Dom08122019

Last update12:24:09 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel nuovo

   banner odusia libreria  

banner sagra pettola
 
     
            banner comune natale 2019



banner babbo natale shoppine 2017

 
banner cas dalba
    banner bella e naturale  
  banner-verna modif

 banner gio collection
    banner pagliarulo
   banner valentina boutique-corretto

 banner mediaphone

   banner overkids RUTIGLIANO
 
  banner tesori del forno

 banner fratelli settanni
 
  banner bistrot 06

   banner hakuna matata

banner-punto-luce2

   banner la coccinella
 
  banner la casa di carta cartolibr

banner madre-terra-nuovo

  banner dioguardi fotografia

  banner pronto ufficio
banner perniola 400px   banner-castiglione
  banner la cicogna
 
Back Sei qui: Home Notizie Attualità Sedici anni dalla Strage di Nassiriya, I fatti le vittime le indagini

Sedici anni dalla Strage di Nassiriya, I fatti le vittime le indagini

Condividi

strage-nassiriya


di Teresa Gallone

10 novembre 2019, ore 11:30: a Palkana, fra Erbil e Kirkuk a nord dell’Iraq esplode un ordigno rudimentale durante il transito di una squadra mista di forze speciali. Cinque militari italiani sono stati coinvolti nell’esplosione, tre feriti in modo grave: Paolo Piseddu, Michele Tedesco, Andrea Quarto, Marco Pisani ed Emanuele Valenza.  
Gioco del destino, il fatto cade a pochissimi giorni di distanza dal sedicesimo anniversario della strage di Nassiriya.

I fatti
12 novembre 2003, ore 10:40: a pochi chilometri da Nassiriya in Iraq esplode un camion imbottito di 150 chili di tritolo mescolato a liquido infiammabile, davanti alla base italiana della Multinational Specialized Unit. L’esplosione ne provocherà un’altra, nel deposito delle munizioni. Fra le vittime, cinque militari, dodici carabinieri e civili, un regista, un cooperante internazionale e nove cittadini iracheni. I feriti sono quasi una sessantina. Il carabiniere Andrea Filippa, in un disperato tentativo di evitare un’esplosione interna, uccide i due kamikaze ma il deposito delle munizioni della base “Maestrale” salta in aria.
 
Le vittime
I carabinieri: Andrea Filippa, Massimiliano Bruno, Giovanni Cavallaro, Giuseppe Coletta, Enzo Fregosi, Daniele Ghione, Ivan Ghitti, Horacio Majorana, Filippo Merlino, Alfio Ragazzi, Domenico Intravaia,  Alfonso Trincone.
I militari: Silvio Olla, Alessandro Carrisi, Massimo Ficuciello, Emanele Ferrero e Pietro Petrucci.
I civili italiani: Marco Beci, cooperatore internazionale e Stefano Rolla, regista

Le indagini
Vengono aperte due inchieste. Le autorità militari indagano sulle possibili falle nella prevenzione di un simile attentato. La Procura di Roma apre un fascicolo su responsabilità e omissioni.
Due le ipotesi sulla matrice dell’attentato: la prima condurrebbe ad Al Zarqawi e agli estremisti sunniti, la seconda a una cellula terroristica libanese vicina ad Al Qaeda.

Le commemorazioni e le onorificenze
Le vittime coinvolte sono state insignite nel 2005 dalla Croce d’Onore. Nel 2009 ai sette caduti siciliani è stata conferita la Medaglia d’Oro al Valor Civile.
Nella Capitale verrà celebrata la Giornata del ricordo dei caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace in occasione del 16° anniversario della strage di Nassiriya. Moltissime le commemorazioni ufficiali in tutta Italia.

 

 

You have no rights to post comments