Ven30092022

Last update06:15:15 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

   

 

Back Sei qui: Home Notizie Eventi Teatro Pubblico Pugliese, stagione estiva 2022 a Rutigliano

Teatro Pubblico Pugliese, stagione estiva 2022 a Rutigliano

Condividi

teatro-pubb pugliesa-2022

 

COMUNE DI RUTIGLIANO
TEATRO PUBBLICO PUGLIESE

STAGIONE ESTIVA 2022
Atrio Istituto Comprensivo "Settanni-Manzoni" (Pineta comunale)

Dal 19 agosto al 18 settembre, nell'Atrio dell’Istituto Comprensivo "Settanni-Manzoni" (Pineta comunale), andranno in scena le quattro date della Stagione estiva 2022 del Comune di Rutigliano in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.

“Anche quest’anno non poteva mancare nel nostro palinsesto di eventi estivi la collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese. - Spiega l’assessore alla Cultura del Comune di Rutigliano - Un’edizione che continua a mettere Rutigliano al centro del movimento culturale del nostro territorio, un’edizione post pandemia che riabbraccia il pubblico in presenza con la capienza del 100%. Abbiamo ideato una rassegna di quattro appuntamenti che si rivolgono al vasto pubblico, appuntamenti per tutti e alla portata di tutti. Ospitare a Rutigliano una kermesse di nomi di spicco è un onore per noi e soprattutto rende viva la cultura teatrale e di spettacolo nel nostro paese!”.

Si inizia venerdì 19 agosto con Sara Bevilacqua in “Stoc ddo' – Io Sto Qua” per la drammaturgia di Osvaldo Capraro e la regia della stessa Bevilacqua, opera ispirata alla storia di Michele Fazio il sedicenne ucciso per errore durante un regolamento di conti tra clan rivali a Bari nel 2001. L’evento è in collaborazione con il presidio di Libera Contro le Mafie di Rutigliano.

Il 24 agosto sarà la volta di Emanuela Aureli con la stand up comedy “Ce la farò anche stravolta”. La nota imitatrice, personaggio molto amato dal pubblico, si esibirà in un monologo comico accompagnata solamente da un chitarrista, il bravissimo Giandomenico Anellino.

Per il terzo appuntamento, sabato 27 agosto, Fabio Troiano porterà in scena “Il Dio bambino - Reading” per la regia di Giorgio Gallione. Scritto nel 1993 da Giorgio Gaber e Sandro Luporini, Il dio bambino è un monologo che prosegue e approfondisce il particolarissimo percorso teatrale del Gaber di quegli anni.

Chiuderà la rassegna, domenica 18 settembre, quello che i più eminenti critici hanno definito “il più grande poeta del ‘900”, Mogol con il suo “Mogol racconta Mogol”. Un viaggio musicale, tra aneddoti e retroscena emozionanti, che ripercorre la storica collaborazione con Lucio Battisti insieme ad altri grandi successi scritti per tanti artisti che hanno segnato le pagine più importanti della musica leggera italiana.


Info e Biglietti
I  biglietti saranno disponibili da lunedì 1° agosto all’Info Point del Museo Archeologico P.zza XX settembre – Rutigliano con i seguenti orari: dal lunedì al sabato dalle ore 18.00 alle 20.30. La sera di spettacolo i biglietti saranno in vendita al botteghino all’Istituto Settanni dalle ore 19.30.

Posto unico senza assegnazione.
Info e prenotazioni 320/9041603

Costo dei biglietti
●    Stoc ddo' – io sto qua:  € 5,00
●    Ce la farò anche stravolta: €10,00
●    Il Dio Bambino - Reading: €10,00
●    Mogol racconta Mogol: €15,00
 
Info: www.teatropubblicopugliese.it

SCHEDE SPETTACOLI
19 agosto 2022
Meridiani Perduti
Sara Bevilacqua    
STOC DDO' – IO STO QUA
drammaturgia Osvaldo Capraro
disegno Luci Paolo Mongelli
organizzazione Daniele Guarini
regia SARA BEVILACQUA    

Michele Fazio non ha ancora compiuto sedici anni quando viene colpito per errore durante un regolamento di conti tra clan rivali. La vita di Lella, da quella sera, muta radicalmente direzione. Giorno dopo giorno, con la sola presenza di madre ferita, impone le esigenze della giustizia ai clan, denunciando, testimoniando, puntando gli occhi negli occhi di chi vuole imporle il silenzio: io non fuggo, e nemmeno chiudo la porta di casa: “Stocddò”. Da dove, Lella, ha tratto la forza per combattere una guerra che non l’ha mai vista abbassare lo sguardo? Dall’esempio di sua mamma, cumma’ Nenette, donna determinata nell’educare i figli alla sostanza delle cose. Dal sostegno del marito Pinuccio, della famiglia e della gente del quartiere. Ma, soprattutto, dal dialogo mai interrotto con Michele, il garzone allegro, l’angelo di Bari Vecchia. Un dialogo, quello con suo figlio, che nessun ostacolo riuscirà mai a impedire, nemmeno la morte.

24 agosto 2022
The Boss srl
Emanuela Aureli
CE LA FARÒ ANCHE STRAVOLTA
con Emanuela Aureli con Giandomenico Anellino
Autori Francesca Nunzi, Emanuela Aureli
Regia EMANUELA AURELI

Lo spettacolo fa parte degli Stand Up Comedy. Emanuela Aureli, nota imitatrice e personaggio molto amato dal pubblico, si esibirà in un monologo comico accompagnata solamente da un chitarrista, il bravissimo Giandomenico Anellino. La nostra protagonista avrà modo, durante il suo One Woman Show, di esprimersi in tutta la sua bravura e la sua simpaticissima ironia, raccontandoci la storia della sua carriera, sin dagli inizi, con una serie di aneddoti buffi spesso legati alla sua fisicità. Emanuela si diverte e ci diverte, con molta autoironia, a prendersi in giro intrecciando la sua vita privata, a partire dalla nascita, a quella del lavoro. Una ragazza piena di complessi, anche se si esibisce con un pianista solo, che trasforma le sue goffaggini in un punto di forza tanto da conquistare il grande pubblico e gli addetti ai lavori, cosa notoriamente molto rara! Ne scaturiscono esilaranti battute, gag, imitazioni, storielle paradossali, talvolta appoggiate anche dall’eclettico Anellino pronto a far da spalla alla nostra protagonista. Non ultime le doti vocali di Emanuela che potremo apprezzare ascoltando celebri canzoni che ci canterà approfittando delle sue deliziose imitazioni! Insomma se volete sapere perché Emanuela ha sviluppato il suo grande orecchio, che è il motivo principale della sua carriera, non vi resta che venire a teatro, anzi in tutti i teatri d’Italia dove potrete ammirare dal vivo in un colpo solo la nostra fantastica Emanuela Aureli e tutti i suoi personaggi che sono tantissimi, un vero e proprio condominio di gente affollata in una persona sola… e gestire un condominio non è semplice, tra riunioni, lamentele e dissapori talvolta i condomini ti stravolgono le giornate, ma vedrete… Emanuela ce la farà anche stRavolta!

27 agosto 2022
Nidodiragno/CMC
Fabio Troiano
IL DIO BAMBINO - READING
testo e musiche di Giorgio Gaber e Sandro Luporini
scene e costumi Lorenza Gioberti
disegno luci Aldo Mantovani
foto e video Likeabee
regia GIORGIO GALLIONE

produzione Nidodiragno/CMC
con il contributo di Comune di Barletta/Teatro Curci
in collaborazione con Fondazione Giorgio Gaber e Teatro Pubblico Pugliese

Scritto nel 1993 da Giorgio Gaber e Sandro Luporini, il monologo Il dio bambino prosegue e approfondisce, dopo Parlami d’amore Mariù e Il Grigio, il particolarissimo percorso teatrale del Gaber di quegli anni. Esempio emblematico del suo “teatro di evocazione”, Il dio bambino racconta una normale storia d’amore che si sviluppa nell’arco di alcuni anni e dà agli autori l’occasione di indagare su l’Uomo, per cercare di capire se ce l’ha fatta a diventare adulto o è rimasto irrimediabilmente bambino, un bambino che si vanta della sua affascinante spontaneità invece di vergognarsi di un’eterna fanciullezza.

Il reading Il dio bambino è contrappuntato da frammenti di canzoni di Giorgio Gaber, che guidano lo spettatore nell’interpretazione di un racconto di tragicomica, potente contemporaneità. La regia di Giorgio Gallione, prezioso motore di una rinnovata vita scenica del teatro di Gaber (recente il suo applauditissimo Il Grigio con Elio), valorizza l’attualità e l’empatia di questo testo, trovando un perfetto connubio con l’interpretazione di Fabio Troiano, talentuoso e versatile attore di teatro, cinema e tv, abile nell’attraversare con analogo successo testi comici e intimisti, qui atteso a una funambolica prova d’attore.

18 settembre 2022
Luna di Miele Produzioni in collaborazione Terry Chegia
Mogol
MOGOL RACCONTA MOGOL
Voce Michele Cortese
Piano Daniele Vitali
Chitarra Davide Sergi

Mogol, il più grande poeta del Novecento come definito dai più eminenti critici, si racconta in uno spettacolo tra musica e parole accompagnato da un trio capitanato dal cantautore e interprete salentino Michele Cortese, vincitore nel 2008 della prima edizione di XFactor con Aram Quartet e duplice vincitore del Festival internazionale della canzone di Viña Del Mar in America Latina nel 2015. Un viaggio musicale, quello condotto da Mogol tra aneddoti e retroscena emozionanti, che ripercorre la storica collaborazione con Lucio Battisti insieme ad altri grandi successi scritti per tanti artisti che hanno segnato le pagine più importanti della musica leggera italiana.

Ufficio Stampa Teatro Pubblico Pugliese

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna