Mer12122018

Last update02:01:53 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  
banner madel nuovo  banner grande frat sett  


banner my dill s
        banner fast2



banner babbo natale shoppine 2017

banner la coccinella  banner perniola alimenti  banner-madre terra corretto   
banner pagliarulo banner cas dalba  banner la cicogna  
 banner menelao  banner gio collection  banner bistrot 06  
 banner hakuna matata  verna banner  nuovo  banner fratelli settanni  
 banner l albero delle caramelle  banner fantasie del corso  banner-overkids-nuovo-  
banner mediaphone  banner-castiglione  banner valentina boutique-corretto  
Back Sei qui: Home Notizie Cultura Le domeniche rutiglianesi fra cultura ed enogastronomia locale

Le domeniche rutiglianesi fra cultura ed enogastronomia locale

Condividi

Happy-Museum-Palazzo-Settanni

Happy Museum a Palazzo Settanni.
Quando l’aperitivo diventa arte


di Teresa Gallone

Si trascorrono fra arte, cultura e buon cibo le domeniche a Palazzo Settanni. Il neonato progetto “Happy Museum, l’aperitivo al Museo” ha avuto riscontri di pubblico più che positivi. Si coniuga l’esplorazione dei tesori del territorio, ben guidata dagli esperti dello staff, alla degustazione di prodotti enogastronomici tipici sapientemente selezionati.

Sono gli argenti sacri del Regno di Napoli a fare da protagonisti nell’appuntamento di domenica 11 novembre scorso. A Giovanni Boraccesi il compito di condurre il pubblico alla conoscenza di un settore considerato collaterale negli studi di storia dell’arte, l’oreficeria.
Autore di “Rutigliano, cinque secoli di argenteria sacra” (Capone Editore), Boraccesi ha sottolineato l’importanza di questo settore all’interno dello studio della storia locale. Una conoscenza approfondita delle tecniche di realizzazione, dei marchi personali degli artigiani e della destinazione d’uso dei manufatti può ampliare il raggio di studi del periodo storico in questione, arrivando a svelare identità di committenti illustri e situazione politico economica del territorio in esame.

Si arriva a constatare la presenza pressoché costante dei manufatti in argento nelle chiese parrocchiali, nelle cattedrali e nelle cappelle private nel nostro territorio. Si tratta non solo di oggetti di uso nelle celebrazioni ma anche di candelieri, tabernacoli, altari e accessori per statue processionali.
Ognuno di questi manufatti contiene su di sé informazioni essenziali per ricostruirne la storia. Si  tratta dei punzoni, sigilli impressi dai mastri artigiani e recanti la sigla del luogo di realizzazione e l’anno. Il punzone di un oggetto di argento può essere vario a seconda del luogo di provenienza, almeno per quel che riguarda le produzioni precedenti il 1870, quando si decide di adottare un simbolo di punzonatura unico, l’Italia Turrita. Dal 2 maggio 1872 la lavorazione dell’argento viene liberalizzata e la punzonatura diventa facoltativa e atta alla verifica del valore del metallo.

Prima di godere dei prodotti tipici selezionati per la degustazione, il pubblico ha potuto toccare con mano un manufatto in argento, smontato e mostrato nelle sue componenti da Giovanni Boraccesi, un calice per la celebrazione eucaristica, pezzo della collezione esposta al Mudias di Palazzo Settanni.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna