Lun30032020

Last update10:04:39 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel nuovo

  banner garofoli energia  

 

 

Back Sei qui: Home Notizie Attualità Speculazione mediatica e attacchi alla ragazza contagiata di Noicattaro, parla il padre

Speculazione mediatica e attacchi alla ragazza contagiata di Noicattaro, parla il padre

Condividi

post-padre-ragazza-positiva


Come ha detto il sindaco Raimondo Innamorato nella sua diretta, non appena sparsa la voce di un caso di coronavirus a Noicattaro, è cominciata la “caccia alle streghe” sui social. Tutti a puntare il dito, a sentenziare, a gridare all’untore. Il padre della giovane non ce l'ha fatta e ha reagito.

«Sono il padre della ragazza risultata positiva» scrive su facebook. «Avrei potuto tacere, ma ora la misura è colma, permettetemi di fare chiarezza». E, in effetti, chiarisce tutto in quattro punti, a cominciare dal fatto che «mia figlia -scrive- non è scesa dal Nord Italia, in quanto frequenta il Politecnico di Bari».
Racconta che è uscita col suo ragazzo il 7 marzo scorso, quindi prima del DPCM dell’8 marzo e della sua entrata in vigore il 9, «ed è stata contagiata da un’amica militare di Marina di stanza a Brindisi» risultata poi positiva al coronavirus.

La figlia viene a sapere «solo il 18 marzo della positività della sua amica», continua il padre nel suo post. «Responsabilmente» il 19 marzo «ci siamo recatati a fare il tampone» dal quale è risultato il contagio della ragazza, «incolpevole e additata ora come untore», incalza il genitore. Le autorità, dunque, sono state prontamente informate, non è stato nascosto nulla. «Questo è tutto -conclude- noi siamo in isolamento domiciliare e spero di aver fatto chiarezza. Grazie e vi prego di non speculare, mediaticamente parlando, su questa situazione che ci sta stressando».

Insomma costringere un genitore, che già vive, insieme a tutta la sua famiglia, l’apprensione, forse l’angoscia, del brutto momento, ad esporsi pubblicamente per difendere la figlia dagli attacchi, è davvero una cosa triste, brutta, incivile.

Contrarre il virus può capitare a chiunque ed è già un dramma di suo, non ci si metta pure la cattiveria, la maniacale ricerca del “colpevole” e il chiasso sui social.

 

Commenti  

 
+3 # Pino 2020-03-21 20:59
Un plauso a questo padre per il coraggio e l'onestà dimostrata .La sua segnalazione è di grande utilità per la salvaguardia di tutta la collettività, perciò gliene siamo grati. Auguri per tutta la sua famiglia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # cittadino 2020-03-21 08:24
Purtroppo il popolo si suddivide in persone che hanno cervello e persone che i neuroni del loro cervello non si sono evoluti. Perchè giustificarsi ? Perchè sprecare tempo per individui che la parola rispetto non è presente nel proprio vocabolario. Sono queste le persone che bloccano la civiltà in cui si dovrebbero sapere i nomi con tanto di rispetto affinchè le persone che hanno avuto rapporti con esse positive possano a loro volta identificarsi per agevolare la battaglia . Una civiltà senza privacy ma con tanto rispetto come merita la ragazza a cui và tanti auguri.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna