidato sindaco Beppe Palmino e la coalizione di centrodestra -Lega, FI, FdI- con il candidato sindaco Carmine Iaffaldano. Per contro abbiamo Vincenzo Damato, autoproclamatosi candidato sindaco prima di sé stesso, poi di una mini-coalizione di tre simboli, poi di più, ora di nuovo tre o forse no; un fenomeno che definirei di folklore politico più che politico in se, probabilmente destinato a sgonfiarsi.

Abbiamo Franco Delliturri che, questa volta, corre da solo stanco di portare acqua al mulino degli altri per rimanere sempre a bocca asciutta. Il nostro coriaceo Franco del MAR lo ha fatto due volte con Di Gioia e due volte con Romagno, regalando vent’anni di governo a chi, poi, lo ha sistematicamente messo fuori o nelle condizioni di farsi fuori da solo.

Abbiamo il redivivo Vittorio Berardi con il suo attivismo e con uno zio e un nipote, e qualche altro amico, tallonare da vicino i colamussiani nella speranza che Matteo accetti la candidatura del vecchio leader del centrosinistra versione 2009. Da quelle parti però non ci sentono. Ma Vittorio non demorde, va avanti come un treno, ora con Vincenzo, ora con Matteo, ora con “Italia Nostra”, che non si capisce se sia un comitato elettorale o davvero la meritevole e importante associazione nazionale che si interessa di patrimonio culturale e architettonico e dell’ambiente.

Poi abbiamo il PD, Italia in Comune e le altre due liste che dovrebbero rappresentare il centrosinistra a Rutigliano. Qui, però, siamo ancora senza candidato sindaco anche se tutti sanno chi è, o chi sarà; lo sappiamo da un bel pezzo anche noi di Rutiglianoonline. L’unico nome sul tavolo del “centrosinistra” è quello del metropolitano assessore, nonché consigliere comunale, Giuseppe Valenzano. Finalmente!

Finalmente il PD si è deciso a fare il nome di un suo rappresentante, diretto, organico. Non è mai successo. Giuseppe Valenzano è il candidato naturale del PD e dell’area che gli si è coalizzata attorno, peccato che lo stesso PD, alla fine, potrebbe rovinare tutto perché, mentre si incontra con quei bravi ragazzi di sinistra -ex Tsipras- incontra anche il sindaco Roberto Romagno nel suo ufficio privato insieme ad un esponente di Italia in Comune. Questo è successo qualche settimana fa, e l’artefice di un incontro che odora parecchio di inciucio mi dicono sia stato l’attuale assessore alla cultura, quello con cui il segretario del PD si è fatto i selfie alla Fruit Logistica di Berlino qualche giorno fa.

Ora, non sappiamo se il PD stia ancora inciuciando con Romagno e i colamussiani, sarebbe alquanto ributtevole per i tanti elettori di sinistra e centrosinistra orfani da tempo di riferimenti politici solidi, dignitosi e trasparenti qui a Rutigliano. Io, ovviamente, spero che il PD smentisca tutto quello che si sente e si dice sul suo conto in questo momento.

Certo, mi aspetto il solito segretario che farà il solito comunicato con cui mi chiederà di porgere al PD le solite scuse. Va bene, va benissimo, anzi, se questo servirà a fare chiarezza sulla presenza a Rutigliano di un centrosinistra vero, con un PD che avrà risistemato la sua bussola a sinistra dopo lo scivolone a “destra” di cinque anni fa e le tentazioni centriste-moderate che a Rutigliano portano all’abbraccio mortifero con i colamusso-romagnani.

E a proposito dell’area governativa, cioè di Direzione Italia, I Moderati, Impegno per Rutigliano e Arcobaleno. Quest’area non sta messa meglio delle altre, anzi. Ha perso gli Altieri e, con loro, una parte significativa di elettorato; ha perso Franco Delliturri, cosa ancora più tragica sul piano elettorale. In uno scenario politico che potrebbe vedere sul proscenio elettorale sei candidati sindaco (R5S, centrosinistra, Lega, Delliturri, Damato, Direzione Italia-Romagno), la cosa politicamente più intelligente che i fitto-colamusso-romagnani possono fare, per avere una chance di arrivare al ballottaggio, è quella di lavorare a una ricomposizione del centrodestra a Rutigliano.

Fitto sta con FdI alle europee, Direzione Italia sta con Lega, FI e FdI per le amministrative al comune di Bari e in Puglia per le regionali del 2020; si tratterebbe, quindi, di un riallineamento politico anche qui a Rutigliano. Ma questo scenario, per realizzarsi, avrebbe bisogno che il centrodestra a Rutigliano metta da parte la candidatura di Carmine Iaffaldano aprendo, così, lo spazio per quella ricomposizione. E’ difficile pensare che i colamussiani accettino di riallearsi con gli Altieri -e la Lega- senza poter dire la propria sul candidato sindaco. E, quandanche fosse possibile, Roberto Romagno e altre componenti dell’attuale maggioranza potrebbero ritenere indigesta una alleanza con la Lega. Il fronte governativo uscente, dunque, rischierebbe di spaccarsi ulteriormente.

Sembrerebbe che chi è -più di ogni altro- in un culo di bottiglia oggi a Rutigliano sia proprio la coalizione uscente, siano proprio i fitto-colamusso-romagnani, stretti fra la grande difficoltà di fare alleanze con la Lega e la difficoltà -o l’illusione- di imbarcarsi il PD come surrogato del MAR senza simboli di partito. A questa difficoltà si aggiunga lo “spettro” di prima che agita i sogni non solo di chi oggi esce dal governo, ma anche quelli di chi al governo non c’è mai stato e spera di andarci domani.

 

Commenti  

 
+13 # Cassandra 2019-02-12 09:40
Adesso che Nicastro lo ha spiegato con il disegno, volete continuare a parlare di illazioni, sospetti e pettegolezzi? Del resto anch'io nel precedente commento ve lo avevo spiegato, ma sono Cassandra non per niente.....Teta poi parla addirittura di "articolo commissionato" e di "livello che si è molto abbassato" e di "giornalista che non vede l'ora di scrivere lo scoop o di vendere spazi".....Ades so però nessuno di Voi che si scusa con Gianni Nicastro, che ha detto la verità ancora una volta e come sempre, andando controcorrente. ...e forse non si può nemmeno dire che abbia fatto lo scoop dato che gli addetti ai lavori sapevano già tutto.....
Poi mi meraviglio di Teta, e stavi la....allora non sei Tu?

E poi Pasquino, che da statua parlante della roma papalina si sta trasformando in pupazzo parlante...Rock feller mosso da Jose Luis Trifone.....
Ma soprattutto c'è l'assordante silenzio del PD!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+12 # Cambiare 2019-02-11 20:26
“ L’inqualificabi le fine che sta facendo il Palacultura, la fine, altrettanto inqualificabile , che ha fatto la gara d’appalto del palazzetto dello sport; l’intollerabile fallimento e degrado di un’altra opera pubblica sportiva mai entrata in funzione, l’impianto da tennis di via Favale. Il playground di P.zza Salvo D’Acquisto, fatto male, ristrutturato e mai più entrato in funzione. Per non parlare della piscina comunale, di come l’ha ereditata Romagno1 e di come l’ha lasciata deperire Romagno2. Sono già cinque opere pubbliche -delle quali una abortita sul nascere- che da sole squalificano chi ha governato negli ultimi vent’anni, ma anche chi, nello stesso arco temporale, non è stato capace di fare una opposizione della quale si abbia un ricordo. “
Potrebbe non fare piacere a qualcuno ed a molti ma queste amministrazioni che si sono succedute negli ultimi 20 anni hanno prodotto questo ed è sotto gli occhi di tutti !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+23 # Gianni Nicastro 2019-02-11 19:10
Sono qui a precisare solo una cosa perché vorrei evitare che si continui a far passare la mia analisi sul PD, certamente critica, come basata sul “mi pare” o sul “si dice”.
Io sono partito da un fatto preciso: l’incontro che c’è stato tra segretario del PD, un esponente di Italia in comune e il sindaco nel suo ufficio, non so precisamente se dieci giorni o un paio di settimane fa. Questa notizia io l’ho appresa direttamente dall’esponente di Italia in Comune presente a quell’incontro, non solo. Ho chiesto, diversi giorni dopo averla saputa, allo stesso sindaco se quella notizia fosse vera e il sindaco l'ha confermata. Io, nella critica al PD, sono partito da qui, cioè da un fatto verificato. Poi, ovviamente, il PD può incontrarsi con chi vuole per fare quello che meglio ritiene sul piano politico. Non è una tragedia, è tutto legittimo. Anche se ci può essere qualcuno, magari un incallito uomo di sinistra come me, che può non essere d’accordo perché ancora crede a una sinistra limpida, trasparente, capace di stare nel suo campo pur sapendo che è difficile perchè il vento soffia forte da un’altra parte, dalla parte sbagliata; un vento che gonfia pericolosamente le vele della destra più retriva oggi in Italia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+13 # Luther Blissett 2019-02-11 16:22
Scusate, ma pur ammettendo che questo articolo sia un endorsement più o meno esplicito e diretto ad un candidato alle prossime amministrative, può questo equivalere a "buttare al macero un lavoro molto bello di tanti anni"? Il fatto che un giornalista abbia un'opinione politica inficia in qualche modo il suo impegno civile o la veridicità delle sue tante inchieste o la sensatezza delle sue analisi? Vi invito, pacatamente, a mantenere un livello minimo di lucidità, a riflettere bene prima di scrivere, evitando di screditare in toto il lavoro di un giornalista, senza il quale oggi ignoreremmo tanti fatti e misfatti del nostro paese.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+12 # Hawkeye 2019-02-11 13:03
Vorrei ricordare a chi sostiene che in questo articolo vi siano solo fantasie che anche ai tempi dell'inciucio PD-NCD si accusava Rutiglianoonlin e di fare illazioni, ma poi (come al solito) si è verificato esattamente ciò che era stato pronosticato dal dirrettore. E' ormai prassi che fin quando si è daccordo con la linea editoriale va tutto bene, se invece un'analisi politica, quandanche lucida e ineccepibile, non sia in sintonia con l'opinione di qualcuno cominciano a fioccare le accuse di pareteggiamento e le illazioni sull'autonomia di pensiero della testata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-10 # Franco Larizza 2019-02-11 16:17
Rispondo (solo) a questo e non ad altri commenti, vista l'autorevole provenienza.
Non è in discussione l'autonomia di pensiero della testata ne intendo sindacarne gli orientamenti.
Come affezionato lettore vorrei solo preservarne il ruolo di "portale della città" (tutta!) e di autorevolezza di questo ruolo in un momento particolarmente delicato della vita democratica di Rutigliano.
Confermo ciò che penso, l'articolo è brutto (naturalmentent e, a mio parere), perchè lascia trasparire in maniera goffa la scelta di campo ormai avvenuta e perchè riduce la politica ad una serie di "pare", "si dice" tesi quasi a voler influenzare, più che informare.
Poi, la valanga di pollici rossi va anche bene, ma la bacchettata sulle mani al lettore che "osa" giudicare negativamente un articolo, fa un po' ridere!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+12 # Cassandra 2019-02-11 12:47
Caro Franco Larizza, rispetto il Tuo pensiero espresso con molta educazione. Però i chiarimenti dovrebbero venire dal PD, che nicchia e non dice effettivamente come intende muoversi. Personalmente non vedo tutte queste illazioni e simili, riporta quello che già sappiamo, ossia che ci sono Palmino e Pasquino Iaffaldano, Delliturri, ed infine i Romagno-Colamus si ed il PD. Dove vedete le illazioni? Del resto l'articolo, che tutti ritenete parziale solo perchè racconta la realtà, credo contenga un invito e forse anche una speranza...che il PD possa ritrovare la propria identità...io leggo solo voglia di dare dignità alla sinistra, da cui credo siamo tutti delusi. Poi Nicastro la sprona in questo modo, Tu preferisci essere più soft (anche il commento su Tarulli è indice che sei perlomeno amareggiato) però non ritengo che il lavoro di tanti anni sia buttato al macero, solo perchè si racconta la verità... sul PD locale. Mettere la testa sotto la sabbia aiuta?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-10 # Ezechiele2517 2019-02-11 10:28
Strano Gianni pensavo che dopo che non ti hanno fatto fare il candidato sindaco avresti attaccato i 5stelle, invece continui a sostenerli... Sono contento
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+9 # MARFORIO 2019-02-11 10:19
Dire che sono solo illazioni è non voler vedere quello che succede.....que llo che è successo 5 anni fa e quanta opposizione hanno fatto ultimamente...t ra l'altro Valenzano non vuole candidarsi perchè sa che si brucerebbe a questo giro....e sta cercando qualcuno che non si palesa. Il fatto che il PD, senza simbolo potesse convergere con l'amministrazio ne uscente è cosa nota, ma immaginavo fosse superata dal fatto che fosse ormai uscito con il proprio simbolo e le 3 liste di supporto. Quello che non mi spiego, e che chiedo al Direttore Nicastro, è se è ancora possibile, ora che in realtà è uscito con altre 3 liste e con il simbolo PD, che possa confluire con l'attuale amministrazione . Le 3 liste vengono bruciate o vanno tutte con Romagno?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-10 # Veito 2019-02-11 17:57
Il PD sarà presente a questa tornata elettorale, insieme alle 3 liste della coalizione!
Tutto il testo sono illazioni e ricostruzioni fantasiose per i quali Nicastro meriterebbe un premio a 5 stelle.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-11 # Mah 2019-02-11 10:05
Si parla di inciuci altrui e si vuol nel contempo far velatamente passare una lista come il nuovo, una lista attorno alla quale girano nomi che “vantano” candidature in forza italia, alleanza nazionale, verdi e altri, un minestrone insomma, però si vedono e si sottolineano “inciuci altrui”
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-12 # Franco Larizza 2019-02-11 09:54
Ho già avito modo di criticare un commento che ho ritenuto ingeneroso nei confronti di Gianni Nicastro qualche giorno fa e per questo mi sento in dovere di fare un commento diametralmente opposto, pensando realmente quello che sto per dire.
Ho trovato l'articolo particolarmente brutto e non in linea con l'equilibrio in altre occasioni mostrato da questa testata. Un articolo pieno di illazioni, sospetti, pettegolezzi.
Il modo in cui si stanno orientando alcune forze politiche non è affatto chiaro e l'articolo non da alcun contributo al chiarimento, mostra solo la netta scelta di campo ormai fatta da Rutiglianooline che costringerà molti di noi ad informarsi altrimenti, per questa tornata elettorale.
Peccato, Gianni, un lavoro molto bello di tanti anni che sta per essere buttato al macero!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+7 # Mister X 2019-02-11 09:42
Tutto quanto descritto mette in evidenza una amara realtà: tutto si fa tranne che proporsi e proporre idee e programmi credibili per il futuro della nostra cittadina. Ben venga dunque Beppe Palmino e la sua lista non fosse altro per far tornare limpide le acque paludose e torbide della politica locale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Genny 2019-02-12 14:47
Citazione Mister X:
Tutto quanto descritto mette in evidenza una amara realtà: tutto si fa tranne che proporsi e proporre idee e programmi credibili per il futuro della nostra cittadina. Ben venga dunque Beppe Palmino e la sua lista non fosse altro per far tornare limpide le acque paludose e torbide della politica locale.

Ma chi l ha mai visto a Rutigliano questo tizio? Non lo conosce nessuno!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-3 # cittadino 2019-02-11 13:30
bellissima barzelletta, nemmeno Totò avrebbe potuto fare meglio. Mi dica Palmino chi? l'EX...., l'EX... l'EX.... non lo conosco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-10 # PASQUINO 2019-02-11 09:39
Credo che sia arrivato il momento di cambiare
e Rutigliano5stel leonline chiamare.
Se avessi voluto leggere gli elogi del mondo grilliano
avrei letto travaglio e il fatto quotidiano.
Mi sembra le partite della iuve vedere
dove l'arbitro non fa altro che compiacere
l'arbitro di specie è il direttore
che sembra flirtare con i 5s con amore.
Ogni intervento ormai finalizzato
a far intravedere il mondo incantato
dei paladini della giustizia pentastellati
senza dire che in altri partiti sono nati.
evidenziando che tutto il resto è marciume
come ormai per i 5s è costume.
Dovrebbe essere un organo di informazione
e non di un solo partito sublimazione.
Quindi mio caro direttore
le chiedo tanto un piccolo favore
per i lettori che non votano 5s abbia rispetto
ed esponga i fatti senza esaltare un solo gruppetto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+9 # xPasquino 2019-02-11 16:50
Pasquino.....la conosciamo bene, il suo commento non fa testo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-4 # Fantasma Formaggino 2019-02-11 08:29
Forse è il fantasma formaggino. Lo stesso che con il Candidato sindaco e alcuni attivisti incontra vecchi politici di destra e sinistra per appoggi nascosti (inciucio???).
Toglietevi il velo della legalità e mostratevi per quello che siete e siete stati.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+20 # Diciamola tutta 2019-02-11 08:17
Il caro giuseppe valenzano ha deciso l'andamento di questa campagna elettorale sta perdendo tempo per cercare la grande coalizione come le scorse elezioni (pur di vincere ).sono uscite quelle 4 liste così giusto per dire che noi ci siamo però senza dire il candidato che si sa però non si vuol dire il nome!
Caro giuseppe invece di stare a parlare per convincere qualcuno dovevi andare per la tua strada già 6 mesi fa ora ti stai bruciando senza che il tuo nome appare!
Due piedi in una scarpa non entrano !
candidato sindaco (amico di tutti,faccia pulita)e cariera politica con il PD
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-2 # Cittadino z 2019-02-11 06:56
Instillare deliberatamente dubbi ed insinuare complotti è la peggiore azione politica che si possa fare, anche peggiore della palese faziosità della scrittura.
Siamo nati nello stesso paese, abbiamo frequentato le stesse scuole e molti cittadini sono legati da affetti e parentele come il ogni piccolo centro. Non accetto che un "giornalista" possa insinuare accordi fare scoop basandosi su una foto o per aver visto delle persone in un bar scambiarsi due chiacchiere.
L'ODIO E I COMPLOTTISTI STANNO GIÀ DISTRUGGENDO L'ITALIA, NOI DOBBIAMO AMARE RUTIGLIANO E TUTTI I RUTIGLIANESI
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+15 # Bellissim 2019-02-11 07:55
Ha detto solo la verità
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-8 # Teta 2019-02-11 08:08
Da quando le ipotesi e le illazioni sono verità? Sono solo visioni, allucinazioni, sogni di in giornalista che non vede l'ora di scrivere lo scoop o di vendere spazi.
Direttore, mi dispiace ma questa volta...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-7 # Teta 2019-02-11 07:21
Condivido pienamente.
Il livello si è abbassato di molto. Probabile sia stato commissionato l'articolo per ottenere proprio le divisioni tra le persone.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-8 # Riordinare 2019-02-11 04:12
Nell'analisi fatta manca un personaggio politico storico di rutigliano. Nicola Giampaolo che farà? Chi appoggerà? Farà una sia lista?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-7 # Peter Pan 2019-02-10 22:47
La solita solfa! immedesimarsi elettore rutiglianese mi fa rabbrividire. Altro che spettro, le prospettive sono molto preoccupanti... i due candidati spuntati in giro per il paese come funghi, cercano di accattivarsi consensi qua e là; Damato sindaco a honoris causa e l'inciucio Romagno-Valenza no! Non ci facciamo mancare nulla.. buone amministrative!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+18 # Mamma dello spettro 2019-02-10 21:37
Deve scusare quel maleducato di mio figlio... sa bene come finiranno le prossime elezioni e non riesce ad accettare la realtà.

Mi scuso per lui se l’ha offesa ma tranquillo, quando stasera tornerà il padre, gliene darà di santa ragione e niente paghetta per le prossime settimane!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+15 # V.F. 2019-02-10 21:13
Analisi completa e unica, descrive benissimo lo scenario attuale, ci auguriamo il meglio per il nostro paese e certamente punteremo sulla novità, come fatto fino ad ora ad altre votazioni, dopo vent’anni è anche giusto cambiare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Spettro 2019-02-10 21:11
Caro direttore l'unico vero spettro che si aggira a Rutigliano è la sua fantasiosa e pur simpatica ricostruzione della situazione politica attuale, con un imbarazzante tentativo di elevare i suoi amici 5S a paladini della giustizia e legalità e affossando tutte peraltro eventuali fantasiose coalizioninda lei descritte.
Ha però dimenticato di dire che gli attuali componenti del M5S di Rutigliano compreso il loro candidato sindaco , sono i cosiddetti scarti di liste civiche o partiti partecipanti alle elezioni degli ultimi 20 anni, che lei non ritiene florido per Rutigliano...
Quindi comunque vadano le cose alle prox elezioni non ci ritroveremo nessuna vera novità ma solo minestre riscaldate o condite da finti nuovi ingredienti...
Forza Rutigliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna