Lun05122022

Last update03:43:18 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

   

 

Back Sei qui: Home Notizie Attualità UN LAUREATO IMBECILLE? UN IMBECILLE

UN LAUREATO IMBECILLE? UN IMBECILLE

Condividi























di Andrea Costanza


C’è un luogo comune davvero divertente che riguarda il mondo universitario. Recita cosi: “Frequenti l’università? Bravo, allora vuol dire che non sei un mediocre, bensì un colto, un individuo degno di rispetto”. Secondo molti, per annoverarsi nella schiera delle personalità degne di rispetto è sufficiente superare quantomeno tre ostacoli di natura, diciamo così, “burocratica”. Punto primo. Consegnare il modulo d’iscrizione alla rispettiva segreteria (uno sforzo enorme, considerata la coda chilometrica). Punto secondo. (Non) pagare le rispettive tasse. Punto terzo. Recitare come macchinette la pappardella dinanzi al prof, durante l’esame preposto (per poi scordare tutto, come per magia, il giorno dopo). Una volta superati questi ostacoli insormontabili, possiamo ritenerci delle persone dotte, e pure degne di considerazione.

Appiccicarci addosso l’appellativo di “universitario” può essere in effetti rassicurante, specie per chi vuol meglio offuscare la propria mediocrità, e dunque mettersi al riparo da reputazioni poco gradevoli. A molti di noi, l’ottenimento della laurea interessa soprattutto per fregiarsi delle futili abbreviazioni tipo "dott.", "dr", "dott.sa", e di converso per pavoneggiarsi magari col vicino di casa o con l’amico iellato. Andiamo pazzi per questo tipo di abbreviazioni. Lo sappiamo. Certo, la laurea può permetterci di parcheggiare il rispettivo deretano in qualche postificio pubblico (raccomandazione permettendo…). Tipo caserma, via.

Persino negli ambienti universitari le menti estrose sono una minoranza silenziosa e derisa, in via d’estinzione. “Come ti permetti? Io sarei un mediocre? Stai attento sai, perché sono in procinto di laurearmi!”. La verità è una sola: la creatività, lo spirito critico, la curiosità intellettuale non sono attitudini che si possono insegnare in un’auletta. Un individuo può meritarsi le abilità sopraccitate solo perché laureato? Certo che no. La laurea non possiede la facoltà prodigiosa di ripianare la mediocrità e la piattezza insita negli individui.

Ovvio: l’università, che difatti è un autentico e straordinario opificio, può avere il merito di affinare al meglio il materiale grezzo, e dunque prezioso, in un prodotto finito ancor più pregiato. Me se sei un individuo mediocre, seppur in procinto di laurea, seguiterai ancora a professare le solite sciocchezze, i soliti luoghi comuni, i soliti convenzionalismi. Ci vorrebbe l’intervento del Divino per questo tipo di redenzione. Un miracolo.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna