Gio20062019

Last update07:23:27 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  
banner madel nuovo                  banner fast2  
Back Sei qui: Home Notizie Cronaca Arrestati tutti gli albanesi coinvolti nei fatti di ieri su via Mola e via Leopardi

Arrestati tutti gli albanesi coinvolti nei fatti di ieri su via Mola e via Leopardi

Condividi

rissa-arresto-albanesi


I carabinieri di Rutigliano e di Triggiano, coadiuvati dalla Polizia Locale, hanno lavorato fino a ieri notte per assicurare alle patrie galere gli autori dei raccapriccianti fatti accaduti su via Mola nel pomeriggio. Si tratta di sei persone di nazionalità albanese, alcuni in Italia con permesso turistico, divisi in due fazioni: quattro nella BMW e due nella Peugeot grigia violentemente urtata dall’altra auto. Ieri sera, tra le 20:00 e le 21:00, erano già tutti in caserma qui a Rutigliano, messi agli arresti e, più tardi, portati nel carcere di Bari.

Oggi si fa più chiara la vicenda delle auto coinvolte nella rissa, che si è rivelata essersi sviluppata tra i quattro della BMW e i due della Peugeot grigia; auto, quest’ultima, proprietaria di uno dei due albanesi, residente a Noicattaro. I quattro fermati ieri su via Leopardi si trovavano lì perché diretti a casa del ferito.

I motivi della rissa, che potrebbe essere cominciata prima dei fatti su via Mola, con molta probabilità, hanno a che fare con un pregresso regolamento di conti -forse cominciato addirittura in Albania- che ha portato alle sprangate dell’altro ieri su via D. Martinelli e su Piazza Violante; regolamento di conti mosso probabilmente da “faide” familiari o da questioni di lavoro, “donne” o di soldi.

C’è da dire che il lavoro di intervento e di indagine svolto dalla Forze dell’Ordine è stato eccellente, ha portato, nel giro di poche ore, e su fatti che hanno turbato molto la cittadinanza e creato problemi di sicurezza pubblica, ad assicurare alla giustizia i responsabili.

Quello della sicurezza, comunque, non può essere un compito relegato alle sole forze dell’ordine. A Rutigliano circa un paio di anni fa il sindaco ha costituito un comitato istituzionale per la sicurezza e l’ordine pubblico sull’onda di una vicenda, quella del bullismo nel centro storico, molto, molto meno grave di quelle a cui abbiamo assistito nei giorni scorsi. Questo comitato, dopo circa un anno è stato sciolto.

Ora, su fatti di cronaca così gravi, il sindaco ricostituisca quel comitato istituzionale, da lui presieduto, tra Polizia Locale, Carabinieri e Prefettura con il compito di pianificare interventi di indagine su fenomeni che attengono alla irregolarità della presenza di alcune, o forse di molte, persone di diversa nazionalità. A cominciare dal monitorare situazioni di affitti illegali, non denunciati come per legge, di locali e case dentro cui si ricoverano gruppi numerosi -in questo caso- di albanesi, per finire ad un maggiore presidio del territorio, magari coordinato tra le diverse Forze dell’Ordine.

 

Commenti  

 
+7 # cittadino 2019-03-15 16:25
Mi viene una rabbia profonda vedere bravi Carabinieri che per pochi soldi, con mezzi obsoleti rispetto ad altre nazioni,devono rischiare la loro pelle ( si è un loro rischio sempre in agguato ) per noi ,per i cittadini onesti che possono solo ringraziare ma è la Magistratura che deve chiudere il cerchio in maniera esemplare. Mi auguro ma ho paura che presto i responsabili li rivedremo...spe ro di no !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-1 # pinco 2019-03-15 15:10
Caro Direttore, il compito di coadiuvare questo comitato ormai non spetta più al Sindaco, bensì sarà frutto di campagna elettorale (vedasi il video di uno dei candidati sindaci che gira su fb).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Pedro84 2019-03-15 12:53
Speriamo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna