Dom19012020

Last update04:59:31 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel nuovo

   banner odusia libreria  

 

 

 

 
banner cas dalba
    banner bella e naturale  
  banner-verna modif

 banner gio collection
    banner pagliarulo
   banner valentina boutique-corretto

 banner mediaphone

   banner overkids RUTIGLIANO
 
  banner tesori del forno

 banner fratelli settanni
 
  banner bistrot 06

   banner hakuna matata

banner-punto-luce2

   banner la coccinella
 
  banner la casa di carta cartolibr

banner madre-terra-nuovo

  corso-banner-fantasia 

  banner pronto ufficio
banner perniola 400px    banner-castiglione  
 banner dioguardi fotografia
 
banner la cicogna

   
Back Sei qui: Home Notizie Incheste La sentenza, il “mostro” senza coperchio, il percolato sotto terra... Parla Domenico Lestingi

La sentenza, il “mostro” senza coperchio, il percolato sotto terra... Parla Domenico Lestingi

Condividi

 

intervista-a-domenico-lestingi

E’ un fiume in piena, racconta fatti, situazioni che lui ha vissuto perché presso le discariche di contrada Martucci a Conversano lui, Domenico Lestingi, ha lavorato per anni al servizio della Lombardi Ecologia. «Tutto questo percolato veniva pompato in un pozzo a dispersione profondo cinquanta metri», racconta Lestingi nell’intervista qui sotto pubblicata.

«Il primo lotto l’avevano scoperchiato, avevano rimesso in vita il mostro», è il racconto dell’ex dipendente della Lombardi Ecologia. Il problema dei problemi in contrada Martucci, dunque, è il primo lotto, perché non solo non è impermeabilizzato, sia al fondo che alla pareti, nel 2006 la Lombardi Ecologia lo ha anche fatto scoperchiare dallo strato di argilla che fungeva da tappo e che Lestingi stesso aveva sistemato su quella discarica. Nel servizio Lestingi spiega il perché, a un certo punto, il 1° lotto è stato scoperchiato. «Questa è stata la mia vera protesta, ma mi dissero “fatti i cazzi tuoi”», «Il primo lotto è una bomba innescata».

Lestingi racconta queste ed altre cose con una linearità e una cognizione di causa impressionanti, un racconto che ha già fatto a chi di dovere, ma non al magistrato; non è mai stato ascoltato né dal PM, né dal giudice che ha condotto il processo per disastro ambientale contro la Lombardi Ecologia e altri. Processo che si è concluso con l’assoluzione di tutti gli imputati e con una sentenza le cui motivazioni sono state pubblicate poco più di un mese fa.

Parte delle cose che Lestingi dice nel servizio si conoscono già, sono state oggetto di diverse denunce anche giornalistiche. Qui il testimone principale, oculare, delle attività svolte nelle discariche di contrada Martucci, approfondisce dettagli e aggiunge qualcosa di nuovo, di inedito: il sopraluogo che lui ha fatto, insieme al CTU e ai periti, a luglio del 2015 -nell’ambito del secondo incidente probatorio- e le incongruenze fra quello che lui indicava e quello che si è fatto, quello che si è scritto nella relazione peritale circa la copertura del primo lotto. Non aggiungiamo altro, è tutto nel servizio qui sotto pubblicato

La videointervista è stata fatta il 4 dicembre scorso, il reportage alle discariche è del 9 dicembre successivo.

Buona visione

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna