Mar16072019

Last update01:53:39 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  
banner madel nuovo                  banner fast2  
Back Sei qui: Home Notizie Attualità Sea-Watch, Ong, Carola… morale e politica

Sea-Watch, Ong, Carola… morale e politica

Condividi

carola-Sea-Watch

 

Sac. Pasquale Pirulli
don pasquale foto
Non c’è che dire il problema dell’immigrazione rende scottante le linee della comunicazione sia tv che giornalistica. Abbiamo un ministro degli interni il quale ogni giorno detta i suoi proclami di guerra nella speranza di essere l’interprete del sovranismo populista più becero. Cosa significa il “populismo”? È l’appiattimento sugli istinti meno nobili degli uomini: l’egoismo, la chiusura, la divisione, l’odio! È attribuire al popolo sentimenti di esasperata e paurosa autarchia che rifiuta la comunità, l’accoglienza. Potremmo sintetizzare il populismo di marca nostrana nello slogan “Prima gli Italiani! Porti chiusi!”. Cavaliere errante di questa ideologia sovranista che monopolizza anche il confronto politico è l’ineffabile ministro degli interni Matteo Salvini che riveste anche la carica di vice-premier.

Negli ultimi giorni egli si è confrontato con la vicenda che ha avuto protagonista Carola Rackete che alla guida della nave Sea-Watch ha attraccato al molo del porto di Lampedusa per mettere in salvo le vite dei migranti che aveva raccolto in mare. Al di là delle sue plateali accuse e minacce che non sono state recepite dal Gip di Agrigento Alessandra Vella che non ha convalidato l’arresto di Carola e ha disposto la sua liberazione, rimane il fatto di un ministro che entra in rotta di collisione con la magistratura, alla quale egli riserva epiteti e apprezzamenti negativi. Qualcuno ha parlato di destabilizzazione dell’ordine pubblico a seguito dell’ipotetico conflitto tra politica e diritto, tra potere esecutivo e potere giudiziario.

Sulla «triste» vicenda, non c’è altra qualifica per definire il dramma dei migranti ai quali il ministro degli interni chiude i porti italiani, ha espresso le sue preoccupazioni il Presidente dell’Associazione Teologica Italiana per lo studio della Morale Piedavide Guenzi. In un primo giudizio egli rileva “le drammatiche contraddizioni presenti nei comportamenti e nelle parole di alcuni soggetti, anche istituzionali” (n.d.r. il riferimento è a Matteo Salvini!). Viene stigmatizzato “il tentativo insistito di presentare come reato l’impegno per il soccorso nei confronti di chi si trova in situazioni di grave pericolo e potenzialmente letale”. I moralisti italiani affermano che tale tendenza è lontana dalla tradizione morale dell’Occidente e richiamano la “Regola d’Oro” che in primo luogo afferma: “Ciò che vorresti fosse fatto a te, tu fallo ad altri”.

Proprio lo scagliarsi contro la solidarietà, praticata sulle rotte infide del Mediterraneo dalle ONG, contraddice il disposto dell’art. 2 della Costituzione Italiana che richiama “l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”. In definitiva si auspica che nel presente dibattito si tenga presente il principio della “prevalenza degli obblighi di soccorso e di cura del debole rispetto ad altre esigenze, anche di grande rilievo”.  

Nel confronto è intervenuto anche l’ex-premier Matteo Renzi con una lettera al quotidiano La Repubblica il 5 luglio nella quale propone  di parlare di immigrazione rimanendo “seri e umani” e  a contrastare “un linguaggio (di Salvini) che sfocia nell’odio” propone dieci piccoli punti di riflessione, dei quali trascrivo qualche passo:
«1.Se qualcuno è in mare, si salva e si porta a terra. Lasciare in mare delle persone per calcolo elettorale fa schifo… Tutti coloro che soccorrono persone in mare e le portano a terra meritano il nostro grazie, non gli insulti in banchina.
2. L’Italia è terra di migranti. Il mito di Roma nasce da un migrante (Enea), l’Impero è storia di inclusione…. L’Italia è aperta da secoli. E i nostri nonni soffrivano chiudendo la valigia di cartone con lo pago mentre lasciavano il Veneto o la Calabria. Chi nega questa storia è un ignorante che tradisce i valori del Paese.
3. (…) Non chiedo scusa per le vite salvate nel Mediterraneo. Non chiedo scusa per aver combattuto il protocollo di Dublino, firmati da Berlusconi e Lega. Non chiedo scusa per aver recuperato ii cadaveri del naufragio del 2015. La civiltà è anche da una sepoltura: ce lo insegna Antigone, ce lo insegna Priamo: i Salvini passano, i valori restano!
4. Aiutarli a casa loro è una priorità…. Non è sbagliato dire “aiutiamoli a casa loro”: è sbagliato non farlo!
6. L’Italia non ha un’emergenza immigrazione, ma tre emergenze gravissime: denatalità, legalità, educazione.
7. Legalità. Se Carola ha sbagliato manovra o infranto la legge, è giusto processarla. Se un immigrato ruba, è giusto processarlo. Ma questo vale per tutti: o la legalità vale sempre o non vale mai. Difficile credere a Salvini quando definisce  “delinquente” Carola e invoca per sé l’immunità parlamentare per salvarsi.
8. La questione educativa è meno visibile, ma è profonda… Aprire i musei, altro che chiudere i porti. Investire sui teatri e sulla scuola, specie nelle periferie, non solo sulla repressione.
9. I populisti hanno bisogno delle fake news. Emblematico il fotomontaggio con i parlamentari della Sea Watch ripresi  come fossero in un pranzo luculliano a base di pesce…
10. Non è la globalizzazione il nostro avversario. Se diciamo  che la globalizzazione è il nemico che distorce economia, cultura, identità, finiamo con il fare un assist a chi dice “prima gli italiani”, chiede di costruire muri, istiga all’odio».

A conclusione di questa nota mi piace ricordare la visione di pace auspicata da papa Francesco quando il 21 giugno dall’alto della collina di Posillipo in Napoli ha salutato “il Mare Mediterraneo che è da sempre luogo di transiti, di scambi, e talvolta anche di conflitti. Questo luogo pone una serie di questioni che possono così essere riassunte: Come alimentare  una convivenza tollerante e pacifica che si  traduca in fraternità autentica? Come far prevalere  nelle nostre comunità l’accoglienza dell’altro e di chi è diverso da noi perché appartiene a una tradizione religiosa e culturale diversa dalla nostra?”.  

 Foto-slide tratta da artribune.com

 

Commenti  

 
+4 # son desto 2019-07-08 10:03
Caro don Pasquale, lei scrive di: "...interprete del sovranismo populista più becero" e ancora" ... l’appiattimento sugli istinti meno nobili degli uomini: l’egoismo, la chiusura, la divisione..."
Ma lei, mi scusi, si è mai reso protagonista di un gesto di accoglienza di un extra comunitario o è tra coloro che predicano soltanto?
Siamo bravi a nasconderci dietro i Santi, organizziamo mega feste e raccogliamo soldi per soddisfare la nostra fame di apparire e di essere protagonisti. Critichiamo Salvini perché dice quel che pensa e che tutti vorremmo esternare (e il suo attuale 40% di gradimento ne è la dimostrazione).
Non si è razzisti per difendere i propri confini, non lo si è neanche nel chiedere all'Europa di farsi carico, in egual misura, dei problemi legati ai migranti (che poi i migranti sono quelli che emigrano per lavorare non per delinquere).
PS: spero di non aver commesso errori grammaticali e soprattutto di aver espresso e chiarito il concetto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-4 # spandt 2019-07-09 15:41
Quindi se non uno predica che bisogna salvare le montagne, deve portarsi un pezzo di montagna a casa? Se uno predica pace e amore deve andare baciando e abbracciando tutti per strada?
Altrimenti lei sa come funziona l'accoglienza di un extracomunitari o? Come funziona la cosidetta immigrazione regolare? Come può un privato portarseli a casa sua? E l'italia non è casa sua? Cosa rende la Libia un porto sicuro? Salvini dove era quando era europarlamentar e ed era invitato a discutere del trattato di dublino? Lei lo sa o è TRA COLORO CHE PREDICANO SOLTANTO??
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-4 # Franco Larizza 2019-07-08 21:20
Certo a te "son desto", farebbe comodo che gli uomini di chiesa tacessero mentre "capitan cazzaro" sventola e bacia ignobilmente il rosario (chissà se lo ricorda il Padrenostro).
Io sono tra quelli (tra i tanti) che ha organizzato raccolta fondi.
Ne voglio parlare ma non con un fantasma. Presentati e mettici la faccia, come fa PASQUALE PIRULLI.
Presentati, ti va?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # ? 2019-07-09 09:04
Invece voi ex pseudo comunisti incensate i preti quando condividono le vostri posizioni, e li attaccate ferocemente nel caso contrario. Ipocriti farisei.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # condivido 2019-07-09 18:56
condivido a pieno. I comunisti sono come i ravanelli ormai: rosso fuori e bianchi (come democristiani) dentro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # son desto 2019-07-09 08:06
PS: e non sono un leghista...fors e sono più di sinistra di molti falsi sinistroidi, tipo quelli che hanno fatto alleanza e campagna elettorale con il Nuovo Centro Destra di Milillo & C. per la seconda volta consecutiva.
Caro Franco non basta firmarsi se ci comportiamo in modo diverso da come recitiamo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # son desto 2019-07-09 08:01
Se domani decidono di metterci tutti la faccia...anch'i o non avrei problemi ad esprimere i miei concetti con la mia firma!
E mi piacerebbe ascoltarti nel recitare il Rosario.
Vedi caro Franco, il mio non è un voler accusare ciecamente il Don, ma sono stanco di una chiesa abituata ad inveire anatemi, verso chi non pensa secondo i loro dettami, mentre loro continuano a comportarsi peggio di Salvini (non è il caso di Don Pasquale), vien facile dire agli altri di accogliere e chiudere le proprie case. Anch'io faccio beneficenza ma me lo tengo per me (magari aiutando anche extracomunitari ). Io non voglio condannare il Don, ma mi piacerebbe una chiesa "aperta" seriamente e non solo per chiedere agli altri di ospitare! Parlando di "Pasquale", si trasformi San Pasquale in centro accoglienza e vediamo quanti sarebbero propensi a questo...chiesa in primis.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-3 # Mister X 2019-07-08 10:01
E' la prima volta, caro don Pasquale, che leggo dei commenti ai suoi scritti. Visto dal punto di vista di un sacerdote lo scritto non poteva andare in altra direzione. Tuttavia mi sento di dirle che poteva risparmiarsi i dieci punti renziani visto che da quel pulpito non è che l'Italia abbia tratto qualche giovamento. Detto questo dovrebbe convenire che la nostra amata Italia si è imbruttita e corrotta a tal punto che anche i nostri figli in molti casi sono trattati peggio degli emigranti.Conos co un giovane ad esempio, reduce da un brutto incidente stradale, iscritto nelle liste speciali, che da anni non riesce a trovare un lavoro. Per arrabattare qualche soldo fa il tuttofare in una trattoria per soli 2 euro l'ora. Il tutto naturalmente a nero. Le sembra possibile una cosa del genere?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # cittadino 2019-07-08 06:12
Il signor Salvini è solo un uomo che chiede rispetto delle regole e non fà paura a nessuno , l'immigrazione va bene quando è controllata altrimenti , anche la chiesa lo afferma,diventa caos a favore di coloro che vogliono sfruttare povera gente.Quella gente che sfrutta in vari modo questa gente è quella che mi fà paura.Wsiuoch magari fossi una copia di Savonarola non sono al suo livello purtroppo. Corsi di italiano forse ne ho bisogno ma non ha bisogno per il ricordo ed il rispetto per quei giovani italiani morti per difendere i confini dall'invasore nelle guerre passate . Giovani come Voi nell'oblio dei ricordi. Anche gli invasori erano esseri umani, poveri esseri umani da rispettare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-1 # Giuseppe Depalma 2019-07-09 08:37
Se le piacciono i * alla Salvini, pieni di parole ma di dubbia sostanza, faccia pure, si abbeveri pure di chiacchiere e rosari, si attacchi al carro mistico del 40%, della sacra volontà popolare. Ma per favore lasci stare la Storia, non la usi come un pass-partout per tutte le occasioni. A quali guerre in difesa del sacro suolo si riferisce? Al mito della Disfida o a quella del “Piave che mormorava” ? Nella prima 13 predatori mercenari difendono il loro “onore” di guerrieri, nella seconda il reuccio e la sua corte mandarono a morire migliaia di giovani per conquistare un altro pezzo di terra. O si riferisce a quella del “Mi serve qualche migliaio di morti per sedermi vincitore al tavolo della pace” be anche lì non vi erano confini da difendere ma l’ego di un altro *. Nel corso dei secoli agli invasori noi (spesso) davamo, felici, le chiavi di casa. Come diceva il Guicciardini "o Franza o Spagna, purché se magna".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-1 # Gianni Nicastro 2019-07-09 19:23
Caro sig. Depalma,
quel sostantivo ha anche altri significati. Comunque, non avrebbe aggiunto nulla al suo interessante commento. Mi capita, a chi mi contesta la "censura", di dire che -in generale- è meglio una parola in meno che una di troppo. So che mi perdonerà.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-3 # Augusto 2019-07-07 20:14
* P.S: Direttore pubblichi per favore questo post
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Gianni Nicastro 2019-07-07 23:47
Un post pieno di ignorante pregiudizio, banalità e luoghi comuni da fare spavento. Il "P.S" era l'unico passaggio pubblicabile.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Augusto 2019-07-08 22:44
Citazione Gianni Nicastro:
Un post pieno di ignorante pregiudizio, banalità e luoghi comuni da fare spavento. Il "P.S" era l'unico passaggio pubblicabile.

Grazie per non aver pubblicato il mio post, altri hanno espresso il mio pensiero che è quello di tanti e c'è chi dice di peggio! Se Salvini fallisce verrà uno peggio!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-3 # cittadino 2019-07-07 16:36
Disamina fatta con il cuore ma non con un pensiero apolitico. Stiamo attraversando un attacco di destabilizazzio ne da parte di un sistema che vuole l'Italia allo sbando con grave conseguenza per gente che pensa di avere un futuro ma che gli aspetta solo sfruttamento. La storia ci dirà che il pensiero populista in realtà è solo reazione anticorpale a discorsi pseudi religiosi e falso buonismo. Da cristiano rispetto il voto,rispetto il pensiero di un ministro e sono stufo del non rispetto del voto degli italiani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Madama 2019-07-07 18:57
Cittadino, informati dove si tengono i, sempre più rari, corsi di italiano per extracomunitari , che ne hai tanto bisogno.
Potrebbe essere anche una occasione per un "bagno di umanità".
P.S.: oltre ai verbi, ritenta con una nuova combinazione delle "zeta" in destabili...., vediamo se ci prendi :D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # Wsiuoch 2019-07-07 16:59
mi sembri la brutta copia di girolamo savonarola, una specie di predicatore dell'inutile. rilassati, mangia un po' di nutella, come fa il tuo capitano, che dice un sacco di ... ... ma almeno ogni tanto ride e manda "baciuoni".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna