Gio18042019

Last update05:59:57 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  
banner madel nuovo                  banner fast2  



Per gli spazi di pubblicità elettorale e le interviste ai candidati sindaco in campo, contattare la redazione: redazione@rutiglianoonline.it

Back Sei qui: Home Notizie Cronaca La Procura sequestra un inceneritore sperimentale di rifiuti a Gioia del Colle

La Procura sequestra un inceneritore sperimentale di rifiuti a Gioia del Colle

Condividi

gioia-sequestro-inceneritore

 
logo-procura

Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Bari


COMUNICATO STAMPA
21 Febbraio 2019

Carabinieri del Noe di Bari e Sezione di Pg della Capitaneria di Porto su disposizione della Procura della Repubblica di Bari appongono i sigilli ad impianto sperimentale di produzione di energia pulita da rifiuto a Gioia del Colle.
denunciato il legale rappresentante.

A seguito di articolata attività di indagine con mirati e specializzati servizi per il monitoraggio della salubrità del nostro territorio, anche con l’ausilio di un drone, gioia-sequestro-inceneritore-1nonché di approfondimenti tecnico ingegneristici ed ambientali, i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Bari unitamente ai militari della Sezione di PG della Capitaneria di Porto, hanno eseguito il sequestro preventivo dell’Impianto ISOTHERM Pwr", gestito dalla società "ITEA s.p.a" e situato all'interno dell'insediamento "AC Boylers s.p.a." (ex "Ansaldo Caldaie s.p.a) perché effettuava attività di: smaltimento di rifiuti anche pericolosi tra i quali materiale cancerogeno e teratogeno, miscelazione di rifiuti mediante macinazione con acqua, diffusione  in  atmosfera  emissioni  gassose potenzialmente pericolose,  tutto in mancanza delle necessarie autorizzazioni.

L'impianto, infatti, situato a Gioia del Colle (Ba) della capacità di 5 MWt, cioè capace di assecondare le esigenze energetiche di 2200 famiglie, veniva utilizzato per la verifica e test di nuove applicazioni industriali e prometteva, nelle intenzioni, di poter trasformare in maniera innocua qualsiasi tipo di rifiuto in energia pulita.
All'ispezione degli inquirenti si palesava la presenza, tra gli altri, di pericolosi fanghi acidi, residui di reazioni chimiche industriali, e tutta una serie di composti chimici cancerogeni e mutageni del feto materno. Il valore del bene sequestrato ammonta a circa 4 milioni di euro.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna