Lun20012020

Last update01:24:19 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel nuovo

   banner odusia libreria  

 

 

 

 
banner cas dalba
    banner bella e naturale  
  banner-verna modif

 banner gio collection
    banner pagliarulo
   banner valentina boutique-corretto

 banner mediaphone

   banner overkids RUTIGLIANO
 
  banner tesori del forno

 banner fratelli settanni
 
  banner bistrot 06

   banner hakuna matata

banner-punto-luce2

   banner la coccinella
 
  banner la casa di carta cartolibr

banner madre-terra-nuovo

  corso-banner-fantasia 

  banner pronto ufficio
banner perniola 400px    banner-castiglione  
 banner dioguardi fotografia
 
banner la cicogna

   
Back Sei qui: Home Notizie Attualità “Gesù è tornato sulla terra”, la recita natalizia che ha invitato a riflettere

“Gesù è tornato sulla terra”, la recita natalizia che ha invitato a riflettere

Condividi

acr-50anni


di Valentina Castiglione Minischetti

A volte, interpretare un messaggio profondo, non è molto semplice. Ma quando sono i bambini a trasmetterlo, la situazione cambia e ci si ritrova ad ascoltare con attenzione ogni singola parola.
Stavolta, i protagonisti sono stati i ragazzi dell’ACR della Parrocchia San Domenico, che in occasione dei 50 anni dalla nascita dell’associazione, hanno voluto mettere in scena l’opera “Gesù è tornato sulla terra”.

L’opera teatrale, scritta dal commediografo campano Oreste De Santis, è stata rappresentata lunedì scorso presso la Parrocchia stessa.

In Paradiso, durante una discussione, Gesù, la Madonna e San Pietro incolpano Dio per tutte le  disgrazie presenti sulla terra. I tre sono convinti che Dio sia  arrabbiato con gli uomini così tanto da essere acr-50anni-1causa di sfaceli quali terremoti, guerre ecc. Dio affranto, sconsolato e anche piuttosto arrabbiato cerca invano di difendere la sua persona, dichiarandosi estraneo da quanto accade.

È l’uomo in realtà a essere causa di questi mali per le sue azioni scorrette. Ma quando una ambasciata capitanata da Padre Pio e composta da San Gennaro, Sant’Antonio, Karol Wojtyla, San Ciro, San Giovanni e Madre Teresa di Calcutta si presenta in Paradiso, per far capire che non è colpa sua e che ha a cuore l’uomo, sotto suggerimento di San Pietro, Dio decide di far ritornare nuovamente Gesù sulla terra.

Così la notte di Natale, travestito da barbone, Gesù ritorna sulla terra con una pesante valigia. Attaccato immediatamente da due ladri che non riescono a portar via il bagaglio, Gesù ammette che la valigia è colma di tutti i peccati del mondo quali l’odio, l’invidia, la malvagità e che dunque solo lui è in grado di portarla. Così, dopo essere riuscito a convertire tutto il male in bene, la rappresentazione si conclude con un lieto fine.
Un’opera divertente e leggera che può fungere certamente da spunto per una lunga riflessione.

In una società in cui quasi ogni giorno il male fa da protagonista, spesso ci ritroviamo a fare i conti con le nostre azioni,ma non volendo ammettere gli errori commessi,  incolpiamo sempre gli altri.
Non sarebbe forse il caso di imparare ad agire secondo l’amore e il buon senso?

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna