Sab18012020

Last update09:04:59 AM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel nuovo

   banner odusia libreria  

 

 

 

 
banner cas dalba
    banner bella e naturale  
  banner-verna modif

 banner gio collection
    banner pagliarulo
   banner valentina boutique-corretto

 banner mediaphone

   banner overkids RUTIGLIANO
 
  banner tesori del forno

 banner fratelli settanni
 
  banner bistrot 06

   banner hakuna matata

banner-punto-luce2

   banner la coccinella
 
  banner la casa di carta cartolibr

banner madre-terra-nuovo

  corso-banner-fantasia 

  banner pronto ufficio
banner perniola 400px    banner-castiglione  
 banner dioguardi fotografia
 
banner la cicogna

   
Back Sei qui: Home Notizie Cultura Natale in giro per il mondo. Alla scoperta delle tradizioni natalizie più bizzarre

Natale in giro per il mondo. Alla scoperta delle tradizioni natalizie più bizzarre

Condividi

tradizioni-natalizie-tre art


di Teresa Gallone

Dicembre è il mese delle tradizioni per eccellenza, viste le festività che lo riempiono. Quasi tutto il pianeta stravolge la sua routine per dare spazio a riti di ogni tipo, laico e religioso, familiare o collettivo. Benché il Natale sia una festa ormai standardizzata nelle sue manifestazioni più note, ci sono tradizioni sparse per il mondo che ci potrebbero apparire decisamente sui generis. Scopriamole insieme.

La capra di Gävle, Svezia
Si tratta di una tradizione relativamente recente, nata nel 1966. Ogni anno da quasi cinquantaquattro anni, nella piazza principale di Gävle viene innalzata una capra di 13 metri. Questo animale infatti è presente nella tradizione simbolica svedese dell’Avvento. La tradizione vuole che siano gli avventori a cercare di darle fuoco, cosa che è avvenuta con successo solo 29 volte.

Il Krampus, Austria,
Veneto, Trentino e Friuli
tradizioni-natalizie-tre art -2
Un essere un po’ inquietante si aggira per le strade delle città austriache la notte di San Nicola: è il Krampus, il servitore del santo che porta i regali. Il demone, sconfitto da San Nicola, è costretto a servirlo punendo i bambini non meritevoli di doni. La notte del 6 dicembre loschi figuri mascherati da demone si aggirano mascherati in processione alla ricerca di bambini da spaventare e punire simbolicamente.

L’eliminazione delle scope, Norvegia
Il 24 dicembre non si trovano più scope nelle case norvegesi. Secondo la tradizione infatti andrebbero nascoste durante la Natività perché possibili obiettivi di furto da parte di esseri demoniaci. L’usanza si è mantenuta nel tempo per propiziare il tradizioni-natalizie-tre art -3nuovo anno. Le scope vengono nascoste alla vista dei commensali per garantire loro buona fortuna in tutto l’anno futuro.

A messa con i pattini, Venezuela
Non si conoscono le origini di questa bizzarra tradizione oltreoceano. Durante il periodo natalizio le strade di Caracas vengono chiuse al traffico per permettere ai fedeli di pattinare sino alle chiese e tornare in sicurezza per gustare il piatto tipico natalizio: i tamales, tortini di granoturco farciti di carne bollita.

L’avvento a lume di candela, Colombia
Dal giorno dell’Immacolata sino al Natale, in Colombia si decorano finestre e balconi con le velitas, candele poste in lanterne di carta colorata. La tradizione è talmente sentita e rispettata da riempire interi quartieri di elaborate installazioni di luci e colori.

Vigilia in punta di piedi, Repubblica Cecatradizioni-natalizie-tre art -1
Qui la tradizione impone un rito abbastanza bizzarro: durante la vigilia di Natale, celibi e nubili gettano una scarpa verso la porta, durante lo scambio dei doni. Se la scarpa atterra con la punta rivolta verso la porta, il possessore si sposerà entro l’anno in arrivo. In caso contrario la sfortuna potrebbe rovinare i piani per l’anno futuro al povero proprietario della scarpa.

No al rosso, sì al fritto! Giappone
Solo l’1% della popolazione giapponese festeggia il lato religioso del Natale. Il 25 dicembre è un giorno lavorativo come tutti gli altri, ma non si disdegna il lato laico e gastronomico della festa. I giapponesi amano le decorazioni natalizie ma preferiscono non usare il colore rosso, tonalità che secondo la tradizione è adatta a occasioni più serie (annunci di lutti o funerali). Dimenticate il tipico cenone casalingo in Giappone: le famiglie amano riunirsi nei fast food o consumare pollo fritto acquistato dalla catena KFC direttamente a casa.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna