Gio18082022

Last update03:13:59 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

   

 

Back Sei qui: Home Notizie Attualità NIKOLA TESLA E L'UOVO DI COLOMBO

NIKOLA TESLA E L'UOVO DI COLOMBO

Condividi






















di Lorenzo De Bellis


Nel 1893 presso  la World Columbian Exposition di Chicago, si svolse una fiera internazionale in cui per la prima volta ci fu  un padiglione  dedicato  all’energia elettrica.
Evento storico dal momento che Tesla e Westinghouse presentavano ai visitatori la potenza della corrente alternata usandola per illuminare l’esposizione.
Furono esposte le lampade luminescenti (progenitrici delle lampade a neon). Tesla inoltre spiegò i principi del campo magnetico rotante e del motore ad induzione o asincrono (motore elettrico a corrente alternata in cui la velocità di rotazione dell’albero è minore della velocità di rotazione del campo magnetico generato dagli avvolgimenti dello statore). E l’uovo di Colombo cosa c’entra?
E’ noto a tutti  che l’uovo non riesce, se integro, a reggersi  dritto se  si posiziona con il suo asse maggiore perpendicolarmente al piano d’appoggio, ma  Tesla costruì per l’occasione un uovo di rame senza ammaccature sul fondo e riuscì a mantenerlo dritto sull’estremità! Ma come fu possibile? Facendolo girare intorno al proprio asse maggiore grazie all’azione di un campo  magnetico rotante.

Nikola Tesla ( n. 1856 – m. 1943), ma chi era costui? Avrebbe detto tra se Don Abbondio, di Manzoniana memoria, seduto sul suo seggiolone.
E’stato uno dei più grandi scienziati del 19° secolo. Fisico, ingegnere, praticamente un genio a cui  si devono varie scoperte tra cui  il radar, la radio, le lampade a fluorescenza, il telecomando, la corrente alternata, il motore ad induzione. La rivoluzione industriale stessa è stata possibile anche grazie  alle sue importanti  scoperte. Sicuramente  lo spirito, che animava Tesla nelle sue ricerche,   è racchiuso nella seguente dichiarazione: “ Provo continuamente un senso di profonda ed inesplicabile soddisfazione nell’apprendere che il mio sistema polifase viene usato in tutto il mondo per illuminare i momenti oscuri dell’esistenza, per migliorare la qualità della vita; e che il mio sistema senza fili, in tutte  le sue essenziali caratteristiche, viene utilizzato per rendere un servizio e per dare felicità alla gente in ogni angolo del mondo”.

Tesla durante la sua esistenza ha caldeggiato vari ambiziosi progetti , ma le sue invenzioni erano in anticipo di cento anni sui suoi tempi: nel 1987,quarantaquattro anni dopo la sua morte, due brevetti sono stati riscoperti , si tratta di una pompa e di una turbina senza pale, due sistemi che si sono rivelati utilissimi in aeronautica al fine di migliorare la sicurezza degli aerei. E’ stato il primo a dimostrare che è possibile trasmettere energia elettrica attraverso l’aria senza usare fili; è famoso l’esperimento in cui, facendo viaggiare l’energia nell’aria del suo laboratorio, riesce a far illuminare la lampada posizionata nelle sue  mani.

Precursore teorico di internet aveva intuito, ma mai dimostrato, che immagini, notizie ed energia si potessero trasferire da lunghissime distanze. Lui pensava che si potesse trasferire anche la materia.
Nel 1898 sperimentò e perfezionò il metodo per la trasmissione senza fili di un segnale: la radio, ma  il suo laboratorio venne misteriosamente distrutto da un incendio che cancellò il risultato di migliaia di ore di lavoro causando danni per più di un milione di dollari.  
Nel  1912, Tesla venne candidato a Premio Nobel per la Fisica, ma lo rifiutò per non averlo ricevuto nel 1909, al posto di G. Marconi. Nel 1915, di nuovo, Tesla rifiutò il Premio Nobel per la Fisica, venuto a conoscenza che avrebbe dovuto condividerlo con Edison.
Entrambi, comunque, non ricevettero tale onorificenza.


Energia libera rinnovabile e gratuita per tutti

Tesla era convinto che ci fosse energia inesauribile diffusa intorno a noi anche di notte,  bisognava soltanto catturarla. Non si era sbagliato! Steven Novak , in tempi recentissimi, ha verificato e dimostrato che metà dell’energia catturabile dallo spettro solare ricade nella banda degli infrarossi, che i raggi infrarossi restano sulla crosta terrestre anche di notte e che vengono emessi da un qualunque oggetto che si trovi ad una temperatura al di sopra dello zero.
Sono stati costruiti pannelli solari le cui celle  assorbono  i fotoni della luce liberando elettroni  e che, grazie a delle piccole antenne attivate da onde elettromagnetiche, catturano l’energia dei  raggi infrarossi  trasformandola in energia elettrica alternata.  
Altro che centrali nucleari!  ( equilibri economici sovvertiti)

Progetto H.A.A.R.P.( High-Frequency  Active Auroral Research Project
Progetto  per il controllo del clima a distanza e non solo. Il progetto  H.A.A.R.P. ha portato alla costruzione di un sistema di 360 antenne, alte 23 metri , capaci di trasmettere, con l’obiettivo  di migliorare le comunicazioni militari, un “raggio” d’energia ad alta frequenza nella IONOSFERA     ( La ionosfera è quella parte di  regione  atmosferica  che  inizia sui 50 Km d’altitudine e termina intorno agli 800 Km ). Esistono vari progetti di questo tipo in Porto Rico, in Norvegia, in Australia,  in Inghilterra ed ovviamente in Alaska dove a Gakona l’impianto è capace di irradiare nell’atmosfera 1.700.000 KW.  Tesla  fece i calcoli matematici  basati sui suoi esperimenti  e   scoprì  che   la  frequenza   minima   di  risonanza nella ionosfera della terra  è approssimativamente  6 -8  Hertz;  verso il 1960 alcuni ricercatori confermarono che la frequenza risonante delle cavità ionosferiche della terra è di quel ordine di grandezza (chiamata risonanza di Schuman).

Le onde theta e le onde  alfa presenti nel cervello umano lavorano tra 6 e 12 Hertz (cicli al secondo); la frequenza  con cui le onde  della cavità di Schumann entrano in risonanza è tra 6 e 8 Hertz. Tutti i sistemi biologici operano nella medesima gamma di frequenza.  
La risonanza elettrica del pianeta terra è quindi tra 6 e 8 Hertz. Tutto il nostro sistema biologico, dal cervello alla terra, opera nella stessa frequenza in fase di riposo.
Un dubbio si pone alla mente dello scrivente: se noi fossimo in grado di controllare elettronicamente questo sistema di risonanza, potremmo controllare l’intero sistema mentale di tutto il genere umano ?
Studi più recenti hanno dimostrato, utilizzando l’elettroencefalogramma, che, se il cervello è sottoposto ad impulsi di una certa frequenza, la sua naturale tendenza è quella  di sintonizzarsi.       Il fenomeno è stato definito “ risposta in frequenza”. Le prime osservazioni documentate delle risonanze elettromagnetiche globali furono fatte da N. Tesla nel 1905. N. Tesla  morì a Manhattan il 07.01.1943 all’età di 86 anni. Più di duemila persone presenziarono al suo funerale. Solo nel giugno del 1943, cinque mesi dopo la sua morte, la Suprema Corte degli Stati Uniti   in una  sua decisione, ( caso 369, 21 giugno 1943 ) riconobbe che  aveva per  primo  inventato la radio.
Lo stesso Tesla affermava: “ lasciamo che il futuro dica la verità, e giudichiamo ciascuno secondo la propria opera e gli obiettivi”.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna