Dom24062018

Last update02:51:02 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  
banner madel nuovo  fal banner 456x52  
Back Sei qui: Home Notizie Politica Piscina, l’amministrazione verifica la possibilità di rimetterla in funzione

Piscina, l’amministrazione verifica la possibilità di rimetterla in funzione

Condividi

piscina-comunale


“E’ intento dell'Amministrazione rimettere in funzione l'impianto natatorio di Via Adelfia ormai in disuso da qualche anno”, è quanto si legge in una determina dell’ufficio manutenzione del comune. Quindi, “al fine di valutare le condizioni del predetto impianto -si legge ancora- è necessario eseguire dei test di verifica impiantistici ed idraulici”, per questo è stata interpellata la ditta Acqua Expert di Arturo La Torre (Monopoli), specializzata nel settore. A un costo di 4270 euro eseguirà una serie di verifiche:  la “tenuta idraulica della vasca con riempimento della stessa tramite adduzione di acqua”,  dell’impianto di circolazione, dei filtri a sabbia e dei sistemi di dosaggio dei prodotti chimici.piscina-riapertura

Ricordiamo che la piscina è chiusa da giugno 2012, circa tre anni dopo l’insediamento della Romagno1. La ditta che l’aveva gestita per cinque anni rinunciò per le esorbitanti spese di gestione dell’impianto e della struttura. Da allora l’amministrazione comunale ha lasciato irresponsabilmente deperire, vandalizzare e depredare quel bene pubblico per due anni abbandonato a se stesso, scoperto da ogni controllo e vigilanza a causa di una convenzione scaduta con il consorzio di vigilanza e rinnovata dopo un paio d’anni, cioè dopo la distruzione dei quadri elettrici e i furti di rame da parte di ignoti.

A un anno dalla fine naturale dell’amministrazione Romagno2 il comune si ricorda della piscina. Certo, meglio tardi che mai, ma su quell’opera pubblica, la più grande opera pubblica costruita a Rutigliano negli ultimi trent’anni, il ritardo è davvero troppo. E’ vero, ci vorrebbero elezioni amministrative ogni anno.


Riproponiamo qui sotto il videoreportage sul furto di rame alla piscina
e sulle sue incredibili condizioni di abbandono, reportage pubblicato su Rutiglianoonline il 27 giugno 2015.



La storia della piscina in pochi link
Le inchieste 2007 - 2009 II parte - 2009 III parte
LA PISCINA COMUNALE E’ ANCORA CHIUSA, MA QUALCOSA SI MUOVE
FLIPPER NUOTO LASCIA, PISCINA CHIUSA DAL 30 GIUGNO
SULLA PISCINA PARLA L’ASSESSORE ALLO SPORT GIANVITO DEFILIPPIS

Piscina ancora aperta, mancano le confezioni di parquet
Piscina, il comune affida il servizio di vigilanza

 

Commenti  

 
+2 # millepiedi 2018-06-02 18:43
questa amministrazione appena insediata doveva subito correre ai ripari sapendo che lasciare un bene comune con tutti gli arredi e servizi in mezzo a un deserto dove nessuno era in grado di vigilare e senza telecamere sicuramente si sarebbe arrivati a questo punto ,quindi ora che il danno e' fatto e non e' piu' riparabile in quanto ci vorrebbero soldi a palate x farla diventare efficente,seppe llissero tutto e pensassero a come investire i nostri soldi in maniera utile!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # il giusto 2018-06-02 13:25
una cattedrale nel deserto costruire la piscina in quel posto li
fuori mano e' stato uno scempio con tutti i suoli in paese piu' sicuri e piu' controllabili.. .....ora l'abbattimento e' la cosa migliore in quanto ripararla da come sta combinata e' impossibile ci vorrebbero altri soldi pubblici, se un impianto di quella fattura si trovava al nord o al centro era un fiore all'occhiello,q uella struttura e' la vergona di chi amministra!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # Pecora senza Pastore 2018-06-02 13:01
Non sono in grado di aprire un neonato palacultura figuriamoci riesumare un cadavere di piscina.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # pegaso 2018-06-02 12:22
Bisogna dare atto all'amministraz ione Romagno 1 e 2 che è stata molto attenta e premurosa ad innaugurare (tagliare nastri) delle opere pubbliche realizzate per poi subito dopo abbandonarle allo scempio ed al degrado totale . Non curante che dette opere sono proprietà della cittadinanza tutta, realizzate anche con contributo di tutti noi. Dobbiamo avere tutti noi più rispetto della cosa pubblica (nostra) e non solo fare reclami pubblicitari elettorali.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Canio 2018-06-02 03:04
Ma non è stata trasferita al palacultura?... ..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Nickola64 2018-06-08 11:23
Citazione Canio:
Ma non è stata trasferita al palacultura?.....


Anche io sapevo così……..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # epoidicono 2018-06-01 22:52
Dopo sei anni che l'hanno abbandonata ! Sono veramente bravi !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # cittadibo indignato 2018-06-01 18:32
e noi paghiamo....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna