Lun20012020

Last update01:24:19 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel nuovo

   banner odusia libreria  

 

 

 

 
banner cas dalba
    banner bella e naturale  
  banner-verna modif

 banner gio collection
    banner pagliarulo
   banner valentina boutique-corretto

 banner mediaphone

   banner overkids RUTIGLIANO
 
  banner tesori del forno

 banner fratelli settanni
 
  banner bistrot 06

   banner hakuna matata

banner-punto-luce2

   banner la coccinella
 
  banner la casa di carta cartolibr

banner madre-terra-nuovo

  corso-banner-fantasia 

  banner pronto ufficio
banner perniola 400px    banner-castiglione  
 banner dioguardi fotografia
 
banner la cicogna

   
Back Sei qui: Home Notizie Cultura 6 gennaio 1907, quell’Epifania che cambiò la scuola italiana

6 gennaio 1907, quell’Epifania che cambiò la scuola italiana

Condividi

maria-montessori


di Teresa Gallone

Durante il periodo dell’Epifania cade per la scuola italiana un anniversario fondamentale: 113 anni fa, il 6 gennaio 1907 la pedagogista Maria Montessori apre a Roma la “Casa dei Bambini”, nel quartiere San Lorenzo. Vediamo di scoprire un po’ i particolari di questa storia, tanto importante nell’evoluzione della scuola italiana.

Di chi stiamo parlando?
Di una fra le prime donne italiane laureate in Medicina. Nata nel 1870 a Chiaravalle (AN), guidata nel suo percorso di formazione dallo zio Antonio Stoppani, abate e scienziato di rilievo, Maria Montessori riesce a laurearsi in Medicina e a specializzarsi in Neuropsichiatria infantile.
Avvicinandosi ai bambini e studiando l’ambiente di crescita degli strati più umili della popolazione, Maria Montessori sviluppò il metodo che definì “pedagogia scientifica”. Il primo luogo di applicazione di questo approccio rivoluzionario fu proprio la Casa dei Bambini, aperta nel 1907.

Di cosa stiamo parlando?
Si trattava di una struttura pensata per arginare e risolvere il problema della pessima educazione scolastica dei figli degli abitanti del quartiere. Per la prima volta vengono aperte le porte dell’istruzione ai figli della classe operaia e alle loro particolari esigenze. Il progetto di Maria Montessori andava oltre gli obiettivi prettamente accademici e puntava a un’educazione globale dei ragazzi del quartiere. Qualche mese dopo a Roma venne inaugurata una seconda sede e nel 1908 anche Milano ebbe la sua Casa dei Bambini.

La rivoluzione di Maria Montessori
La Casa dei Bambini venne proposta come “casa nella scuola”, ambiente in cui il bambino avrebbe potuto sviluppare in libertà e guidato da piccoli obiettivi di lavoro le sue facoltà.
Gli ambienti vennero pensati come ordinati dal punto di vista dello spazio e dei materiali a disposizione, tutto organizzato in modo direttamente proporzionale alla crescita dei piccoli alunni. I mobili, le aree specifiche e gli arredi esterni sono uguali in ogni Casa presente nel mondo.
Maria Montessori scelse come data di inaugurazione della sua prima Casa il giorno dell’Epifania. Non si trattò di una scelta casuale: il giorno dell’Epifania è il giorno della rivelazione di un messaggio rivoluzionario, quello di Gesù ai sapienti del mondo, destinato a cambiare il corso della storia.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna