Dom11042021

Last update05:17:23 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner2 nuovo madel

  banner giardini 900 2  

 

banner verna rifatto 

                banner meraviglie pulito
Back Sei qui: Home Notizie Attualità Da Rutigliano un TIR carico di cose buone e utili verso l’orfanotrofio di Leopold

Da Rutigliano un TIR carico di cose buone e utili verso l’orfanotrofio di Leopold

Condividi

tir-4inzu-burundi

 

L’associazione 4Inzu non ha mai smesso di perseguire il suo progetto, quello di costruire un orfanotrofio a Gitega in Burundi, un luogo accogliente e sicuro per bambini che, altrimenti, non saprebbero dove andare e come vivere. Grazie alla solidarietà di tante persone che hanno condiviso il progetto, 4Inzu ha raccolto i fondi -frutto di donazioni-  che le hanno permesso di realizzare questo straordinario obiettivo: un orfanotrofio più grande, più efficiente e confortevole per i bambini di Leopold, persona che dirge la struttura e che dedica la sua vita alla cura gratuita di questi orfani.tir-4inzu-burundi-1L’attività di 4Inzu e il sostegno ai bambini del Burundi non si è esaurito con la costruzione dell’orfanotrofio, continua. Lunedì scorso, infatti, è stato caricato un TIR pieno di cose buone ed utili che saranno portate all'orfanotrofio di Gitega, cose donate da una serie di aziende locali.

Il pastificio Divella ha donato quintali di pasta e biscotti; l’Artigiangrafica Guarnieri ha donato colori, album, quaderni e magliette con su il logo della Onlus; Ecleir Pasticceria ha donato frigoriferi e due pozzi freezer; la cartotecnica Ronzulli ha donato le pedane che sono servite a stivare la roba; La Cicogna, storico negozio di giocattoli che ha cessato la sua attività qualche mese fa, ha donato giocattoli, appunto; l’associazione sportiva dilettantistica Rutigliano Road Runners ha donato un sacco di caramelle;  la Orion di Mola d Bari ha fornito sanitari; la Acmai di Bari ha messo a disposizione luci e materiale elettrico; la Ottomano Ferramenta ha donato zanzariere.  Sono state poi donate tante altre cose utili portate dai cittadini direttamente al centro di raccolta.
«Qui da Rutigliano il TIR è partito il 30 novembre, oggi, invece, parte dal porto di Bari perché la nave parte oggi» ci ha detto Maria Giovanna Galluzzi di 4Inzu. Le abbiamo chiesto se l’orfanotrofio sia già attivo e accoglie già i bambini. «Certo, è più di un anno, da settembre del 2019, che l’orfanotrofio è attivo» ci ha risposttir-4inzu-burundi-2o Maria Giovanna. «Sono stati completati due moduli -ha aggiunto- di cui uno, al momento, è stato adibito anche a scuola materna. Ora c’è da costruire il terzo modulo che sarà adibito a cucina e refettorio».

Insomma, è straordinario quello che è stato fatto, così come straordinario è l’impegno e la cura che le famiglie di 4Inzu hanno nei confronti di una realtà tanto bisognosa di aiuto e sostegno. Sono andate al di là della semplice, per quanto importante, adozione di alcuni bambini; non hanno voluto lasciare al loro destino in Burundi gli altri bambini e l'orfanotrofio, neanche potevano -però- adottarli tutti. Hanno trovato il modo di prendersene cura, quello di creare una Onlus e una rete di relazioni e iniziative di generosa solidarietà che ha coinvolto molte persone e aziende.

Come è nata questa bella storia?
Rutiglianooline l’ha fatta raccontare ai protagonisti, le quattro famiglie che circa tre anni fa hanno adottato bambini proprio dall’orfanotrofio di Leopold. A febbraio del 2018 abbiamo video intervistato tre delle quattro famiglie le quali ci hanno raccontato tutta la vicenda dell’adozione internazionale e l’idea -all'epoca solo l'idea- di progettare la costruzione del nuovo orfanotrofio.

Ci siamo accorti qualche tempo fa che il video dell'intervista era stato oscurato da You Tube per via di un reclamo di violazione del copyright a causa della musica utilizzata come colonna sonora. Abbiamo cambiato la musica, lo abbiamo ricaricato su You Tube. Lo riproponiamo qui sotto per chi non ha potuto vederlo.

Buona visione

 

 

 

 

Commenti  

 
-11 # PASQUINO 2020-12-05 14:17
Mai notizia fu più grata
anche se per molti insensata,
gli stessi che con il rosario in mano
si comportano sempre in modo disumano.
Prima gli italiani spesso dicono
ma nel loro egoismo si abbruttiscono,
sicuri come sono che nella prossima vita rinasceranno
nella parte ricca del mondo e ne godranno.
Non sanno che il karma è simpatica assai
e magari nella prossima vita avranno molti guai.
Sempre pronti a credere in Dio per salvare la propria coscienza
mentre ogni giorno si comportano come se ne fossero senza.
Questa iniziativa renderà molti bambini sorridenti
e questo non può essere apprezzato dai perdenti.
Un grazie particolare va a questa associazione
senza se e senza ma ma con ammirazione.
Spesso per aiutare gli altri ci vuole poco
e per questo che specie in questo periodo di coprifuoco
vi chiedo di essere più buoni e gentili
e da PASQUINO auguri servili.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-15 # Ariete65 2020-12-03 21:52
Sono orgogliosa di far parte di questa stupenda Associazione, collaboro come posso sia economicamente che con azioni diverse. Spero un giorno di poter andare in Africa, in Burundi a Gitega ad abbracciare i bambini!!! :-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna