Dom18112018

Last update04:47:00 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  
banner madel nuovo  banner grande frat sett  


banner babbo natale shoppine 2017

banner la coccinella  banner perniola alimenti  banner-madre terra corretto   
banner pagliarulo banner cas dalba  banner la cicogna  
 banner menelao  banner gio collection  banner bistrot 06  
 banner hakuna matata  verna banner  nuovo  banner fratelli settanni  
 banner l albero delle caramelle  banner fantasie del corso  banner-castiglione  


Messaggi promozionali, sezione in allestimento

Back Sei qui: Home Notizie Cultura "Rosso Melograno", un romanzo avvincente di Giulia Poli Disanto

"Rosso Melograno", un romanzo avvincente di Giulia Poli Disanto

Condividi

rosso-melograno


di Tino Sorino

Un romanzo avvincente, dallo stile puro e semplice che affronta un tema  di grande attualità. E’ la storia di un profugo curdo, il piccolo (bicuk) Serush, sopravvissuto alle bombe irakene che sogna uno Stato libero e senza disuguaglianze sociali: il Kurdistan. Un paese di appartenenza irakena, turca, siriana, iraniana, ricco di petrolio e di grandi risorse idriche che, unito politicamente, potrebbe concorrere con le nazioni mediorientali più ricche. Rimasto solo, senza la sua famiglia e senza la sua sorellastra di cui un giorno si perdono le tracce, il ragazzo a soli dieci anni, è costretto ad intraprendere, prima, la via della lotta armata e, successivamente, ad emigrare in Siria, spinto da una forte voglia di libertà.

Qui, il 15 marzo 2011 scoppia la guerra civile e l’intraprendente e tenace Serush ancora una volta sceglie la via dell’esilio, affrontando, come clandestino, il lungo cammino verso l’Italia. Si stabilisce a Bari, dove incontra l’amore della sua vita, una giovane donna che lo accompagna nella sua amata Iraq, in un viaggio indietro nel tempo, riaprendo, però, una ferita mai rimarginata, a cui il giovane curdo saprà reagire con forza e determinazione. Autrice del libro “Rosso Melograno” (Il Grillo editore, 2018), opera di fantasia (pur ben inserita nel contesto storico), dedicato a tutti i Serush che sono alla ricerca di una Patria e che decidono di crosso-melograno-2ambiare la propria vita, Giulia Poli Disanto, poetessa e scrittrice, con all’attivo numerosi lavori letterari come “La pelle del lupo” , “E nei tarocchi”, "l’Isola delle lacrime”, "Ciliegie a mezzanotte”, "Nei giardini di Tagore” e nel 2005 “Cara madre ti faccio sapere…”, una raccolta di documenti sui santermani nelle guerre del Novecento.

Un romanzo nel cui titolo “Rosso Melograno” è insita la sua passione per i fiori, come, ad esempio, in un suo precedente libro “Tagore”, dove si fondono erbe, piante e profumi campestri. Alla domanda “quali sono le emozioni che provi quando scrivi?”, la scrittrice si è così espressa “quando scrivo un libro, che sia poesia, racconto o romanzo, non c’è una risposta precisa alla domanda. Quasi sempre le emozioni cambiano, sono diverse secondo l’approccio che si ha con l’argomento. Unico, invece, rimane il malessere che si avverte quando sta per nascere qualcosa. Di solito, se è poesia, i versi affiorano nella mia mente, quindi urge il bisogno di fermarli sulla carta, per poi lavorarli ed ottenere una poesia più vicina allo stato d’animo, o alle sensazioni, che si provano al momento.

Quando si tratta di un romanzo o di un racconto, questo si delinea nella mia mente all’improvviso, magari stimolato da una fatto vero o verosimile. La trama nasce da subito, quasi sempre nella sua complessità e so già come strutturarla. Sono sicura di scrivere quando non riesco più a controllare le mie ansie e le mie emozioni perché la storia con tutti i suoi personaggi mi si affollano nella mente, quindi sento il bisogno di liberarmene, dando vita al libro che è in me.

Durante la stesura è un continuo affanno, per non perdere il filo della storia, tanto che le giornate le trascorro pensando come strutturare un capitolo e allora mi calmo quando il lavoro è terminato. Insomma, di solito scrivo un romanzo prima con il cuore  e poi con la testa, nel senso che  scrivo e riscrivo la storia fino a quando elimino tutte quelle che, secondo me, sono le imperfezioni”.  Di tutto questo si parlerà in un incontro (ad ingresso libero) con il patrocinio del Comune che si terrà giovedì 25 ottobre 2018, alle ore 19.00, presso la Biblioteca comunale (sala delle conferenze) di Palazzo San Domenico a Rutigliano. Relatore: il preside Nicola Valenzano. Converserà con l’autrice, l’assessore alla Cultura e Turismo avv. Giuseppe Rocco Poli. Ad allietare la serata, i due giovani fratelli musicisti Ippolito che eseguiranno con la fisarmonica e il violino brani strumentali di Morricone, Piazzolla e Lennon.  
 

rosso-melograno-1 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna