Lun05122022

Last update03:59:21 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

   

 

Back Sei qui: Home Notizie Inchieste RIFIUTI, SOLDI DALLA REGIONE PER TRASFORMARE LA TASSA IN TARIFFA

RIFIUTI, SOLDI DALLA REGIONE PER TRASFORMARE LA TASSA IN TARIFFA

Condividi


di Gianni Nicastro


L’ecotassa, un balzello regionale che ha lo scopo di disincentivare il ricorso alla discarica nella gestione dei rifiuti. I comuni la pagano a seconda delle percentuali di raccolta differenziata (RD), più alta è meno ecotassa si paga a tonnellata di rifiuto conferito in discarica. Il comune di Rutigliano attualmente paga 7,5 €/t di ecotassa, dal prossimo anno ne pagherà, grazie ai grandi risultati raggiunti con la differenziata porta a porta, poco più di due euro. Ma in Puglia ci sono comuni -la maggior parte- che attualmente pagano 15 €/t e che da gennaio prossimo arriveranno a pagare oltre 25 €/t di ecotassa perché la loro RD è sotto il 20 % (molto spesso la percentuale è a una cifra). Il dato medio regionale, gennaio-novembre 2012, di RD si attesta al 18 % (il comune di Rutigliano è all'80%).

I soldi dell’ecotassa la regione, in qualche modo, li restituisce ai comuni sottoforma di incentivi alla RD e alla bonifica del territorio dai rifiuti abbandonati. E’ del 22 ottobre scorso, infatti, un bando con cui la giunta regionale elargisce -fino a un massimo di 50.000 euro- fondi ai comuni per una serie di attività che vanno dal “risanamento delle aree pubbliche attraverso operazioni di rimozione dei rifiuti”, in modo particolare pericolosi e speciali come l’amianto, all’introduzione -per i comuni che hanno alte percentuali di RD- di “sistemi di imposizione fiscale che tengano conto del comportamento virtuoso di ciascuna utenza”.

Si tratta della sostituzione della Tarsu, basata sui metri quadri delle abitazioni, con la Tariffa puntuale, che significa che ogni utenza paga sulla base di quello che smaltisce, quindi, più raccolta differenziata fa, meno rifiuti smaltisce, meno tariffa paga. Con un sistema del genere i cittadini non pagano tutti alla stessa maniera, ci saranno quelli che pagheranno meno degli altri perché saranno più bravi a fare la raccolta differenziata. La tariffa puntuale crea, dunque, un sistema premiale di tariffazione che incentiva i comportamenti virtuosi nella RD.

Per accedere a quei finanziamenti i comuni presentano dei progetti, Rutigliano il suo lo ha presentato alla regione la settimana scorsa ed è riferito proprio all’introduzione della tariffa puntuale.  Un progetto presentato dal comune ma tecnicamente elaborato dalla ESPER (Ente di Studio per la Pianificazione Ecosostenibile dei Rifiuti) di Torino diretta dal dott. Attilio Tornavacca. “L’introduzione della tariffazione puntuale consentirà di ottenere un’ulteriore responsabilizzazione delle utenze rispetto alla produzione dei propri residui e favorire un migliore controllo sui flussi intercettati (evitando così il conferimento improprio di rifiuti speciali non assimilati) ed il conferimento di materiali recuperabili di migliore qualità”, così il progetto descrive le finalità dell’iniziativa. 

Con quale sistema, nella pratica, sarà possibile applicare la tariffa puntuale lo spiega questo passaggio della relazione tecnica allegata al progetto: “l’implementazione della tariffazione puntuale a Rutigliano” avverrà “mediante il conferimento in contenitori rigidi e sacchi semitrasparenti colorati non contraffabili (con il logo del Comune) dotati di transponder e QR sia per le frazioni riciclabili (con meccanismi tariffari incentivanti) che per il rifiuto residuo (con meccanismi disincentivanti basati anche sull’incrocio dei dati di conferimento dei rifiuti riciclabili)”. Il transponder è applicato ai contenitori ed è un piccolo circuito intergrato (chip) a radiofrequenza dotato di memoria e connesso ad una antenna, questo congegno consente la trasmissione dei dati a corto raggio senza contatto fisico. Il QR Code (Quick Reponse Code) è un semplice codice binario che può memorizzare fino a 4.296 caratteri di testo.

Questo sistema permetterà non solo l’istituzione della tariffa puntuale, ma anche un maggior controllo degli svuotamenti dei rifiuti differenziati e, quindi, sull’intero sistema di gestione dei rifiuti a Rutigliano. Il costo totale del progetto è di 50.000 euro, 30.000 li metterà la regione nel caso lo stesso progetto venga approvato- 20.000 euro li metterà il comune come compartecipazione al finanziamento espressamente richiesta nel bando.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna