Dom04122022

Last update03:43:18 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel 2022

   

 

Back Sei qui: Home Notizie Attualità Azetium, rinnovato il vincolo archeologico ma non si vede la fascia di rispetto

Azetium, rinnovato il vincolo archeologico ma non si vede la fascia di rispetto

Condividi

azetium-nuovo-vincolo-2019


di Gianni Nicastro

Lo si stava aspettando ed è arrivato. Il 20 marzo scorso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, attraverso la Commissione Regionale per il Patrimonio Culturale della Puglia, ha emanato il decreto (n. D.C.P.C. 84) che dichiara “bene di interesse culturale” l’area archeologica di Azetium sita in località Torre Castiello a Rutigliano. Il nuovo decreto annulla e sostituisce il decreto ministeriale dell’8 marzo 1990 che per la prima volta aveva apposto il vincolo archeologico diretto e indiretto (fascia di rispetto) sull’area dell’antica città peuceta.

L’adozione di questo “provvedimento di tutela vincolistica” è stata proposta alla Commissione dalla Soprintendenza Archeologica della città metropolitana di Bari. Il decreto non dice granché sui motivi per cui si è voluto ribadire il vincolo su Torre Castello, ne adombra due, ma ce ne può essere un terzo.
azetium-nuovo-vincolo-2019-1
Il vincolo archeologico del 1990 era stato istituito sulla base della legge n. 1089 del 1939 di “tutela delle cose di interesse artistico o storico” abrogata nel 1999 dal decreto legislativo 490 (“Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali…”). Anche quest’ultimo decreto è stato abrogato ad opera dell’attuale "Codice dei beni culturali e del paesaggio”, il D. Lgs.  42/2004; per cui, è molto probabile che il vincolo archeologico di Torre Castiello avesse bisogno di essere attualizzato sulla base del nuovo Codice. E, in effetti, il nuovo “provvedimento di tutela vincolistica” è stato adottato “ai sensi degli artt. 12-13 del d.lgs. 42/04”.

Gli altri due motivi si leggono direttamente nel decreto. A causa della “vastità delle ditte proprietarie e la difficoltà di reperire i recapiti, il D.M.  08/03/1990 non veniva notificato alla totalità dei proprietari e conseguentemente, non risultava trascritto presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari di Bari”. Risultava, poi, “necessario provvedere al rinnovo della Decl. 05/04/1989, per la parte di proprietà del Comune di Rutigliano”. Il 20 marzo scorso, quindi, la Commissione Regionale per il Patrimonio Culturale della Puglia ha provveduto ad annullare e sostituire sia il decreto del 1990 che la declaratoria del 1989 dichiarando l’area di Torre Castiello “bene di interesse culturale” con tutto il regime azetium-nuovo-vincolo-2019-2vincolistico che ne deriva.

Ma c’è una differenza, che immediatamente salta agli occhi, tra questo nuovo decreto e quello vecchio; riguarda la cosiddetta “tutela indiretta”, cioè, la fascia di rispetto tutta attorno all’area sulla quale c’era, e c’è, il vincolo archeologico diretto. Nel nuovo decreto questa fascia di rispetto non c’è. Sulla planimetria allegata è disegnata l’area che corrisponde a quella direttamente vincolata, non è disegnata la seconda area, quella che le gira intorno chiaramente disegnata nella planimetria allegata al decreto dell’8 marzo 1990 (si vedano le foto delle planimetrie qui sotto pubblicate).

Il vecchio decreto è composto di due articoli, l’art. 1 dice questo: “Gli immobili sopraelencati, contenenti i resti archeologici sopracitati, individuati con tonalità più scura nell’allegata planimetria facente parte integrante del presente decreto, sono dichiarati di interesse particolarmente importante, ai sensi della legge 1.6.1939, n. 1089 e vengono quindi sottoposti a tutte le disposizioni di tutela in essa contenute”. L’art. 2 istituisce proprio la fascia di rispetto: “Nei confronti degli immobili sopraindicati, evidenziati in grigio con tonalità più chiara nell’unita planimetria, è istituita una fascia di rispetto, nell’ambito della quale è vietato realizzare costruzioni, anche di carattere precario, eseguire opere di trasformazione agraria o scavi nel territorio e nella roccia sottostante, che alterino l’attuale aspetto dei luoghi”.

Anche le particelle coinvolte, nel vecchio decreto, sono molto più numerose, 739, delle quali 470 riguardano l’area con vincolo archeologico diretto (rossa), 269 riguardano la fascia di rispetto (vincolo indiretto, arancione). Nel nuovo decreto si contano solo 470 particelle, mancano le particelle della fascia di rispetto.

Ora, la fascia di rispetto è scomparsa? Nel caso sia davvero scomparsa sarebbe interessante -e utile- che la Soprintendenza ne spieghi il motivo. Anche perché il nuovo decreto non dice nulla su questo, non si sa, dunque, se la fascia di rispetto sarà istituita in un secondo momento o no. Non credo sia cambiato il regime vincolistico tra il nuovo e il vecchio decreto, l’impressione che si ha, invece, è che oggi ci sia qualcosa in meno.


D.M. 8 marzo 1990
azetium-1990

Decreto 20 marzo 2019
azetium-2019

 

Commenti  

 
-1 # ..... 2019-04-01 10:10
http://paesaggio.regione.puglia.it/osservazioni_schede/ID_2088_scheda.pdf

con la presente osservazione il comune di rutigliano nel 2014 si oppone all'istituzione di un'ulteriore fascia di rispetto oltre a quella già esistente. ora mi chiedo, se viene a mancare la fascia di rispetto così come costituita precedentemente bisogna reinserirla nel PUTT/p o no? .... rimane vigente quella istituita con Deliberazione della Giunta Regionale n. 1888 del 6 settembre 2011,
ovvero tenga conto del vincolo indiretto apposto all’art. 2 del Decreto Ministeriale 08/03/1990?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-1 # ..... 2019-04-01 09:42
è regolare la notifica con l'albo pretorio senza il tentativo di notifica ad ogni singolo proprietario?

Art. 15. Notifica della dichiarazione

1. La dichiarazione prevista dall’articolo 13 è notificata al proprietario, possessore o detentore a qualsiasi titolo della cosa che ne forma oggetto, tramite messo comunale o a mezzo posta raccomandata con avviso di ricevimento.

qui non si parla proprio di affissione all'albo pretorio!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Gianni Nicastro 2019-04-01 10:42
Il decreto è pubblicato all'albo pretorio del comune di Rutigliano, Noicattaro e Mola.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna