Lun22072019

Last update12:22:27 PM

banner conad 2016    banner arborea corretto  

banner madel nuovo

   banner corretto musical break  
Back Sei qui: Home Notizie Attualità FAI e chiesa dell'Annunziata, grande soddisfazione per i risultati raggiunti

FAI e chiesa dell'Annunziata, grande soddisfazione per i risultati raggiunti

Condividi

annunziata-sorino


di Tino Sorino

Grande soddisfazione per il successo dell’iniziativa promossa dal comitato pro Annunziata per inserire l’omonima chiesetta tra i luoghi del cuore del FAI. Per gli amanti dell’ambiente italiano che nel FAI vedono un presidio e un faro sui beni da salvaguardare, l’Annunziata è già sul sito del prestigioso Fondo per l’Ambiente Italiano, al 9° posto tra le bellezze della Puglia da tutelare e al 47°posto nazionale tra quelle italiane su 37.200 luoghi censiti.

8.180 i voti raccolti on line e in via cartacea, dopo un’ampia campagna di informazione e sensibilizzazione della cittadinanza da parte del comitato. La Chiesa rurale della SS. Annunziata, cara a tutti i rutiglianesi e non solo, per la sua storia, per le tradizioni ancora vive, per la ricchezza della sua biodiversità, è stata selezionata tra i beni partecipanti al Censimento FAI  “Luoghi del cuore 2018”, classificandosi al secondo posto nella provincia di Bari, dopo una tipografia storica di Altamura.

Si attendono, ora, le linee guida per il Sindaco e la comunicazione ufficiale dei risultati delle votazioni, per comprendere come procedere”, dice Vito Laforgia, attivamente impegnato da anni nel comitato promotore. La comunità rutiglianese è già in fermento, perché da decenni è in attesa del totale recupero e della valorizzazione di un sito che raccoglie le radici della sua storia ed è un punto di riferimento per tanti che lì hanno trascorso momenti indimenticabili della loro vita.

Costituitosi nel 2011 per porre fine all’oblio, all’abbandono, allo scempio e agli atti vandalici che hanno interessato la Chiesa rurale negli ultimi decenni, il gruppo di volontari pro Annunziata, guidato dal presidente dott. Oronzo Valenzano che già ha percorso un bel tratto sulla strada del recupero del bene (anche grazie a contributi da parte della Regione Puglia, del GAL Sud/Est Barese, della C.E.I. e di semplici cittadini), ora spera di vedere interamente realizzato il suo progetto. E sogna anche l’istituzione del Parco Naturale Regionale di Lama San Giorgio e Giotta, di cui l’Annunziata ha tutte le premesse per diventare la perla.

Commenti  

 
+1 # Sisto 2019-02-10 10:45
Il patrimonio storico ed artistico è come un tesoro da tutelare e da investire anche in posti di lavoro. L'arte ed il turismo sono le nuove aziende dei prossimi anni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-2 # cittadino 2019-02-09 17:34
Come cittadino non mi interessa la classifica in una nazione che con il patrimonio artistico che ha in qualsiasi paese della nazione ,dal più piccolo al più grande,non ci sarebbe stata disoccupazione .Solo di restauro delle centinaia di siti sparsi ,ogni giovane avrebbe avuto una ottima occupazione . Dovevamo essere una Nazione in cui il patrimonio artistico e monumentale primo nel mondo avrebbe trainato lavoro e turismo ma,ma ...sto aspettando la strada per adelfia ogni commento non lo faccio per non offendere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna